Home Altri sport Sport Invernali Gyda Westvold Hansen vince in Val di Fiemme

Gyda Westvold Hansen vince in Val di Fiemme

0
Westvold
Gyda Westvold Hansen (Foto Newspower.it)

Gyda Westvold Hansen, la predestinata. È la norvegese, 20 anni ad aprile, la prima ad iscrivere nell’albo d’oro della Val di Fiemme un nome femminile nella Combinata Nordica di Coppa del Mondo.
Oggi pomeriggio nella frazione di fondo Gyda ha rischiato di compromettere tutto, è scivolata a terra, ma come un gatto dalle sette vite si è rialzata con un balzo, ha concluso seconda. Prima, nella 5 km di fondo, è la talentuosa giapponese Anju Nakamura, partita dietro alle norvegesi di punta in seconda fila, ma ha saputo recuperare il piccolo gap. Posizione di favore per Annika Sieff che è partita sulle code della leader di Coppa, la Westvold, ma dopo i primi attimi della mass start è la tedesca Haasch a scombinare le carte. A metà del primo giro la tedesca comanda il gruppo, dietro la slovena Volavsek, la Westvold è “solo” quarta, le azzurre oltre le prime dieci.
Prima di concludere il giro la Nakamura saluta tutte, allunga e se ne va. Provano a contenere l’attacco, ma senza successo, la Haasch, la Westvold, l’austriaca Hirner. Veronica Gianmoena è 11.a, Annika Seff 14.a.
La Nakamura conduce con fermezza, allunga, la Westvold vola e come detto si rialza, cade anche Veronica Gianmoena. Su traguardo la giapponese esulta, dietro la Westvold, poi la Hirner. Tre nomi da tenere in evidenza sul taccuino. Alla fine Sieff 14.a, Gianmoena visibilmente contrariata, e a ragione, è 15.a.
Poi stasera lo stadio del salto Dal Ben di Predazzo si è illuminato a giorno. Bandiere, striscioni, lenzuola con le scritte per le due fiemmesi. Gli incoraggiamenti arrivano fin su allo start del trampolino. A metà gruppo scende Veronica Gianmoena, salta 89,5 m., passa in testa. Sa bene che le migliori sono ancora sulla postazione di partenza. Poi scende Annika Sieff, salta 97,5 m. e la sorpassa. Per un po’ Annika è sul trono di leader.
Nel finale è il momento della Hirner, passa al comando, poi scende la Westvold, la “predestinata”, e vola come un folletto a 101 metri. È un boato, il suo salto è come quello dei migliori maschi di stamattina. Manca solo il furetto giapponese: Nakamura salta con grande disinvoltura, un salto di stile, ma non abbastanza lungo (91,5) da battere la reginetta norvegese. Il podio si compone con Westvold sul gradino più alto, subito sotto una sorridente Nakamura e poi la Hirner. Queste le parole della vincitrice: “Non ero del tutto convinta di poter ottenere questo risultato, è andata molto bene e sono davvero soddisfatta del mio lavoro. Mi sono allenata molto per questo, ma sicuramente c’è ancora da migliorare. La Norvegia è molto forte sia nel fondo che nel salto e qui in Val di Fiemme gli atleti della nazionale hanno vinto molto, credo ne siano soddisfatti, quindi volevo continuare con questa “tradizione”, e penso di esserci riuscita.”
Le due azzurre sono in ogni caso soddisfatte, Sieff è ottava, Gianmoena 11.a. Stasera, lo hanno detto sottovoce, a letto presto certo, ma non senza le ormai classiche crepes con mascarpone e nutella!
Per le ragazze l’avventura fiemmese è finita, domani ultima gara invece per i maschi, che replicano la Gundersen: salto a Predazzo alle ore 9.30, fondo a Lago di Tesero alle 11.45.
Info: www.fiemmeworldcup.com

Mass Start Women HS 106 / 5 km
1 WESTVOLD HANSEN Gyda NOR 124.6; 2 NAKAMURA Anju JPN 110.5; 3 HIRNER Lisa AUT 109.4; 4 KASAI Yuna JPN 106.4; 5 LEINAN LUND Mari NOR 105.5; 6 LEINAN LUND Marte NOR 102.7; 7 VOLAVSEK Ema SLO 98.5; 8 SIEFF Annika ITA 96.0; 9 HAGEN Ida Marie NOR 93.5; 10 BROCARD Lena FRA 92.2; 11 GIANMOENA Veronica ITA 87.6