Home Altro Varie Dust of Dreams, a Palazzo Ducale Genova dal 3 al 5 giugno

Dust of Dreams, a Palazzo Ducale Genova dal 3 al 5 giugno

0
palazzo ducale

AlbumArte Roma presenta il progetto cross disciplinare Dust of Dreams dell’artista Eva Frapiccini che esplora i linguaggi delle arti visive, della musica, della performance e della video arte in un’installazione multimediale e performativa ospitata a Genova (3-4-5 Giugno) e Torino (14 Giugno) all’interno dei festival Electropark e Interplay.

Da Venerdì 3 Giugno, il progetto sarà in anteprima a Genova presso la Sala del Munizioniere di Palazzo Ducale. L’installazione multimediale a più schermi realizzata da Eva Frapiccini, con le musiche di Sara Berts, sarà aperta al pubblico dalle ore 15 alle 21. Mentre la prima della performance, diretta da Daniele Ninarello, inizierà alle ore 18.30 e si ripeterà alle ore 20. L’opera sarà fruibile anche nelle giornate del 4 e del 5 giugno, con repliche della performance in orario pomeridiano (ore 18.30 e 20.00)
Martedì 14 Giugno lo spettacolo si trasferirà a Torino presso gli spazi del Polo del ‘900, ospite della programmazione del Festival di teatro danza Interplay 2022. L’installazione sarà accessibile dalle 20.00 alle 23.00, con performance alle ore 21.30. La produzione ritornerà a Genova il 24 Settembre al Teatro del Ponente ospite del Teatro della Tosse all’interno del festival Resistere e Creare festival ed Electropark 2022.

Dust of Dreams parte da un archivio audio creato dall’artista e composto da 2200 registrazioni raccolte in 13 città del mondo nell’arco di 11 anni (Torino, Bogotà, Sharjah, Stoccolma, Riga, Berlino, Dubai, Bergamo, Fittja, Cairo, Rivoli, Manama in Bahrain e Genova). Dal 2011 al 2022, il progetto partecipativo Dreams’ Time Capsule (la capsula dove si raccolgono i sogni) è stato ospitato da molteplici musei nazionali e internazionali come ArkDes Museo di Architettura di Stoccolma, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, YSP – Yorkshire Sculpture Park, spazi culturali come kim? Contemporary Art Space, festival e dipartimenti educativi come Festival Localize Potsdam, il Dipartimento educativo della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e la Facolta di Desigm dell’Universidad Jorge Taleo Lozano di Bogotà.

L’archivio è la fonte delle narrazioni oniriche e la sua analisi ha portato all’isolamento di immagini archetipiche che costituiscono il sottofondo della struttura sonora e visiva dell’installazione multimediale. Le tracce audio dell’archivio si uniscono alle musiche composte da Sara Berts, ispirando le immagini di Eva Frapiccini e i video realizzati nel corso di un workshop video. Flussi di immagini-icona scorrono sugli schermi mentre i movimenti dei performers Francesca Dibiase, Ilaria Quaglia e Valerie Tameu conferiscono corporeità, guidati dalla coreografia di Daniele Ninarello, in sintonia con la drammaturgia audiovisiva.

A partire da marzo 2022, AlbumArte ha attivato molteplici processi partecipativi tra le due città sotto la direzione artistica di Frapiccini, in collaborazione con Forevergreen, come l’evento pubblico di registrazione dei sogni realizzato presso il Cortile Maggiore di Palazzo Ducale (aprile 2022), il laboratorio di sartoria teatrale in collaborazione con l’Associazione Limone Lunare (aprile 2022), il ciclo di workshop video realizzato ad aprile, in collaborazione con Squeasy Film, destinato a una gruppo di partecipanti selezionato tramite open call, nonché la restituzione pubblica del workshop negli spazi di Sala Dogana in collaborazione con il Comune di Genova (2 maggio). Inoltre, a marzo e maggio si sono svolti a Torino due workshop di coreografia diretti da Daniele Ninarello in collaborazione con CodedUomo.

Dust of Dreams ha ricevuto il contributo della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “ART~WAVES. Per la creatività, dall’idea alla scena” (linea Produzioni) che guarda al consolidamento dell’identità creativa dei territori attraverso il sostegno alla programmazione nel campo delle performing arts ed alla produzione creativa contemporanea, unendo ricerca, produzione, offerta e distribuzione in una logica di ecosistema per rafforzare le vocazioni artistiche del territorio.

Eva Frapiccini ha conseguito il Ph.D practice-led in Fine Art, History of Art & Cultural Studies presso University of Leeds, Regno Unito. Vincitrice della prima edizione dell’Italian Council (2017), ha esposto presso festival e musei internazionali come il Padiglione Italia, Biennale di Architettura di Venezia (2011), MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo, Roma (2020), YSP – The Yorkshire Sculpture Park, Wakefield (2016), BOZAR Palais des Beaux Arts, Bruxelles (2016), FACT, Liverpool, Regno Unito (2014), Martin Gropius Bau, Berlino (2007), Maison de la Photographie, Parigi (2006), Casino Luxembourg (2006). I suoi lavori sono conservati in prestigiose collezioni permanenti come il Museo d’Arte Contemporanea Castello di Rivoli, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, il MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo.

AlbumArte ETS (Ente del Terzo Settore) è un centro di produzione culturale e artistica indipendente no profit con sede a Roma, attivo dal 2011, che si caratterizza per le sue collaborazioni internazionali e i suoi cicli di approfondimento sui vari linguaggi del contemporaneo, che riguardano videoarte, pittura, fotografia, scultura, istallazioni, performance, sound art, realizzate nei suoi spazi espositivi o in altri luoghi materiali o immateriali. Oltre a progetti espositivi, AlbumArte produce in Italia e all’estero residenze d’artista, progetti multidisciplinari, soggiorni formativi, progetti editoriali, video e documentari sull’arte contemporanea, svolgendo parallelamente un programma di dibattiti e confronti sui maggiori temi della cultura, dell’arte e della società contemporanea. Ha attivato collaborazioni con istituzioni molto importanti in Italia e all’estero, tra le quali: La Galleria Nazionale di Roma, il MAXXI, l’Institut Français, la Real Academia de España, gli Istituti Italiani di Cultura di Istanbul e Praga, la Cité Internationale des Arts di Parigi, il Mondriaan Fonds, il Ministero della Cultura Slovacco, l’IILA Organizzazione internazionale italo – latino americana, il Lithuanian Council for Culture, la National Gallery of Art di Vilnius, il Nordic Artists’ Centre Dale (Norvegia), il Ministero della Cultura italiano, il Dipartimento Cultura di Roma Capitale, la Biennale di Istanbul, l’Ufficio Affari Culturali del Comune di Parigi, l’Accademia di Belle Arti di Roma. www.albumarte.org

SCHEDA TECNICA
Progetto: Dust of Dreams
Produzione: AlbumArte
Concept e direzione artistica Eva Frapiccini
A cura di Giulia Palomba
Testi critici Anna Daneri e Giulia Palomba
Musiche Sara Berts (Sara Bertazzini); Coreografie Daniele Ninarello; Performer: Francesca Dibiase, Ilaria Quaglia, Valerie Tameu; Costumi Daniela Di Blasio; Editing Video Ylenia Busolli; Design allestimento Michele Tavano

Sedi: Genova Palazzo Ducale – Sala del Munizioniere / Torino Polo del ‘900
Il progetto Dust of Dreams ha ricevuto il contributo della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “ART~WAVES. Per la creatività, dall’idea alla scena” (linea Produzioni)
Partner culturali: Forevergreen nell’ambito di Electropark 2022, Mosaico Danza di Torino, Palazzo Ducale Genova – Fondazione per la cultura, Polo del ‘900 di Torino, Fondazione Luzzati Teatro della Tosse, Comune di Genova – Sala Dogana, Associazione Il Limone Lunare di Genova, Associazione CodedUomo Si ringrazia la galleria Peola Simondi
Media Partner: exibart

Date: Genova 3- 4 – 5 giugno 2022, Palazzo Ducale, Genova 14 giugno 2022, Polo del 900, Torino ORARI Genova 3-4-5 giugno dalle 15.00 alle 21.00 performance (20’) tutti i giorni ore 18.30 e 20.00 Torino 14 giugno dalle 20.00 alle 23.00 (performance 21.30, 20’)
All’interno di Elettropark, con Forevergreen a Genova e del Festival Interplay a Torino
INFO: www.albumarte.org https://palazzoducale.genova.it https://www.polodel900.it https://www.mosaicodanza.it https://www.electropark.it