Home Altri sport Motori

GOODYEAR || DI NUOVO INSIEME A BRABHAM PER RIPORTARE IN PISTA E IN STRADA UNA LEGGENDA

Nel mondo delle corse, la leggendaria dinastia Brabham ha ottenuto risultati incredibili. Il leggendario Sir Jack Brabham rimane infatti l’unico pilota ad avere vinto un Campionato del Mondo di Formula 1 con una vettura che lui stesso aveva costruito, coronando così una carriera formidabile.

Il successo è stata una costante anche per le successive tre generazioni della famiglia, perché i figli di Jack hanno vinto titoli in campionati prestigiosi – tra cui la mitica 24 Ore di Le Mans conquistata dal figlio più giovane, David, oggi impegnato in prima linea per il nuovo inizio dell’iconico costruttore insieme a uno dei suoi partner storici.

L’azienda Brabham, nata nel 1962, dopo appena tre anni ha cominciato la sua storica collaborazione con #goodyear. L’iconica BT19, guidata da Sir Jack Brabham, era la vettura da battere in Formula 1 nel 1966: dopo aver ottenuto quattro vittorie consecutive – tra cui quelle sul circuito di Brands Hatch e sull’impegnativa pista del Nürburgring Nordschleife. Oltre al titolo piloti, Brabham conquistò anche il titolo Costruttori ottenendo così una storica doppietta.

Questa #partnership tra #goodyear e Brabham ha permesso di vincere campionati e gare fino agli anni ’80 e #goodyear ha contribuito alla vittoria di oltre 50 Campionati del Mondo piloti e costruttori e centinaia di gare fino al 1997.

Nel 2019 Brabham e #goodyear hanno cominciato un nuovo capitolo dell’iconica collaborazione. La vettura #brabhambt62 porta avanti la tradizione del pedigree da competizione della famiglia: progettata con la filosofia che ha reso grande la casa automobilistica inglese, è dotata di 700 cavalli, è leggera e aerodinamicamente avanzata. La prima vittoria non si è fatta attendere: David Brabham, insieme al co-pilota Will Powell, nella sua gara d’esordio nel 2019 nel campionato Britcar per vetture sport, vetture turismo e di serie, sul circuito notoriamente bagnato di Brands Hatch ha infatti guadagnato il primo posto.

“Abbiamo lavorato alla BT62 per renderla da subito pronta a competere”, spiega David Brabham. “L’obiettivo era quello di onorare lo straordinario heritage di Brabham in Formula 1. L’approccio giusto ci ha permesso di finalizzare il prototipo, permettendoci così di gareggiare. A questo punto entra in gioco #goodyear: abbiamo fatto un test per provare i #pneumatici F1 SuperSport e ci siamo resi subito conto che era l’equilibrio perfetto. Il fit tra l’auto, il pneumatico e il pilota era esattamente quello che ci serviva, e abbiamo vinto”.