Home Altri sport Ciclismo Con la UCI MTB World Cup di DH e XCO a Leogang...

Con la UCI MTB World Cup di DH e XCO a Leogang lo show è doppio

0
Laura Stigger (Foto redbullcontentpool.com)

La prima doppia tappa della stagione 2021 della Mercedes-Benz UCI Mountain Bike World Cup ha regalato tanti colpi di scena e il gradito ritorno del pubblico sui campi di gara. Leogang ha ospitato il primo round dedicato alla Downhill e il terzo al Cross Country Olimpico. Il replay di tutte le gare è disponibile su Red Bull TV con il commento di Marco Aurelio Fontana, Torquato “Toto” Testa e Giulia De Maio.

Partiamo dalle entusiasmanti gare di DH. Sul percorso che un anno fa l’ha fatta conoscere al mondo, Camille Balanche ha dimostrato di meritare la maglia iridata che ha sulle spalle. La svizzera ha saltato e superato la sezione boschiva in modo brillante, stabilendo un tempo che nessuna delle altre ragazze in gara ha potuto migliorare, nemmeno l’idolo di casa Vali Höll, che dopo essere stata la migliore nelle qualifiche, nella sua prima gara da elite è scivolata all’ultima curva, finendo seconda e infuriata per la vittoria sfiorata. Terzo gradino del podio per Monika Hrastnik, che precede Marine Cabirou, Tahnée Seagrave e la migliore delle italiane, Eleonora Farina, sesta. Nella top ten (9a) chiude anche l’altra azzurra in gara, Veronika Widmann, rallentata da una scivolata.
Protagonista del week end austriaco è stato Mr Consistent Troy Brosnan, tornato finalmente alla vittoria in Coppa del Mondo dopo Vallnord 2017 e gli innumerevoli podi successivi. L’australiano ha vinto le qualifiche con un tempo di quasi sette secondi più basso del secondo classificato Danny Hart. Nella spettacolare run finale si è messo dietro il giovane Thibaut Daprela, che precede di poco più di 2 decimi il connazionale e compagno di team Amaury Pierron, rientrato a pieno ritmo dopo l’infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi di gara nel 2020. Il “nostro” Loris Revelli purtroppo è caduto, perdendo parecchie posizioni e concludendo solo 54°. Come se non bastasse gli accertamenti medici a cui si è sottoposto ieri hanno evidenziato per lui la rottura dello scafoide, che lo costringerà a un periodo di stop.

Short track e cross country hanno avuto i medesimi vincitori, scalatori puri, adatti all’impegnativo tracciato che per la prima volta nella storia ha ospitato una tappa di World Cup di queste discipline. Sia Loana Lecomte che Mathias Flückiger hanno ottenuto le loro prime vittorie XCC sulla pista corta di Leogang venerdì, per poi ripetersi nella prova regina della domenica. La 21enne francese ha messo a segno una tripletta di vittorie consecutive dimostrando di essere una forza inarrestabile nella scena del cross-country femminile. Ha preso la testa della corsa fin dal primo giro e le avversarie l’hanno rivista solo dopo il traguardo, tagliato in seconda posizione dalla campionessa olimpica Jenny Rissveds e in terza da Laura Stigger, felice di aver celebrato il suo miglior piazzamento da elite “in casa”. Una ritrovata Jolanda Neff chiude quarta nonostante una mano fratturata (la notizia l’ha data sui suoi canali social dopo gli accertamenti medici post gara), davanti all’iridata Pauline Ferrand Prevot. La campionessa d’Italia Eva Lechner finisce 10a e si assicura il pass olimpico, mentre Chiara Teocchi che stava disputando un’ottima prova è stata costretta al ritiro dopo una brutta caduta.
Nella gara maschile, assenti Mathieu Van der Poel, Tom Pidcock ed Henrique Avancini, Nino Schurter non è riuscito a cogliere l’occasione per eguagliare finalmente il record di 33 vittorie in Coppa del Mondo di Julien Absalon. L’attuale campione europeo ha vissuto un weekend frustrante sulla sua nuova Scott Spark RC. Nello short track ha chiuso 29° e domenica non è riuscito ad andare oltre il 10° posto. Il successo se lo sono giocati il ceco Ondrej Cink e lo svizzero Mathias Flückiger, con quest’ultimo che è riuscito a fare la differenza nel finale e ad alzare le braccia al cielo. Completano il podio il neozelandese Anton Cooper, il francese Thomas Griot e il rumeno Vlad Dascalu. In crescita gli italiani con Nadir Colledani 12°, Gerhard Kerschbaumer 15° e Daniele Braidot 18°. Ora la palla passa al CT Mirko Celestino che nei prossimi giorni annuncerà i convocati per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Oltre ai tre ragazzi citati, in lizza per vestire la maglia azzurra ci sono il tricolore in carica Luca Braidot e il promettente Under 23 Simone Avondetto.

Una scelta non facile, che prenderà dopo aver riguardato con calma le gare di ieri su www.redbull.com/it-it/events/uci-mountain-bike-coppa-del-mondo-austria. Tra due settimane il circus mondiale farà tappa a Les Gets, in Francia, per la quarta tappa della UCI Mountain Bike World Cup XCO e la seconda dedicata alla DH. Sarà un altro round doppio e, come sempre, potrete viverlo in diretta su Red Bull TV.

Previous articleStella Alpina 2021: si conclude la 36° rievocazione storica!
Next articleAquile Ferrara – Hogs Reggio Emilia 0-32