Home Altri sport

Fitet Sardegna, attesa per Italia -Portogallo femminile a Norbello

0
fitet sardegna

Dopo gli incontri Italia – Estonia (maschile) del 2012 e Italia – Olanda Femminile del 2018, le donne del tennistavolo azzurro tornano nella palestra comunale di Norbello per onorare il girone 2 di qualificazione ai Campionati Europei previsti il prossimo anno in Svezia.

In occasione della tredicesima edizione del Trofeo Internazionale Città di Norbello, la Nazionale guidata da Elena Timina cercherà di vendicare la sconfitta patita a fine novembre a Funchal, ospiti delle colleghe portoghesi. Per l’occasione le convocate sono quattro: oltre a Giorgia Piccolin, Debora Vivarelli e Gaia Monfardini farà il suo ritorno nel Guilcer la suprema Nikoleta Stefanova che guidò la locale squadra femminile fino alla finale scudetto del campionato 2013-2014, persa alla bella contro lo Zeus Quartu. Per i tifosi sardi sarà una bella sensazione rivedere dal vivo l’Italo bulgara che dopo sei anni di assenza è ritornata alla grande sui campi nazionali ed internazionali.

L’appuntamento è per le ore 17:00 nell’impianto di via Azuni, ma chi è impossibilitato ad avvicinarsi potrà vivere sensazioni vibranti collegandosi al sito www.trofeocittadinorbello.it oppure sintonizzandosi su Super TV al canale 77 del digitale terrestre.

Nell’ambito della rassegna organizzata dal Tennistavolo Norbello, la disciplina normata dalla Fitet è stata protagonista, assieme ad altre federazioni della settima edizione della Giornata Paralimpica nel Guilcer. Nella palestra di via Azuni, oltre duecentocinquanta scolari dell’Istituto Comprensivo di Abbasanta hanno provato a destreggiarsi con la racchetta, seguiti dallo staff diretto dal tecnico regionale paralimpico Ana Brzan.

A BIELLA LE DUE RAPPRESENTATITE FITET SARDEGNA INTENSIFICANO L’ESPERIENZA

Al PalaPajetta di Biella è cominciato l’International Transalpine Trophy – Mediterranean Cup, manifestazione internazionale giovanile, riservata ad atleti Under 12. La Sardegna sta partecipando con due formazioni. Sardegna “A” è guidata dal tecnico Nicola Pisanu e composta da Federico Casula (Tennistavolo Sassari) e Anna Dessì (Ad Muravera TT): Della Sardegna “B” fanno parte Nicola Cilloco (Tennistavolo Sassari) e Elèna Kuznetsova (TT Guspini), monitorati dal tecnico regionale Francesca Saiu.

Il programma è cominciato con le prove a squadre e continuerà con quelle individuali. Nelle prime uscite, entrambe le squadre hanno rimediato doppie sconfitte ma i tecnici stanno ravvisando un ottimo atteggiamento da parte dei piccoli protagonisti: la “A” si è dovuta arrendere a Tunisia e Puglia, mentre la “B” ha lasciato il passo a Turchia e Piemonte.

Nel pomeriggio Sardegna “1” ha perso con Lombardia e Veneto ma ha gioito contro Abruzzo-Marche. Identico lo score di Sardegna 2 battuto da Liguria e Veneto, ma vittorioso contro Abruzzo-Marche

Risultati definitivi e commenti nella prossima uscita delle cronache pongistiche.

A CAGLIARI C’E’ UN OPEN

Arriva in extremis ma ben accetto dagli appassionati. Il Comitato sardo in collaborazione con la società Marcozzi organizza il secondo torneo Open stagionale (il primo saltò per mancanza di iscritti a Lanusei) che si svolgerà in via Crespellani a Cagliari tra sabato 10 e domenica 11 dicembre 2022. La peculiarità dell’evento è che dà la possibilità di partecipazione anche agli atleti tesserati in società di altre regioni. Tre le competizioni previste: si parte alle 15:30 del 10 dicembre con quella riservata ai 6a categoria. L’indomani dalle 10 comincia il singolo 5a categoria, mentre alle 15:30 c’è spazio d’azione anche per i 4a categoria.

COPPE EUROPEE: IL QUATTRO MORI SALUTA LA CHAMPIONS MA CONTINUA IN EUROPE CUP

Nonostante tutto ha fatto il così detto figurone scrivendo una pagina memorabile del tennistavolo sardo. L’UCAM Cartagena si manifesta ancor più robusto rispetto all’incontro dell’andata e costringe alla resa definitiva il Quattro Mori Cagliari che saluta la Champions femminile, preceduta in classifica anche dal Berlin Eastside battuto clamorosamente nella penultima uscita. Ma usufruisce della rete di salvataggio costituita dall’Europe Cup che gli consentirà di continuare la marcia continentale.

Ora ad attendere Tania Plaian, Andreea Dragoman e Offiong Edem ai quarti di finale c’è il Südtirol di Debora Vivarelli, avversario anche in A1 femminile.

SERIE A1: AVANZANO NEI LORO RISPETTIVI CAMPIONATI MARCOZZI E QUATTRO MORI

Quattro pareggi e due sconfitte. Questo il ruolino di marcia della Marcozzi Cagliari in A1 maschile che dopo il 3-3 conseguito sul campo del Cervino Genova si posiziona al quarto posto. In Liguria affina la sua media il cubano Moises Campos portandosi al 70% grazie ai successi su Yilmaz e l’ex Giovannetti. L’altro punto è di Antonino Amato, mentre l’indiano Siddesh Pande deve rinviare ancora l’appuntamento con il primo successo stagionale.

Del gruppo di via Crespellani fa ancora meglio il Quattro Mori che va a vincere il derby di Muravera dove la cino sarrabese Wei Jian si esalta nella sua cittadina di residenza e battendo la giovane Miriam Carnovale regala il successo alla società presieduta da Mario Gabba. Andreea Dragoman realizza due punti sulle due più forti avversarie Olga Vorobeva Shuohan Men, mentre Tania Plaian cede alla russa ma si vendica su Valentina Roncallo.

Il club di casa è ancora a zero punti, quello campidanese respira occupando il penultimo posto a quota 3.

A2 MASCHILE: NIENTE PUNTI PER MARCOZZI E TENNISTAVOLO SASSARI

Non basta la lucida prestazione di Daniele Spagnolo per garantire alla Marcozzi una proficua esperienza nella tana del Tennis Tavolo Torino. Ma in questa circostanza l’assenza improvvisa del nigeriano Isiaka Kazeem può aver creato un bel po’ di grattacapi al collettivo cagliaritano che per tamponare la falla si è affidato all’esperienza di Massimo Ferrero, sopraffatto però sia da Vallino Costassa, sia da Corazza. Non riesce a produrre nemmeno Lorenzo Martinalli e così si palesa la quarta sconfitta consecutiva.

Non ride neppure il Tennistavolo Sassari a corto di successi da quasi due mesi. La super capolista Paninolab Bagnolese si impone 4-0 sebbene due gare terminino al quinto parziale, protagonisti Adebayo Ashimiyu e Marco Poma che con Piciulin era in vantaggio 2-1.

 

B1 MASCHILE: LA COOPERATIVA SAN PASQUALE NULVI NON HA PIETA’ PER NESSUNO

 

Se anche lo scontro per il primato tra due compagini a punteggio pieno si conclude per 5-0 significa che il Santa Tecla Nulvi Cooperativa San Pasquale ha davvero una marcia in più e salvo scivoloni clamorosi può dirsi già con un arto in A2. Aggiungiamo che con lo stesso punteggio, oltre alla nobile Aon Milano ha schiaffeggiato anche Vigevano e i fratelli del Santa Tecla Nulvi FerrariPay dando alla graduatoria un sapore di supremazia assoluta che lascia pochissimo spazio ad eventuali comprimarie.

La premiata ditta Maxim Kuznetsov, Petar Vassilev e Umberto Giardina riesce a superarsi alla grande anche nei momenti di difficoltà mostrando classe e professionalità.

Nel gran caravanserraglio di racchette organizzato in Anglona si registra anche il successo del FerrariPay ai danni della cenerentola Vigevano: sugli scudi Giacomo Levati autore di tre punti, e poi fa il resto Salvatore Margarone. Dispiace che il capitano di sangue locale Francesco Ara resti vittima degli assedi da parte di Cuzzoni e Vinati.

I ferraristi però si devono inchinare allo strapotere dei milanesi ancora infuriati per la corposa debacle rimediata il giorno prima. E non basta l’innesto di Gian Carlo Carta al posto del beniamino di casa Ara. Poi si preparano psicologicamente a prenderle di santa ragione anche dalla capolista in un derby che viene descritto disteso; ma non fa mai piacere a nessuno ricevere cinque “pappine” restando indifferenti.

B2 MASCHILE: SASSARI RESPIRA, LA MURAVERESE NO

Con il secondo successo consecutivo il Tennistavolo Sassari si tira fuori dalle sabbie mobili che imbrigliano la bassa classifica. Vittima della sesta giornata d’andata l’Eureka Roma che aveva gli stessi punti dei turritani.

Il nigeriano Segun Olawale fa fuori tutti e tre gli avversari incontrati, mentre Tonino Pinna e Luca Baraccani devono impegnarsi fino in fondo per sgominare al quinto set rispettivamente De Biasi e De Stefano.

Continua a stazionare all’ultimo posto la Muraverese in condominio con King Pong Roma e Campomaggiore Terni. Il quarto stop stagionale giunge al cospetto della capolista a punteggio pieno Cral Roma che non dà fiato ai tre sarrabesi schierati al campo Duca degli Abruzzi: giornata tristissima per Marcello Porcu, Francesco Lai e Michele Buccoli che è l’unico a strappare un set agli avversari.

C1 MASCHILE: AL MURAVERA IL MATCH COL GUSPINI

Nel derby che valeva anche il terzo posto nella graduatoria del girone M, il Muravera dei piccoli sfrutta il fattore casalingo imponendosi sui quasi più anziani antagonisti del TT Guspini. Il presidente Michele Lai sblocca il risultato ansimando assai con Francesca Seu che perde di misura al quinto set.

Ma il duo lanuseino Elia Licciardi/Emanuele Cuboni rimette tutto a posto con tre punti consecutivi durante i quali il secondo si permette il lusso di battere ai vantaggi del quinto l’ex Riccardo Lisci. Prima e dopo Licciardi regola rispettivamente il baby Luca Broccia e poi Michele Lai. L’azzurrina Seu costringe al quinto pure Lisci ma anche in questo caso si arrende in extremis. Dopo il successo di Cuboni su Broccia, i guspinesi accorciano ancora con Lisci che sfrutta la sua maggiore esperienza per aggirare Licciardi. Infine si materializza la tripletta di Cuboni che sul 2-0 viene rimontato da Lai prima di assestargli il colpo definitivo con un quinto set a senso unico.

Nello scontro tra fanalini di coda Il Cancello Alghero vuol rimanere fedele al fattore 0 dando ampio spazio anche all’Isola Peter Pan Roma. Infatti non bastano le marcature di Christian Mulas e Fabio Costantino che hanno condiviso l’esperienza al liceo capitolino Peano con Marco Cassitta.

C2: MURAVERESE, CHE INTENZIONI HAI?

Il grande mistero è capire se la Muraverese vuole semplicemente salvarsi o ha in mente di fare un pensierino al salto di categoria. A vedere le formazioni che dispiega nelle sue sfide sembrerebbe emergere la seconda ipotesi, anche perché continua a vincere senza problemi. Dai piani alti della società sarrabese scende anche il titolato Riccardo Dessì che affiancandosi a Mario Bordigoni e Andrea Manis rende impossibile qualsiasi tipo di reazione al Tennistavolo Sassari di Marcello Cilloco, Alberto Ganau, Pierpaolo Mura e Laura Alba Pinna. Dopo il cappotto casalingo si ritrova solitaria in vetta in attesa che La Saetta Quartu, due punti indietro, recuperi la gara a Ghilarza rinviata per l’allagamento della palestra guilcerina. Intanto anche il neopromosso TT Carbonia vuole mettere il becco negli affari d’alta classifica agganciando il team di via del Nuraghe in virtù del 4-2, tutt’altro che semplice inflitto al TT Guspini. Come spesso accade è Walter Barroi che sbroglia la matassa sulcitana andando a vincere per due volte al quinto set, prima sul sempre più convincente Manuel Broccia, poi recupera e sorpassa anche lo zio Massimiliano. Vito Moccia si mantiene sulla sufficienza grazie al punto ottenuto su Fabrizio Melis, poi cede nuovamente al quinto contro Manuel. Il risultato ancora in bilico dopo cinque sfide viene finalizzato dalle riserve: tra Marco Lai e Fabiano Peddis è un’altra sfida combattuta che il padrone di casa porta a destinazione recuperando sull’1-2.

In attesa che l’ITC Enrico Fermi Iglesias decida da che parte della classifica stare, opta momentaneamente sulla posizione mediana superando il Tennistavolo Decimomannu. Del team sulcitano solamente Roberto Pili evidenzia problemi di tenuta fisica ed atletica dal momento che consente al presidente/fotografo avversario Tomaso Fenu di conseguire il primo storico successo nella serie maggiore sarda. Ancor più netta la superiorità del suo compagno Mattia La Gaetana. Per fortuna nella tana delle Tigri vigilano e ruggiscono Bruno Pinna e Giovanni Siddu che abbattono le resistenze di un’avversaria presentatasi in via Canepa anche con Gianfranco Soi e Aldo Franceschi.

L’ APPROFONDIMENTO

A cura di Marcello Cilloco

Definirei non ottimale l’andamento della mia Tennistavolo Sassari anche perché non ci aspettavamo un livello così alto del girone. Tra le favorite metterei la Muraverese che con l’innesto di Riccardo Dessì secondo me avrà un altro passo e probabilmente La Saetta Quartu. A parte il Tennistavolo Decimomannu che è sempre più ultimo, il resto della zona salvezza sarà un discorso accomunante tutte le altre squadre non citate, anche se obiettivamente, partiamo da svantaggiati soprattutto negli scontri diretti con TT Guspini e Guilcier Ghilarza per via delle sconfitte patite all’andata, ma che cercheremo di ribaltare.

Ci sarà da lottare ma noi ci proveremo fino all’ultimo

D1/A: LA SAGRA DEI PAREGGI

Salta il big match tra la capolista Tennistavolo Norbello e l’immediata inseguitrice Santa Tecla Nulvi B e di conseguenza cala la passione dei tifosi che guardano tiepidamente al resto delle sfide caratterizzanti la penultima giornata d’andata. Nell’approfondimento si scrive del 3-3 che la terza forza del campionato, Guilcier Ghilarza, rimedia sul gruppo tutto al femminile del Tennistavolo Sassari A.

Spartizione di punti anche tra Santa Tecla B e Tennistavolo Sassari B. I padroni di casa anglonesi sembrano aver sottoscritto un abbonamento annuale al 3-3 (e sono già quattro), nonostante Massimo Posadinu dia la carica ai suoi mettendo la museruola a Claudio Sabino e Alexander Evans. Dall’ufficio stampa teclino si apprende che Samuele Raggiu incrementa le sue potenzialità e per poco, dopo aver sistemato a dovere Evans negli ultimi istanti dell’accesa sfida, non realizza pure l’en plein nei confronti del gigante Gianfelice Delogu che però ci mette una pezza in extremis. Gavino Posadinu deve accontentarsi delle parole di cordoglio espresse dai suoi amati compagni, per non essere riuscito a ribaltare il risultato nelle tenzoni sviluppate con Delogu e Sabino.

La giornata delle gare “nulle” viene completata da Libertas Ping Pong Monterosello e Tennistavolo Paulilatino 2014. I migliori delle due fazioni emergono inesorabilmente: da una parte lo sportivissimo Samuel Paganotto, dall’altra l’indomabile Nazzaro Pusceddu. Non incontrandosi direttamente, chiudono la sfida con il massimo dei voti. A due che vincono tutto, si contrappongono quelli usciti sconfitti: Gianni Palmas e Carlo Maulu rinviano gli appuntamenti con la felicità agonistica, ma soprattutto l’ospite oristanese ha di che recriminare per la gara inaugurale persa 11-9 al quinto con l’imperturbabile Pier Luigi Scudino. Dall’altra parte della barricata esulta come non mai Giuseppe Mellai per il primo successo personale in D1.

L’ APPROFONDIMENTO

di Maria Elena Musio

Nella 6a partita di campionato che stiamo disputando io e le mie compagne di squadra Martina Bonomo, Chiara Scudino e Maria Laura Mura, abbiamo riportato un pareggio con il Ghilarza. Due punti li realizza Martina e uno io. I nostri avversari sono partiti molto bene portandosi sul 2-0 grazie a Mario Marchi (che dopo avermi sconfitto ha bissato con Maria Laura) e a Ignazio Calderisi successivamente superato da Martina per 3-2.

In classifica ci troviamo con 5 punti a pari merito con il Tennis Tavolo Sassari B.

Il Tennistavolo Norbello, secondo me, è senza dubbio la squadra più forte con giocatori di altissimo livello come Ana Brzan, Maurizio Muzzu ed Eleonora Trudu.

D1/B: TORRELLAS CORSARA A CARBONIA

LA MARCOZZI NON MOLLA

Ancora un successo e fra due settimane il Torrellas Capoterra potrebbe aggiudicarsi il titolo di campione d’inverno. Il quinto exploit stagionale lo coglie addirittura nella roccaforte del TT Carbonia, vice capolista, che in casa non aveva mai perso. Il big match comincia con una battaglia campale tra il sulcitano Luciano Macrì e il presidente capoterrese Celestino Pusceddu, che torna a sorridere dopo cinque scivoloni di fila. Più soft l’allungo di Nicola Carboni su Chicco Bianciardi, anche se poi il filotto di cinque successi consecutivi sarà interrotto, a risultato acquisito, da un Federico Ibba in forma smagliante che ha messo in seria apprensione pure Maurizio Piano, nell’incontro che ha consentito agli ospiti di raggiungere lo 0-3. Lo stesso Piano firma la definitiva vittoria su Macrì. Poco prima Bianciardi aveva tenuto in carreggiata il suo team sgominando Pusceddu.

Non è stato semplice per la Marcozzi, levarsi di dosso il pungente Tennistavolo Decimomannu. Tutto è sembrato semplice nel primo round quando la vice capolista di via Crespellani ha infilato tre successi: più nitidi i primi due con Zemgus Lai e Giuseppe Lepori implacabili contro Paolo Soraggi e Salvatore Garau. Sudatissimo invece il successivo punto di Cesare Mozzi che recupera due set di svantaggio all’irriducibile Marco Verminetti.

Gli ospiti tornano in partita con un Garau straripante nei confronti del giovane Lai. Ma è Mozzi a bloccare ogni velleità di rimonta respingendo gli assalti di Soraggi. Quando tutto è già deciso Verminetti si toglie la grande soddisfazione di arrecare un raro dispiacere a Lepori.

Punteggio tennistico de La Saetta nei confronti di un irriconoscibile Cagliari TT al suo secondo naufragio consecutivo. Per la formazione quartese due punti a testa per Alessandro Concu, Alberto Manos e Alessandro Mercenaro. In casa avversaria hanno dolorosamente subito Paolo Marinelli, Giuseppe Curreli, Dzintars Lai.

Con il secondo stop consecutivo l’Azzurra deve guardarsi bene le spalle per non farsi trascinare dalle acque paludose che scorrono nei territori più a sud. Da dove arrivava la Muraverese che realizza il colpaccio in via Carpaccio capitanata dall’ex Pierluigi Montalbano, autore di una doppietta (epica l’ultima decisiva sfida con Guido Lampis caratterizzata da ben tre parziali su cinque chiusisi ai vantaggi) e con i contributi della figlia Luana e del pongista paralimpico Luca Paganelli. Per i padroni di casa punti singoli di Alessandro Polese e dello stesso Lampis. Il presidente Gianni Pomata si arrende sia a Paganelli, sia a Luana Montalbano.

SVELTA SCORRIBANDA TRA I SEI GIRONI DELLA D2

Continua la passeggiata sullo spazio dell’Alghero che nel girone A mette a tacere le velleità dei pulcini accasati col Tennistavolo Sassari A. Salvatore Zinchiri, Salvatore Motzo e Massimiliano Salis sembrano abbastanza sicuri del fatto loro. Rischia un pochino il primo, costretto ad usufruire del quinto set per frenare la verve agonistica di Federico Casula.

Ancor più netto il successo dell’Olbia sul Tennistavolo Sassari B con le doppiette di Antonio Trubbas, Stefano Corda e Pier Paolo Melis. Ma riagganciare i catalani per ora è improbabile, anche se lo scontro diretto del 17 dicembre potrebbe riservare colpi di scena.

Anche nel girone B sono due le compagini che emergono: Il TT Oristano conserva la leadership a punteggio pieno grazie al 4-2 inflitto al Guspini A. In realtà i vincitori si sono prima assicurati il successo con le segnature di Sebastiano Urrai, Carlo Carta (2) e Emanuele Marras. Nelle due restanti sfide impeti d’orgoglio medio campidanese da parte di Christian Liscia e Sergio Vacca che hanno giocato assieme a Giorgio Onnis.

L’Atletica Serramanna continua ad inseguire a due punti di distacco. Artefici del 6-0 sul TT Guspini B Mariano Zucca (2), Adriano Zucca (2), Gianni Capaccioli e Fulvio Simonelli. Gli avversari erano Manuela Casu, Gian Paolo Collu ed Elena Kuznetsova.

A punteggio pieno rimane la Torrellas Gialla che nel girone C ha avuto la meglio sul Decimomannu Rossa. È vero, siamo in testa nella classifica – rammenta il capoterrese Antonio Cingolani – ma credo che sia ancora tutto da decidere tra la Torrellas, il Decimomannu e ci metto pure l’Iglesias. Con la “Rossa” siamo riusciti a vincere grazie alle due vittorie di Luigi Congiu, una di Antonello Migliaccio ed una di Marco Carboni, il quale ha disputato la prima partita stagionale. Buone prestazioni nel Decimomannu di Italo Fois, Michael Belmonte e di Francesco Mela. Ad oggi tra i protagonisti che ho avuto modo di vedere nella D2/C, mi è molto piaciuto il gioco di Belmonte e credo che avrà un futuro ricco di vittorie”.

Nell’altro match che ha chiuso il girone d’andata il Fermi Iglesias consolida la seconda piazza con un limpido 6-0 sul Torrellas Young. Vanno a segno Sergio Aramu, Maurizio Vacca e Mario Pinna.

Il tandem Tennistavolo Quartu-TT Monserrato continua a dominare nel girone D. La prima si aggiudica la stracittadina in casa de La Saetta. Di Nicola Orani (su Pietro Ghiani) e Gianfranco Ibba (su Romano Monni) i primi due acuti, ma Chiara Cottiglia accorcia le distanze su Nicola Perra. Orani allunga di nuovo ma stavolta è Pietro Ghiani a riaccendere le speranze su Federico Perra. Ogni tipo di discorso diventa privo di senso quando Ibba batte Chiara, per il 4-2 finale.

Senza storia il successo dei paulesi sulla Marcozzi Old. Gianpaolo Manca (2), Marco Sanna (2) e Riccardo Di Giovanni contribuiscono alla causa. Punto della bandiera per Gianpiero Cabras che non lascia scampo al presidente Alessandro Picciau.

Seppur con una gara in meno rispetto alle inseguitrici, la Muraverese Rossa continua a detenere il primato del girone E. Rinviata la tenzone che la vedeva impegnata con i cugini del Muravera TT, rimane da commentare il 4-2 con cui la Muraverese Gialla ha ridimensionato le mire espansioniste dello Sporting Lanusei.

L’infortunato Licciardi entra in campo solo per stringere la mano agli avversari, mentre si gioca sul serio con Roberto Deiana che ha la meglio su Luca Cuboni. Il presidente ogliastrino Maurizio Cuboni mantiene alta la media dominando su Francesco Marotta e Antonio Agostinelli. Anche Marotta mette in cascina un punto infierendo su Luca Cuboni.

Nel girone più popoloso (F), è cominciato il girone di ritorno. Essendo di riposo, la capolista Decimomannu Blu viene raggiunta in cima da La Saetta Rossa che ha dilagato opposta al Monserrato KK: segnano Simone Sebis (2), Alessio Picciau, Francesco Murtas (2) e Mattia Pala.

La Marcozzi Red si propone come terza forza del campionato e vince il derby di famiglia con le marcature di Riccardo Esposito (2), Davide Mameli e Luca Pinna. A tenere alto l’orgoglio della Marcozzi Young ci pensa Filippo Picciau.

Previous articleDigi Mobil premia giovani artisti per celebrare la Giornata Mondiale della Lingua Rumena
Next articleA1 maschile