Home Altro Varie

Androgynus, il collettivo toscano, trionfa al Rock Contest 2022

0
Androgynus
Androgynus (Crediti foto: Marco Simi)

Milano – Androgynus ha trionfato al Rock Contest 2022, la finalissima del concorso annuale di Controradio che premia le migliori band emergenti d’Italia, tenutasi sabato sera, 3 dicembre, al Viper Theatre di Firenze. Il collettivo toscano ha collezionato tre premi durante quella che viene considerata una delle manifestazioni canore più importanti in Italia e che riunisce ogni anno il meglio musica indipendente. In primis, il Premio Enrico Greppi “Erriquez” 2022 – dedicato alla memoria dello storico leader della Bandabardò – per la positività dei valori e dell’impegno sociale e il Premio Publiacqua 2022 con il brano “Aslfalto”, dedicato al brano che meglio esprime i temi della sostenibilità, climate change, biodiversità, accessibilità alle risorse, inclusione e uguaglianza. Infine, con la vittoria del Premio di Fondazione Toscana/Glocal Sound 2022, è stato annunciato che Androgynus si esibirà nella cornice del Reset Festival di Torino nel 2023.

I traguardi raggiunti da Androgynus alla Finale del concorso per giovani talenti musicali seguono l’uscita del disco di debutto “Medioevo Digitale”, rilasciato il 28 ottobre per Artist First. Un concept album di canzoni in italiano che si pone, almeno negli intenti, come punto d’unione tra la pesante eredità della discografia anni ’70/’80, con le sue sperimentazioni timbriche e le narrazioni esistenziali; e le forme più concise ed essenziali della forma Canzone italiana ed estera.

La produzione del disco ha coinvolto negli anni diverse figure artistiche e professionali, fino a raggiungere la forma attuale e soprattutto fino a renderlo un album tematico quasi senza interruzioni, in cui le canzoni pop-rock psichedeliche molto ritmate e i testi psicologici e decisamente introspettivi sono immersi in un amalgama sonoro timbricamente e musicalmente molto ricercato. L’LP è stato scelto da Rockit come Disco della settimana, nonché definito “un progetto diretto e fruibile, un lavoro di fine e ricco di dettaglio”.

Androgynus scrive le canzoni del suo primo album tra il 2017 e il 2018. Le sonorità psych-pop evocative e i testi spirituali delle canzoni scritte da Gabriele trovano perfetta sintonia con la visione artistica dell’anima visiva del progetto, Allegra Fanti, tanto da portarli a curare insieme i videoclip e il complessivo immaginario visivo del progetto ispirandosi ancora una volta alla forza evocativa della Natura, alla simbologia ancestrale e al mito. Dalla fine del 2021, a questo nucleo si aggiunge una band dal vivo composta da Andrea Voira (tastiere e cori), Francesco Terribile (basso elettrico), Stefano Giuggioli (batteria e cori), che gradualmente sta diventando parte integrante anche nella stesura delle musiche originali.

BIOGRAFIA
Androgynus è il progetto musicale di Gabriele Bernabò, che inizia la sua esperienza musicale con il violino all’età di 7 anni. Durante l’adolescenza si appassiona al Rock, ai sintetizzatori e alla Canzone italiana, milita in diversi gruppi per cui cura scrittura, arrangiamenti e registrazioni e vince diversi concorsi grazie a quali riesce a finanziare un piccolo studio casalingo. Finito il Liceo Musicale a Grosseto si trasferisce a Roma, dove si laurea in violino al Conservatorio Santa Cecilia e dà vita al suo attuale progetto Androgynus, con il quale si esibisce in diverse realtà della Capitale e d’Italia.

Ad affiancare Gabriele troviamo Allegra Fanti, l’anima “visiva” del progetto da sempre ispirata dall’Arte Sacra, dalla Natura e dai loro simboli. Si diploma al Liceo Artistico di Grosseto e dopo gli studi liceali si laurea in Fine Arts presso l’Università di Northampton in Inghilterra. Successivamente frequenta la Magistrale di “Animazione ed Effetti Visivi” alla RUFA di Roma.

Il gruppo nella sua formazione dal vivo è composto da Gabriele Bernabò (voce e chitarra), Andrea Voira (tastiere e cori), Francesco Terribile(basso elettrico), Stefano Giuggioli (batteria e cori). Allegra Fanti ne cura i costumi, le scenografie e le proiezioni. Il 28 ottobre esce “Medioevo Digitale”, il concept album made by Androgynus (e distribuito da Artist First) che promette di incantare l’ascoltatore in un viaggio attraverso Natura, Musica e Parole.

Previous articleExperimental Vim: dal 5 dicembre nuove produzioni videomusicali per promuovere l’Umbria
Next articleLa “Depressione Italiana” raccontata da EsseNziale con il suo nuovo singolo