Home Calcio Calcio Femminile Citt

Citt

0

Alla vigilia della sfida di campionato contro l’Olimpia Forlì, la giovane centrocampista di proprietà del Città di Castello svela le sue intenzioni per il futuro

 

Nella Grifo primatista solitaria in campionato, con dieci vittorie consecutive, ci sono figure che non amano le luci della ribalta ma che sono molto preziose per la causa e meritano di essere menzionate. E’ il caso di Ilaria Mannucci, promettente centrocampista (classe 1992), alla prima esperienza importante nel calcio in rosa. Il suo cartellino è di proprietà della squadra femminile di Città di Castello, militante in serie C1, ma è probabile che al termine della stagione la Grifo decida di riscattarla. Del resto, la giovane tifernate piace a Scapicchi, che frequentemente l’alterna alla coppia titolare formata da Fiorucci e Pederzoli.  “Queste sono decisioni  – precisa la stessa Mannucci – che dovranno prendere le due società. E’ chiaro che se sarò interpellata dirò sicuramente la mia. A me piacerebbe rimanere a Perugia, soprattutto se ci sarà la possibilità di misurarsi con una categoria importante come la serie A1”. Rispetto alle precedenti esperienze calcistiche, che da bambina l’hanno vista protagonista anche tra i maschietti, la Mannucci ha trovato a Collestrada l’ambiente giusto per esprimere le sue qualità. “Qui si vede che c’è un organizzazione superiore, con una società motivata, dove ognuno ricopre con la massima professionalità il proprio ruolo. A livello di spogliatoio, ho ritrovato quello spirito e quell’unione che avevo lasciato a Città di Castello”.   In vista della sfida interna contro l’Olimpia Forlì, la Mannucci è tra le candidate ad indossare una maglia da titolare. “E’ una partita molto importante, che dovremo cercare di vincere a tutti i costi per mantenere le distanze dal Siena. Il big – match della prossima settimana? Noto grande attesa tra le mie compagnie, forse perché rappresenterà una delle gare più importanti per questa squadra. Io al momento resto tranquilla e penso al Forlì”. Un passo alla volta, nell’attesa della fuga definitiva.