Home Altro Varie

Incontro pubblico a Sestri Levante per la Giornata Mondiale del Rifugiato

Sestri Levante
Giornata Mondiale del Rifugiato 2023 – C'era un'altra storia

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, il Comune di Sestri Levante con gli Enti gestori del progetto SAI (Sistema Accoglienza Integrazione) – Coop. sociale Agorà, Coop. Sociale Il Sentiero di Arianna e Villaggio del Ragazzo –, grazie al supporto logistico di Mediaterraneo Servizi e in collaborazione con Coop. Zucchero Amaro, Associazione Verità e Giustizia: Il Tigullio per i Diritti, ANPI Sestri Levante, Associazione Popoli Solidali, APS Futura, CISDA, Presidio Nicholas Green – Libera Genova, Caritas Diocesana, Associazione Il Bandolo, invita all’incontro pubblico C’era un’altra storia, che si terrà con ingresso libero alle ore 18:15 di giovedì 22 giugno 2023 a Sestri Levante, presso la Sala Agave dell’ex Convento dell’Annunziata.
Saranno presenti e dialogheranno tra loro Luca Misculin, giornalista de Il Post ed esperto in migrazioni nonché autore del podcast La nave, Angelo Pittaluga, responsabile dell’advocacy di JRS (Jesuit Refugee Service), organizzazione che in Italia e nel mondo si occupa di richiedenti asilo e rifugiati, e Alidad Shiri, giornalista afghano e autore del libro di recente pubblicazione Via dalla pazza guerra.
«Attraverso la testimonianza dei relatori – dichiarano gli organizzatori dell’incontro – e soprattutto il loro lavoro quotidiano con le parole, con le storie, vorremmo contribuire alla riflessione e costruzione di una comunità più aperta, informata e inclusiva. Conoscere l’Altro è – continuano – conoscere se stessi. Crediamo che solo nell’incontro e nell’esperienza della conoscenza, oltre la paura e gli stereotipi, ci sia spazio per la cura reciproca».
Durante l’incontro verrà inoltre presentata la raccolta di fiabe dal mondo C’era un’altra volta, realizzata dagli operatori sociali che lavorano nel SAI del Comune di Sestri Levante.
La raccolta ha visto la collaborazione di diversi attori: dai ragazzi dell’Istituto Paul Klee e Barabino di Genova (che hanno illustrato alcune delle favole) ai diversi volontari, mediatori culturali e ospiti delle strutture stesse, che hanno prestato le proprie conoscenze e competenze per la realizzazione di un piccolo volume con favole da tutto il mondo.
Per ulteriori aggiornamenti è consultabile la pagina Facebook https://www.facebook.com/rifugiati2023, mentre per informazioni è attiva l’email [email protected].