Home Altri sport

FITET Sardegna: campionati nazionali e regionali di Tennistavolo

FITET Sardegna
La Marcozzi di A2 maschile (Foto Sergio Ruiu)

FITET Sardegna: campionati nazionali e regionali di Tennistavolo.

SERIE A1 MASCHILE: CARRARA ANCORA TROPPO FORTE PER IL TENNISTAVOLO NORBELLO

Perdere l’imbattibilità ma con la prima della classe non crea particolari scompensi. Anzi, il Tennistavolo Norbello ne ha approfittato per andare a Carrara con una formazione inedita che a parte il solito Marco Cappuccio, annoverava il tecnico allenatore Sergei Mokropolov e il nuovo innesto iberico Moises Alvarez Garcia. Risultato rotondo quello rifilato dai Campioni d’Italia in carica ma non è dispiaciuto l’assetto guilcerino da rivedere eventualmente nel mini tour de force il prossimo fine settimana in via Azuni: prima con il quarto impegno di campionato con la Bagnolese (sabato h.17) e l’indomani alle 10:00 nella prima uscita in Coppa europea TT Intercup (pool G) con i tedeschi dello Essener TTV 23.

A2: L’INIZIO SPRINT DELLA MARCOZZI. PRIMO STORICO PUNTO DEL SANTA TECLA NULVI

Proprio come lo scorso anno. Dopo due giornate la Marcozzi Cagliari conquista altrettante vittorie e resta solitaria in vetta del girone B. Vittima più recente il Torre del Greco che tra gli intenditori è annoverato tra i favoriti. Davanti al proprio pubblico il team allenato da Fabio Ferrero mostra un Federico Vallino Costassa particolarmente motivato nell’ottenere i punti palio e conservare il 100% di rendimento. Ma si guadagna i meritati galloni anche Lorenzo Martinalli bravo a non scoraggiarsi e a rimettere in carreggiata un match che sembrava compromesso. Va a punto l’imperituro Maxim Kuznetsov che si avvale della facoltà di attingere dal suo profondo pozzo d’esperienza. Prossimo appuntamento sabato pomeriggio sul campo del Servigliano (Fermo).

Colpo d’orgoglio del Santa Tecla Nulvi che si riprende subito dal trauma post derby andando ad impattare nella scuola Palumbo di Trani, campo di riserva del Tennistavolo Casamassima. A rendere felice il presidente Francesco Maria Zentile è che tutti e tre i convocati portino acqua al suo mulino. Nei sei incontri la superiorità di chi ha prevalso è apparsa netta, quindi nessuno ha avuto da ridire sull’equità del verdetto che dalla parte anglonese ha premiato Alberto Margarone, Roberto Perri e Aleksi Räsänen. Pronti alla prossima sfida casalinga quando al Palasport di Corso Vittorio (sabato, h. 16:00) si paleseranno i pongisti della ASD Pol PG Frassati Official di Napoli.

Il Tennistavolo Sassari, nel girone A, non riesce a raddrizzare una sfida che si era messa male sin dall’inizio, a Brescia. Il Parva Domus Marco Polo si è mostrato maggiormente assetato di punti e infatti vola sul 2-0. I fratelli Luca e Marco Bressan (a secco nella tenzone d’apertura) ci mettono una pezza temporanea, ma la giornata infausta prosegue con il ko dello stesso Luca e poi del tecnico russo Andrei Bukin, chiamato a sostituire Marco Poma, sfortunato anch’egli nel cedere il punto a Chokry ai vantaggi della bella (seconda sfida in cartellone). Sabato alle ore 16:00, in corso Cossiga, arriva la capolista AON Milano.

SERIE B2: IL MURAVERA SI SCUOTE, ASMIHIU UN LUSSO DA SFRUTTARE MEGLIO IN CASA SASSARI

L’ampia rosa del Muravera TT permette ai loro tecnici di preparare alchimie raffinate atte ad esprimere costantemente dei collettivi granitici. Ed è così che Valentina Roncallo si congeda temporaneamente dalla A1 femminile per fornire supporto ai suoi compagni. Per la pongista ligure n. 4 d’Italia giunge una doppietta che si somma all’en plein dello spagnolo Peris Sergi Gomez. Quanto basta per espugnare l’avamposto lucchese e abbandonare lo zero in classifica. Unico dispiacere lo 0% rimediato finora da Alessandro Costa. Sabato alle 17:00 nella Palestra Giovanni Cuccu arriva il Bernini Livorno.

Resta a zero il Tennistavolo Sassari superato anche dalla Sestese con lo stesso cliché della prima giornata con il nigeriano Ganiyu Ashimiyu capace di affondare chiunque ma che non riesce a somministrare impeti d’orgoglio ai suoi compagni, in questo caso Tonino Pinna e Lisa Bressan. L’incontro casalingo di sabato mattina (10:30) con il CIATT Firenze sarà un nuovo banco di prova per capire il resale valore del club turritano.

SERIE C1: MURAVERESE ROSSA AVANTI GRAZIE ALLO “SCONTRO” DI FAMIGLIS

Un calendario un po’ ballerino propone anticipi, al posto delle gare fissate alla seconda giornata. Una di queste è il derby in casa Muraverese con la formazione Rossa che grazie al successo sulla Gialla si ritrova in testa alla classifica assieme ai concittadini del Muravera TT e al Roma Ping Pong.

Protagonista indiscusso è stato Alberto Mattana, grande trascinatore con un tre su tre. E poi punto a cranio per Riccardo Dessì e Marcello Porcu. La resistenza gialla è stata efficace da parte di Cesare Mozzi (2) cui si aggiunge il successo di Andrea Manis dopo vibrante gara inaugurale con Porcu, conclusasi 15-13 al quinto. Mario Bordigoni, invece, non è riuscito a dare una mano concreta. Due giorni dopo sempre i “canarini” ospitano l’Eureka Roma e rimediano la terza sconfitta consecutiva. Marco Cocco sostituisce Bordigoni riuscendo a sbloccare il risultato. Manis raddoppia ma è solo un fuoco di paglia perché nelle successive tre sfide la compagine laziale ribalta la situazione. Mozzi acchiappa il momentaneo pari ma poi calano le tenebre con due 0-3 che lasciano la Gialla in fondo alla classifica.

L’Eureka approfitta del soggiorno nel Sarrabus per misurarsi pure col Muravera TT che invece brilla grazie anche all’inserimento di Miriam Carnovale, n. 11 d’Italia. La pongista calabrese è implacabile nelle sue tre performances, ma la segue a ruota l’ogliastrino Emanuele Cuboni che lascia davvero pochissimo ai due avversari affrontati. Simone Boi li incoraggia dalla panca e cerca di imitarli quando entra in campo, ma stavolta non ci riesce.

Rinviato a fine novembre il derby TT Guspini-Tennistavolo Sassari e al 5 novembre quello tra Muraverese Rossa e Muravera TT, nel prossimo fine settimane c’è da assecondare parte della terza giornata con TT Sassari-Muraverese Gialla (domenica h. 10), e il big match tra Roma Ping Pong e Muraverese Rossa (sabato, 17:30).

SERIE C2: LA SAETTA SQUADRA DEL GIORNO

Stupisce tutti e tenta la fuga in solitaria. Momentanei onori e gratificazioni a La Saetta Quartu che in un sol boccone si mangia in trasferta l’autorevole formazione carboniese dove solo il “piccolo” Federico Ibba prova a scardinarne la furia soppressiva. I verdi campidanesi sembrano di un altro pianeta con il sangavinese Gioele Melis sempre più a proprio agio con i suoi compagni tra cui Nicola Carboni che raramente fallisce l’obiettivo. Grazie ad individualità del genere anche Michela Mura si esprime con più tranquillità andando a sconfiggere un Walter Barroi che probabilmente ha bisogno di tempo per ripristinare il suo rinomato modus operandi.

Il secondo risultato a sensazione lo ottiene il Torrellas Capoterra: nella sfida casalinga tra matricole liquida 5-1 il Tennistavolo Norbello. Molte gare risultano equilibrate ma ai padroni di casa va il merito di averci creduto fino in fondo, come per esempio Maurizio Piano che recupera una situazione disperata nei confronti del fuori quota macomerese Maurizio Muzzu. Quadretto simile per il presidente Celestino Pusceddu, vincitore ai vantaggi della bella sulla per niente duttile Martina Mura. Ma neppure Zemgus Lai nel match di chiusura liquida Eleonora Trudu con semplicità: nel 3-0 finale la differenza è di appena sei punti. In precedenza Lai aveva superato Mura con lo stesso punteggio ma con due parziali conclusi ai vantaggi. Successi più semplici: quello iniziale di Muzzu (su Pusceddu) e di Piano (su Trudu).

Muove per la prima volta la classifica il TT Guspini impegnato fra le mura amiche con la Marcozzi Cagliari. La partenza è davvero sprint con tre punti consecutivi firmati dai fratelli Manuel e Luca Broccia e da Fabrizio Melis, bravo a recuperare due set di svantaggio a Giuseppe Lepori. Dopo il 3-0 patito da Luca, Giuseppe Rossi riaccende le speranze degli ospiti spuntandola faticosamente su Manuel al quinto parziale, dopo che si è ritrovato sotto 1-2. Ma Melis interrompe subito qualsiasi illusione bloccando Licio Rasulo che aveva sostituito Gianluca De Vita. A risultato acquisito Luca e Lepori se la giocano come se fosse uno spareggio, fino al colpo di reni del marcozziano, alla bella, che termina 15-17.

Sul pareggio tra ITC Enrico Fermi Iglesias e Guilcier Ghilarza giunge puntuale il contributo della tigre sulcitana Bruno Pinna, attualmente al 100% di rendimento dopo quattro singolari: “Campionato di C2 molto equilibrato quest’anno. Lo conferma anche il nostro risultato della seconda giornata. Il pareggio era l’obiettivo minimo, anche se la mia vittoria su Briam Mele mi ha fatto illudere di poter prendere il bottino pieno. Giovanni Siddu, infatti, perde con Faedda che recupera da sotto di due set e toglie ogni speranza alle nostre ambizioni. Gli altri incontri fra Mele e Roberto Pili e Siddu contro Cuccureddu, rispettano i pronostici: il primo a loro favore, il secondo per noi. Riesco a vincere anche con Faedda e provo di nuovo a sperare che Pili sfoderi una buona prestazione di altri tempi. Invece Roberto è troppo giù di preparazione ed in più ha sentito il peso della responsabilità del risultato. Il suo gioco troppo contratto ha favorito il suo avversario che alla fine ha vinto per 3-0. Finisce con un pareggio che non è determinante per il proseguo del campionato ma ci pone in una condizione di svantaggio rispetto alle dirette concorrenti per una salvezza senza troppi patemi. Osservando i risultati di queste prime due giornate ho potuto notare che tutte le squadre hanno almeno un giocatore in grado di battere qualunque avversario. A parte La Saetta e il Carbonia, che secondo me hanno le squadre più forti, le altre sono condizionate dalle prestazioni del singolo. Il Guspini potrebbe essere una sorpresa e le restanti in grande equilibrio. Il Tennistavolo Norbello, pur avendo Muzzu, forse il giocatore più forte del campionato, può rischiare di trovarsi in brutte acque se non rafforza la squadra durante il campionato. Per quanto riguarda il mio team, posso dire che affronteremo il campionato con la solita grinta e serietà. Se dovessero tornare i risultati del Siddu che si è fatto conoscere in tutti questi anni, le prestazioni standard di Pili e, infine, la continuità del mio rendimento attuale, possiamo davvero pensare di mettere in difficoltà anche le squadre più forti del nostro girone”.

SERIE D1/A: UNA COPPIA SOPRA IL RESTO

Il Libertas Ping Pong Monterosello si erge a squadra protagonista grazie al successo sul campo dell’Atletica Serramanna (vedere approfondimento in basso). Attualmente spartisce il primato con Il Cancello Alghero, costretto al pari in casa dal Tennistavolo Sassari che va a segno con le sue due dame Elena Rozanova e Laura Alba Pinna. I catalani trovano margini di speranza grazie a Carmine Niolu, agile nel prevalere su Pierpaolo Mura e in extremis anche sulla Pinna che gli dà molto da penare fino al quinto parziale.

Prima vittoria per il neo promosso Alghero che affonda la lama nelle racchette del Guicier Ghilarza. Tra i padroni di casa si mettono in mostra Salvatore Motzo, Salvatore Zinchiri e Massimiliano Salis. Mentre in casa guilcerina è Mario Marchi a confermarsi uomo più pericoloso del team in attesa che carburino Pierpaolo Cubadde e il nuovo reclutato Adolfo Simbula.

Sul sacco di Serramanna segue la cronaca di Samuel Paganotto: “La trasferta più lunga del campionato ci porta nel sud dell’isola, dove incrociamo le racchette con gli amici di Serramanna con i quali diamo vita ad un incontro molto combattuto ed equilibrato. Parte bene la vecchia conoscenza Mariano Zucca contro il nostro Sergio Idini, che tiene bene per i primi due set ma poi capitola sotto la pressione costante di Mariano. Riusciamo di seguito ad infilare una sequenza di 4 vittorie consecutive così disposte: il sottoscritto a fatica su Gianni Capaccioli, che mi crea non pochi grattacapi con un gioco paziente, intervallato da improvvisi e precisi vincenti di rovescio; punto successivo di Gianfelice Delogu contro Beniamino Pillittu nell’incontro più bello della giornata, con l’ago della bilancia che viaggia impazzito da una parte e dall’altra, e set che sembrano conclusi e che invece non finiscono mai. Segue il mio incontro con Mariano, dove mi calo nelle vesti di portiere/difensore per arginarne l’esplosivo gioco d’attacco, riuscendo gradualmente e fortunatamente a bagnarne le polveri. Punto decisivo per la vittoria di un ottimo Gigi Scudino, che alterna difesa ed attacco riuscendo ad avere la meglio solo al quinto set sul pur bravo Beniamino. Nell’ultima partita, a vittoria ormai acquisita, il gioco ordinato di Gianni ha la meglio su quello un po’ sottotono di Gianfelice. A prescindere dal risultato finale che ci rallegra indubbiamente, un bell’incontro con amici che ci hanno fatto sentire come a casa. Appuntamento alle prossime partite, in un campionato che vede all’interno di diverse formazioni nomi di giocatori che hanno da sempre giocato in serie ben superiori (e che ancora lo potrebbero fare), situazione che sportivamente parlando preoccupa ed eccita allo stesso tempo, creando suspence ed incertezza in ogni singolo match. L’importante, come sempre, è divertirsi, per cui buon divertimento a tutti”.

SERIE D1/B: TUTTO ANCORA MOLTO INCERTO MA DUE SONO AL COMANDO

(a cura di Luciano Macrì)

Seconda giornata. Molte società accusano ancora assenze importanti e ciò influisce sui risultati di un campionato che dal valore nominale delle compagini in campo si presenterebbe abbastanza equilibrato. Solo Muraverese e TT Carbonia mantengono il punteggio pieno di due vittorie su due gare, ma già dalla prossima giornata, visto lo scontro diretto, uno dei due team dovrà lasciare sul campo almeno un punto. Ma è appunto troppo presto per capire come potrà evolversi. Nell’ultimo turno disputato si registra la vittoria importante del Decimomannu per 4-2 contro La Saetta Rossa: con i contributi decisivi di Mattia La Gaetana e Marco Saiu (ma c’è anche Italo Fois), questa squadra, al completo, sarà per tutti piuttosto ostica da affrontare. Punti saettini di Mattia Pala e Simone Sebis La Muraverese, con un rotondo 6-0, si aggiudica l’incontro con Monserrato: realizzazioni di Roberto Chessa, Mario Bordigoni, Luca Paganelli. La mia squadra, il TT Carbonia, vince contro Quartu, che da una parte gioisce per la grande prova di Nicola Orani autore di due belle vittorie (su Pietro Pili ed Enrico Bianciardi), ma dall’altra patisce importanti assenze che facilitano il nostro compito con i miei due punti e uno a testa di Pietro e Marco Ibba. Il quarto incontro della giornata (Saetta Verde – Azzurra) finisce in parità. Da sottolineare in quest’ultima gara, le ottime prestazioni di Romano Monni (Saetta Verde), e di Guido Lampis (Azzurra). Vanno a segno anche Alessio Picciau e Gianmichele Zanelli.

SERIE D2: IL PUNTO DOPO DUE GIORNATE

Finisce anche la spasmodica attesa per i protagonisti del girone A della D2 che finalmente si sono potuti buttare nella mischia e tentare di aggiudicarsi il girone che significherebbe promozione. Inizia con una sconfitta il campionato del Nulvi. Dall’ufficio stampa anglonese riportiamo la seguente disamina: “Giunti ad Olbia in formazione rimaneggiata, i nostri non sono riusciti ad impensierire i padroni di casa, conquistando soltanto due punti con Massimo Posadinu e Francesco Maria Zentile vincenti sulla new entry Gelu Ciobanu. Senza storia invece le sfide contro Pier Paolo Melis e Stefano Corda che non hanno lasciato neppure un set ai nulvesi. Nota positiva tra le nostre file è il ritorno ufficiale alle gare di Antonio Murgia, che dopo anni di stop ha deciso di riprendere la racchetta in mano. Sta svolgendo un buon lavoro durante gli allenamenti e siamo sicuri che durante la stagione potrà togliersi qualche soddisfazione”!

Con lo stesso punteggio il Tennistavolo Sassari ha la meglio sul Cancello Alghero. Turritani ficcanti con Francisco Javier Duarte, Antonio Mandras e Paolo Bertulu, Dall’altra parte delle barricate combatte come un ragazzino l’ottuagenario Efisio Pisano, autore dei due punti algheresi.

Il girone B vede il TT Oristano Bianca sciorinare un organico robusto: il nuovo innesto Gianni Pintus si aggrega ad altri nomi importanti come Carlo Carta e Emanuele Marras.

I primi due fanno la differenza nel confronto con l’ITC Enrico Fermi Iglesias accumulando quattro punti totali. Marras rende a metà perché cede una partita all’iglesiente Giancarlo Pili che ha condiviso l’esperienza con Mauro Usai e Maurizio Vacca.

Dilaga il Guspini A con l’Atletica Serramanna che sigla il punto della bandiera grazie a Fulvio Simonelli. Dall’altra parte della retina si scatenano Giorgio Onnis, Christian Liscia e Sergio Vacca.

Bene anche il Decimomannu Rossa nell’abbrancare senza patemi d’animo i due punti in palio con la sfidante Guspini B. Le tre doppiette sono di Aldo Franceschi, Francesco Mela e Tomaso Fenu.

Il girone C vede due compagini condividere la vetta. Il Torrellas Gialla espugna il campo de La Saetta, mentre la Marcozzi Shark ottiene due punti sui Quattro Mori ma i vari Musmeci, Anedda e Melis trovano nella mora Barbara Lecca atleta irraggiungibile ma priva, per ora, di compagni che tengano il suo incedere.

Tra Decimomannu Verde e Cagliari TT è sfida che appassiona. Il pareggio conclusivo è frutto di ben cinque tenzoni che si chiudono al quinto parziale. Nel clan decimese vanno a segno in tre tra cui Carlo Orrù, Marco Podda e Andrea Decroce. I cagliaritani filo marcozziani rispondono con doppietta di Stefano Manca e Giuseppe Curreli.

La Torrellas Blu incamera un’altra sconfitta: contro la Marcozzi Old le ragazze perdono per 4-2 (di Sara ed Elisa Floris i punti torrellesi) facendo comunque vedere buone cose. Gli Old si permettono di lasciare all’asciutto Giacomo Balloccu perché ci pensano Marco Marturano e Gianpiero Cabras.

Sul 6-0 dei torrellesi gialli su La Saetta c’è l’intervento di Dzintars Lai: “In questa giornata abbiamo sfidato le giovani promesse del TT La Saetta, vincendo 6-0 con due vittorie mie, di mio fratello Varis e di Luigi Congiu, contro Nicola Huang, Alessandro Massa e Roberto Garau, i quali hanno dimostrato, nonostante la loro poca esperienza, di avere delle buone basi su cui poter crescere. Al momento, non conosciamo ancora il nostro vero potenziale, poiché il nostro buon inizio è stato favorito dalla vittoria nel derby con la Torrellas Blu e il TT La Saetta, entrambe formate da giovani promesse che necessitano solo di esperienza. Io e i miei compagni, Varis, Luigi e Antonello, cercheremo di giocare campionato per divertirci, tentando di inserirci nella lotta per la vittoria, ma solo dopo gli scontri diretti potremo valutare effettivamente il nostro valore. Le squadre che ritengo probabili vincitrici sono la mia ex-squadra, il Cagliari TT, e il Decimomannu Verde, composte da giocatori con tanta esperienza, che si sono sfidate in questa giornata e hanno pareggiato. Poi ci sono altre squadre come la Marcozzi Old e la Marcozzi Shark, che sarà la nostra prossima avversaria in campionato, e il Quattro Mori, che so che si stanno allenando seriamente e potrebbero creare qualche difficoltà sia alle pretendenti vincitrici sia a noi. Auguro un buon campionato a tutti e che vinca il migliore.”

Marcozzi Red e Tennistavolo Quartu sono le uniche nel girone D con due successi all’attivo. Il team cagliaritano viola il campo de La Saetta B mandando a punti ben quattro tesserati, ma chi fa di più è Riccardo Esposito (2), mentre si accontentano di un successo Antonello Mura, Davide Mameli e Luca Pinna. Punto della bandiera di Francesco Murtas. Nella sfida tra bimbi e adolescenti, in via Vespucci, è Il Tennistavolo Quartu a prevalere. Davide Portas e Marco Orani ne fanno due a testa, il resto è opera di Renzo Henriquez e Giuseppe Coinu. I giovani dello Sporting Lanusei che incassano e imparano sono David Mereu, Alessandro Sale, Matteo Deplano.

“La nostra è una squadra nuovissima – dice il tecnico del Tennistavolo Quartu Martina Mura – costituita per far giocare i ragazzini che fondamentalmente sono alla loro prima esperienza. Nonostante questo si stanno vedendo buoni risultati anche se ad onor del vero le prime due formazioni affrontate erano abbastanza abbordabili. Nonostante la presenza dei bambini è dunque un campionato che si può giocare; possiamo arrivare tra le prime quattro del girone. Vedo come avversarie più complesse sia la Marcozzi Red, sia il Decimomannu Blu ma globalmente vedo una situazione di equilibrio sostanziale dove i vivai sono prevalenti anche perché la D2 è un campionato che serve a fare esperienza. Peculiarità emersa proprio nella sfida col Lanusei che ugualmente è squadra imbottita di giovani ed è bene che giochino il più possibile”.

Altra gara infarcita di speranze del pongismo sardo è quella che vede di scena Muraverese Young e Marcozzi Young. Picciau e Mazzola portano avanti gli ospiti, rintuzzati però dalle reazioni di Francesco Marotta e Alberto Piras. Ma il vantaggio iniziale viene ripristinato grazie al rush finale ancora di Filippo Picciau e Leonardo Rasulo.