Home Altro Varie Flazio, il site builder italiano, compie 9 anni

Flazio, il site builder italiano, compie 9 anni

47
0
Flazio
Flavio Fazio

Milano – Flazio (www.flazio.com), il Site Builder italiano nato nel 2011, è arrivato al nono anno di attività, guardando già ad un decimo anno che si preannuncia ricco di sfide positive. Nato con la volontà di rendere più accessibile ai non addetti ai lavori il mondo della progettazione di siti web, Flazio.com ha innovato il mercato dei siti web, riducendo drasticamente i prezzi medi per la loro realizzazione e rendendo il web più accessibile a tutti. Sono oltre 1 milione in tutta Italia i siti web costruiti grazie alla piattaforma, che solo nell’ultimo anno è cresciuta del +80%.

“Nel 2011, quando Flazio.com ha visto la luce, il mondo del web aveva un aspetto decisamente diverso e sebbene la comunicazione digitale fosse già parte integrante della quotidianità di migliaia di utenti, in pochi avrebbero potuto immaginare quanto pervasiva sarebbe diventata negli anni successivi – racconta Flavio Fazio, Fondatore e CEO di Flazio.com – L’intuizione di Flazio.com è stata proprio quella di cogliere come l’evoluzione della piccola media impresa italiana passasse per una digitalizzazione che aveva bisogno di strumenti semplici e democratici per attuare il cambiamento”.

Il mondo del web muta e cresce

Secondo Registro.it, l’anagrafe dei domini italiani, gestito dall’Istituto di informatica e Telematica che opera all’interno del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche e Istituto di informatica e Telematica) il 30 settembre del 2011 in Italia erano presenti 2.254.592 siti web registrati con il dominio .it mentre al 31 agosto 2021 ne contiamo ben 3.426.919 .
Secondo recenti rilevazioni, il Nord italiano raccoglie ben il 53,8% dei domini.it, al Centro è localizzato il 22,9% mentre al Sud il 23,2%. È il Trentino Alto Adige che guida, con il tasso di presenza più alto, davanti a Lombardia, Toscana, Valle d’Aosta, Piemonte e Veneto .

In questi anni molti sono stati i fattori esogeni che hanno portato ad uno sviluppo del web, tra i quali una dirompente pandemia, che ha rimescolato le carte del come e quanto gli italiani vivono il mondo digitale, accelerando la nascita e la crescita di siti web anche nel territorio nostrano. In tutto il 2020 sono stati registrati 592.821 nuovi siti a dominio .it, il 13,2% in più rispetto al 2019. Ciò si traduce in una demografia digitale italiana cresciuta di oltre 4 punti percentuali (4,20%), per un totale di 3.374.790 siti .it in Rete al 31 dicembre 2020 . Flazio.com, in questo contesto, può ormai essere considerata una realtà consolidata, con 1,2 milioni di ricavi nel 2020 e con una crescita stimata dell’+80% .

Il tessuto economico italiano è fatto di piccole realtà imprenditoriali e liberi professionisti che non possono supportare economicamente una progettazione informatica ad hoc per il proprio sito internet, ma che non possono nemmeno perdere la sfida digitale. La posta in gioco è troppo alta: se non si è online il rischio è quello di poter più operare efficacemente sul mercato. Flazio.com, quindi, è riuscito a venire in aiuto di molte piccole e medie realtà, fornendo strumenti facili da maneggiare, sempre attuali, che possono però portare ad ottimi risultati visivi e di ritorno sull’investimento.

Sempre più connessi ed esigenti: non c’è online dunque non esiste

Gli utenti danno sempre più per scontato che un professionista o un’azienda abbiano una propria presenza online e che, la presenza su un social network, sia supportata da un più solido sito web propietario cui fare riferimento per ogni approfondimento. Ecco perché le aziende, in maniera crescente, cercano di costruirsi una presenza online stabile e coerente.

Nell’anagrafica dei domini italiani, le imprese rappresentano oltre il 50% della tipologia di utenti che registrano un dominio, contro appena il 32% delle persone fisiche. Sono però i liberi professionisti a fare la differenza: quasi 30.000 i nuovi domini registrati nel 2020, la presenza digitale di questa categoria è cresciuta del 35% in un solo anno. Va tenuto in considerazione anche che vendita di beni o servizi mediante proprio sito web nel 2020 riguardava ben il 17,4% delle imprese italiane dai 3 addetti e oltre .

Elementi questi che possiamo ricondurre allo stravolgimento dato dalla pandemia, che ha definitivamente cambiato le abitudini degli italiani, e non solo, nel relazionarsi con aziende e fornitori di servizi. In questo contesto, Flazio.com ha supportato tutti coloro i quali hanno avuto la necessità di spostare, a volte definitivamente, il proprio business offline nel mondo digitale.
“Flazio nasce come risposta ad una criticità: mancanza di competenze e di cultura digitale all’interno delle aziende, in un periodo storico in cui la trasformazione digitale veniva ancora erroneamente vista non come una necessità, ma come un investimento costoso e non indispensabile.
Da qui si sviluppa l’idea lungimirante di offrire alle imprese uno strumento che permettesse a chiunque di operare su un sito web e modificarlo, attraverso la logica della semplicità, economicità e facilità di utilizzo, sobbarcando l’idea che la creazione di un sito web sia un processo lungo, frustrante e costoso.
Oggi Flazio è diventata un’azienda globale leader del settore ed è diventata in pochissimo tempo la piattaforma più utilizzata dalle aziende per gestire la propria presenza online.
I significativi miglioramenti e il continuo adattamento della piattaforma ai trend del mercato del digitale, hanno modificato l’approccio degli utenti nei confronti della piattaforma, percepita oggi non soltanto come un semplice strumento pensato per chi si approccia per la prima volta al mondo del web, ma anche come una potente tecnologia ricca di soluzioni e funzionalità cucite su misure per i designer più esperti” spiega Flavio.
Flazio.com e l’impresa responsabile: l’approccio che si ispira al modello Olivetti

Il traguardo dei nove anni dell’azienda testimonia il grande successo della realtà, in costante crescita, proiettata verso grandi traguardi che però non dimentica l’origine di tanto successo: il valore sempre dato alla persona, all’azienda concepita come unità creatrice di valore sociale, non solo di capitale.

“Con Flazio.com abbiamo sempre in mente infatti una tipologia ben precisa di imprenditorialità: quella legata alla tradizione del lavorare bene per sognare in grande ma senza distaccarci mai dai nostri valori. Le nostre strategie e il nostro modello di business sono ben distanti da quelli delle classiche aziende, nessuna volontà di venderci a grandi gruppi d’investimento internazionali, ma tanta voglia di creare in Italia un’azienda leader del panorama tecnologico europeo” conclude Flavio.

Flazio

Flazio.com è il Site Builder made in Italy nato nel 2011 con l’obiettivo di dare uno strumento semplice e intuitivo a chiunque voglia creare un sito web per promuovere contenuti personali e professionali. Flazio.com non richiede la conoscenza di linguaggi di programmazione; si tratta infatti di una tecnologia totalmente visuale, “What you see is what you get”, che non pone limiti alla creatività dell’utente. Tra le partnership all’attivo, Flazio.com vanta collaborazioni con le più importanti aziende del settore, come Satispay, Nexi, Stripe, Tiscali e TIM. Per conoscere meglio Flazio: www.flazio.com