Home Altro Varie

“Esserci”, l’ep d’esordio del cantautore e rapper pescarese RAHIMI

0
RAHIMI
Ep Esserci - RAHIMI

“Esserci” è l’ep d’esordio del cantautore e rapper pescarese RAHIMI.

«”Esserci” è un Ep di 5 pezzi che rappresentano rispettivamente i 5 momenti più significativi dei miei primi 20 anni di vita: la mancanza della figura paterna, un amore tradito, la morte di un amico, l’accettazione di me stesso grazie alla musica e la rivalsa con la stessa.» Rahimi.

Il progetto nasce con l’idea di trarre forza dalle proprie fragilità, raccontando storie di vita, di ferite e debolezze, su un tappeto sonoro che vuole essere unico, mischiando il presente con il passato e talvolta il passato con il trapassato, attraverso la commistione di suoni e scelte musicali tipicamente trap, rap old school, rock, metal e talvolta anche classica, come ad esempio il campione di Chopin che risuona in “Parlami di te”.

Track by track

C’est la vie
Il tema cardine è l’assenza della figura paterna. Il pezzo è scritto e cantato da un «io» bambino, che vede il proprio padre una manciata di ore a settimana a causa di un lavoro lontano. Il brano si divide esattamente in due parti, quasi opposte, ma accomunate dal ritornello: la prima parte, solenne, trascinata, quasi con un’atmosfera sacrale, descrive in maniera dura e diretta il dolore dell’assenza mentre dalla seconda strofa l’atmosfera del pezzo cambia, andando a cristallizzare il momento in cui il padre torna in famiglia dopo la settimana di lavoro fuori città. L’entrata della batteria e l’utilizzo di un flow molto più scorrevole rendono tale parte molto più veloce e fugace della prima presagendo ciò che il ritornello andrà a far capire, ovvero che tutto questo è solo un sogno che diventa realtà per pochi istanti.

Lei non bussa
Cosa si prova dopo aver scoperto un tradimento? Cosa fare? Chi ho veramente davanti?
Domande comuni che spesso non trovano effettivamente risposte, tranne in questo caso dove la comprensione passa dall’accettare di aver sbagliato, di non essersi accorti di essere ingannati e aver creduto a un sogno.
Nel pezzo arriva finalmente il coraggio mancato in precedenza: la forza di scrivere ciò che veramente è stata quella persona e quella storia, di renderla indelebile per non dimenticarsene, mettendo al contempo la parola fine sul tutto.

Quando muoio
Nata come dedica ad un amico morto prematuramente a causa di un incidente d’auto si è poi trasformata in un mantra, in un vero e proprio inno alla vita, a quel momento in punto di morte in cui non doversi rimproverare nulla, impegnandosi a vivere per ciò che conta davvero, perché solo in questo modo possiamo accettare la nostra morte.
In fase di produzione del suono la sensazione ricercata era di un imponente e maestoso muro del suono, musicalmente e liricamente parlando fuso in un tutt’uno, a formare quasi un testamento morale di chi ne ha contribuito alla creazione.

Parlami di te
È la musica a chiedere «Parlami di te». In veste di una sirena che guida l’autore con il suo canto, un marinaio in cerca della sua rotta. La musica diventa un modo per accettare i propri limiti e avere uno spazio protetto in cui poter usare le proprie fragilità e ferite per creare un qualcosa di nuovo. Grazie a lei le debolezze diventano punto di forza.

Esserci
Il brano più intenso e sentito dallo stesso autore. Al suo interno c’è un ampio utilizzo di strumenti, dal pianoforte iniziale, al basso funk, alle influenze metal.
“Esserci” è un riassunto di tutti i sacrifici, di ostacoli saltati e del percorso di crescita personale che hanno portato Rahimi a fare questo progetto, capirsi, apprezzarsi e stimarsi. Il riferimento è al concetto di “dasein” (in italiano esserci) del filosofo tedesco Martin Heidegger. Siamo un collettivo di individui, un mondo con dentro miliardi di mondi diversi, a seconda degli occhi che lo guardano, ognuno di noi è il protagonista di una storia, che può avere un lieto fine solo se riconosciamo di essere al contempo protagonisti per noi stessi e aiutanti, comparse o spettatori per qualcun altro. «Per molto tempo non mi sono sentito protagonista della mia vita, mai sentito all’altezza, invisibile agli occhi degli altri perché ero io che mi nascondevo, che non volevo farmi vedere» Rahimi.

Autoproduzione
Release Ep: 9 dicembre 2022

www.instagram.com/rahimi.francesco/

BIO

Rahimi è un rapper e cantautore classe 1999, nato e cresciuto a Pescara (PE). Inizia ad approcciarsi alla scrittura dei pezzi rap all’età di 15 anni, pubblicando i primi singoli mixtape su youtube all’età di 18 anni.
Raggiunge una popolarità nazionale grazie alle battle freestyle rap guadagnandosi l’invito e la finale degli appuntamenti più importanti del settore.
Dopo le prime soddisfazioni nel freestyle arriva il lavoro sul primo Ep, intitolato “Esserci”, frutto di un lavoro di due anni nato dal sodalizio ancora vigente con il produttore Giorgio Casiraghi. L’Ep di 5 pezzi, la cui pubblicazione è prevista a dicembre, rappresenta i 5 momenti più significativi della ventennale esistenza dell’artista, con un tappeto sonoro epico ed innovativo se si considerano i canoni classici della produzione musicale urban attuale.
Se nelle rime improvvisate Rahimi risulta essere un rapper violento, diretto, esplicito, spiritoso e simpatico, quando le rime si stampano sul foglio ecco che si mostra il lato più intimo e personale dell’artista, in cui parla della sua vita a cuore aperto, raccontando storie di fragilità, debolezza, ma anche di coraggio e rivalsa.
Il 25 novembre 2022 pubblica “C’est la vie” il primo singolo estratto da “Esserci”.

 

Previous article“La bambina di Kiev” il nuovo brano di Sergio Borsato Feat. Massimo Priviero
Next article“Così è la vita”, il nuovo singolo di Bracco di Graci