Home Altro Scacchi-Dama-Othello DAMA – A Chianciano (in presenza) i campionati italiani

DAMA – A Chianciano (in presenza) i campionati italiani

60
0

Torna la Dama ad alto livello e dal vivo (in presenza) con  il campionato italiano veterani della specialità ‘internazionale’ (la dama su damiera di 100 caselle) e il campionato italiano giovanile di dama nella versione tradizionale su damiera di 64 caselle, ovvero la classica ‘dama italiana’, in programma a Chianciano Terme dal 4 al 6 settembre prossimi.

Sei i finalisti che si contenderanno lo scudetto, tra i quali principale favorito è il savonese Daniele Bertè, che punta ad arricchire il suo ‘palma res’ con un ulteriore titolo tricolore. Completano il campo di gara il bergamasco Nicola Gioffrè, il novarese Francesco Militello, Francesco Vincenti di Roma e Giovanni Fava e Renato Di Bella di Latina.

Contemporaneamente si giocherà il campionato con  il campionato italiano giovanile di dama nella versione tradizionale su damiera di 64 caselle, ovvero la classica ‘dama italiana’ da tutti conosciuta.

I giovani damisti sono alla loro prima uscita ‘post covid’, che li vedrà giocare non solo con la mascherina ma anche con la visiera in plastica, come da precise indicazioni della Federazione Italiana Dama sulla base di quanto disposto dal CONI, l’organo sportivo cui la Federdama appartiene dal 1993 come ‘disciplina associata’.

Quattro le sezioni dei Campionati: Juniores, Cadetti, MInicadetti e Speranze, basate sulle fasce di età biennali. In palio oltre allo scudetto tricolore il diritto di rappresentare l’Italia nei prossimi campionati europeo e mondiale di categoria.

La specialità della Dama – In tutte la presa è sempre obbligatoria; se un giocatore non si accorge di poter fare una presa (ma nelle competizioni agonistiche non succede quasi mai) l’Arbitro interviene e lo obbliga a effettuarla. ATTENZIONE: a Dama non si soffia! Il ‘soffio’ è stato universalmente abolito nel 1934!

Ricordiamo inoltre che la partita a dama è vinta quando un giocatore cattura tutti i pezzi dell’avversario. Ma si può vincere anche bloccando i pezzi dell’avversario, cioè quando l’avversario, pur avendo dame e pedine, non può fare alcuna mossa.

*dama italiana – la dama tradizionale su tavoliere di 64 caselle (8×8)

*dama internazionale – la specialità giocata su tavoliere di 100 caselle (10×10) e scelta dalla Federazione Mondiale per le competizioni internazionali; era il gioco preferito di Napoleone, che durante le sue conquiste la diffuse soprattutto nei Paesi africani (nei servizi tv e giornalisti si vedono spesso immigrati che giocano questa specialità damistica).