Home Altri sport Motori Il Ghiaccio di Pragelato esalta Piero Longhi

Il Ghiaccio di Pragelato esalta Piero Longhi

0
piero longhi
Piero Longhi sul podio

Piero Longhi ha esordito nel tricolore ghiaccio, soltanto al precedente appuntamento di Pragelato, lo scorso 23 gennaio, il pluri campione rally molto a suo agio sui fondi impegnativi ha mostrato subito di sapersi adattare ad una specialità dove occorrono bravura e precisione. Così nel secondo round stagionale per lui si è addirittura raddoppiato l’impegno, sulla Skoda Fabia R5 curata dalla PA Racing e rilancio della sfida sulla performante Subaru Impreza curata dalla Alex Motor Racing, factory capitanata proprio dall’amico Alex Pregnolato.

Lo stesso Pregnolato ha sferrato l’attacco decisivo in gara ed è riuscito ad agguantare il secondo posto tra le auto di gruppo N, grazie ad una guida precisa ed arricchita dalla lunga esperienza del pilota di Oleggio sui fondi ghiacciati. Longhi ha chiuso al terzo posto di gruppo N. Ma il poliedrico driver di Paruzzaro, vincente già nei rally ed in pista, adesso ha arricchito il suo palmarés con il successo tra le auto R5 con il 4° posto assoluto, alle spalle di ottimi piloti tutti su vetture di categorie superiori ammessi alla serie tricolore su Ghiaccio.

-“Un ottimo week end per Alex e per me – ha affermato Piero Longhi – piena gratitudine ancora una volta a Pregnolato per avermi convinto a partecipare a questo avvincente campionato con la Subaru che lui stesso ha messo molto bene a punto ed ha evoluto in maniera eccellente. Perfetta la Skoda PA Racing, anche se avevo cercato di completare la giornata con gomme già rodate che mi avrebbero favorito. Ho dovuto montare gomme nuove, con le quali proprio perchè poco rodate ho perso qualcosa. In gara si è spenta la vettura, per cui ho perso certamente il podio. All’ultima curva ho anche stallonato una ruota, ma il bilancio è senz’altro soddisfacente. Il livello della concorrenza è decisamente alto. Speriamo di trovare più neve e più ghiaccio per il prossimo appuntamento, gli organizzatori sono stati molto bravi a rendere possibile la gara anche in condizioni climatiche non proprio ottimali”-.