Home Altri sport

BONA-PARMIGIANI E CASSETTA-VAZQUEZ SONO I CAMPIONI DEL 4° DON QUIQUE FIT OPEN

0

Con due finali di altissimo livello si è chiuso ieri a Imperia, sui campi di San Lazzaro, il 4° Don Quique Fit Open, terza tappa del neonato circuito nazionale Open Padel, unico appuntamento in Liguria, cui hanno preso parte 85 coppie arrivate da tutta la Penisola, con diversi atleti stranieri, seppur tesserati per club italiani.
Tra le donne, dopo una finale molto combattuta, l’hanno spuntata la ligure Annalisa Bona (Padel Albaro) e la bresciana Martina Parmigiani (Misano Sporting), in rimonta 1-6 6-1 6-4 su Francesca Campigotto (Monviso Torino) e la sua compagna spagnola Alba Izquierda (Master Club Rivagrossa Torino). Le vincitrici, al secondo torneo insieme, sono due ex tenniste. La loro è una new entry nell’albo d’oro imperiese. La Bona, che gestisce il circolo genovese frequentato da Antonio Cassano, è una ex giocatrice di tennis, già n° 235 del ranking Wta e 11a in Italia. La Parmigiani è salita sino al gradino 145 del mondo. Dopo un primo set a senso unico, la Campigotto (azzurra di padel agli Europei 2018) e l’iberica (intorno alla 50esima posizione internazionale poco più di un anno fa, arrivata sino agli ottavi di finale nel World Padel Tour), che dal 2021 vive in Italia, si sono arrese al ritorno delle avversarie. Le quattro atlete hanno dato vita a scambi lunghi e spettacolari. Terzo posto, a pari merito, per Baldi-Aima (Imola/Novara) e Leone-Cravero (Monviso-Beinasco).
L’ultimo match è stato quello che ha messo in palio il titolo maschile, decisamente meno combattuto dal punto di vista del punteggio, ma ricco di straordinarie giocate. A spuntarla sono stati con un doppio 6-2 l’azzurro Marco Cassetta, al terzo centro a Imperia (già primo nel 2019 e 2020), e lo spagnolo Juan Manuel “Guga” Vazquez, entrambi tesserati per il Ruffini Torino, ma al primo torneo insieme. Cassetta attualmente è n° 135 del ranking mondiale, mentre Vazquez qualche tempo fa è arrivato sino alla 29a posizione. Ad arrendersi, dopo circa un’ora di gioco, gli argentini Joshua Pirraglia e Nicolas Brusa (quest’ultimo in possesso del doppio passaporto), entrambi del Club Buenos Aires di Perugia, con diversi successi all’attivo nei circuiti italiani.
Usciti in semifinale il campione uscente Luengo Calado (Ternana) e Catini (Follonica) e il compagno di allenamento di Francesco Torri, Alessandro Tinti (Eur) con il milanese Beltrami.
Presente all’ultimo atto anche il sindaco di Imperia, Claudio Scajola, accompagnato dall’assessore Simone Vassallo e dalla consigliera Martina Bencardino. A consegnare i riconoscimenti ai finalisti anche il delegato provinciale del Coni, Alessandro Zunino, e il fiduciario della Federtennis, Silvano Martella. Durante la cerimonia che di fatto ha concluso la manifestazione, un applauso è stato tributato anche a Pietro Giovannini, il 14enne imperiese, tesserato per il Don Quique, che poche settimane fa a Roma ha conquistato, insieme al pugliese Veneziani, il titolo italiano Under 14. Per lui un’ottima 17a piazza finale e un 2° posto di categoria (3), insieme ad Amerigo Novaro.
Questi i nomi dei vincitori delle categorie minori. 3a femminile: Andreis-Cabiddu, 4a femminile Torregrossa-Pietrantonio; 3a maschile Tosi-Arrighini, 4a maschile Fusi-Zarco.
Il 4° Don Quique Fit Open, cui l’emittente Supertennis dedicherà un ampio servizio in settimana, può essere considerata la competizione di padel di più alto livello mai giocata in Liguria. Grande soddisfazione hanno espresso, a fine manifestazione, i responsabili del club, Giovanni Fornaro e Matteo Parodi, che hanno anche incassato i complimenti delle autorità presenti, strabiliate dalla bravura dei giocatori, e degli stessi protagonisti in campo, che hanno ringraziato per l’ottima organizzazione e congratulati per lo splendido impianto.
Il torneo è stato organizzato dal Don Quique, sotto l’egida della Federtennis, con la collaborazione del Ct Imperia e del Comune di Imperia, con il sostegno della Regione Liguria e con il patrocinio di Provincia di Imperia e del Coni. Hanno supportato l’evento le aziende De Bona Moto Ktm, Edil Murat, Poggio dei Gorleri, Auto Jap, Grafiche Amadeo, Clean Star, Generali Imperia Agenzia Acquarone, Studio Dentistico Mantero, Supermercati Pam, High Confidence e Pubblicità 3G.
Il circuito Open Padel, che ha vissuto in contemporanea la tappa di Belvedere (Siracusa), presso il circolo 7 Padel, proseguirà dal 5 all’11 settembre presso il circolo Pana.ma di Treviso, di proprietà di Adriano Panatta.

Previous articleUn Rally Internazionale Casentino “di sofferenza” per Jolly Racing Team
Next articleUn incontro con Daniele Maurino, campione di Trial e Enduro estremo