Contenuto Principale
La Unendo Yamamay vince con il Club Italia e fa passo avanti verso l'obiettivo ottavo posto. PDF Stampa E-mail
Scritto da Roberto   
Sabato 19 Dicembre 2015 23:30

Tags: Club Italia | Unendo Yamamay

IMG 4105 Medium

Il “derby del PalaYamamay” è tutto della Unendo Yamamay che si impone per 3-0 sul Club Italia congedando i tifosi con i migliori auguri nell’ultima uscita casalinga.

La squadra di Mencarelli saluta nel migliore dei modi il pubblico amico, con una vittoria utile per morale e classifica per la rincorsa all’ottavo posto utile per la Coppa Italia. Dopo le sconfitte contro Montichiari e Novara arriva una prestazione convincente soprattutto sul piano della battuta e muro difesa, che riducono gli errori e sono la giusta chiave della vittoria. Occasione persa per le ragazze di Lucchi che potevano farsi il regalo di Natale con il sorpasso sulla Uyba ma la batteria che dura solo per metà set in tutti i parziali non basta per tenere testa al team di Mencarelli. Le azzurrine rimangono a galla nel primo parziale ma si svegliano troppo tardi. Nel secondo parziale la concentrazione è alta e quando sembra sia il momento di scivolare nel baratro, come nel primo, ecco che Guerra al servizio lancia la rimonta. Succede l’opposto del primo con il calo nel finale delle ospiti che sbagliano troppo e lasciano spazio alla Yamamay che accoglie l’invito per scappare e mettere fine anche al secondo. Il terzo vede un Club Italia che in avvio pare più convinto e equilibrato soprattutto grazie all’ingresso di D’Odorico, ma non è abbastanza per arginare Busto che dopo la pausa prende il largo. Il finale vede una sola squadra in campo, le ospiti staccano completamente la spina, e Busto passeggia chiudendo la gara. Passo avanti per Busto verso l’obiettivo ottavo posto, passo indietro invece per il Club Italia che cala un po’ rispetto alle ultime brillanti uscite.Per l'accesso alla Coppa Italia si deciderà tutto nell'ultima gara di martedì contro Piacenza.

Mencarelli recuperata Poma dall’influenza , ripropone il sestetto visto in campo con Montichiari con Hagglund in diagonale con Lowe, Thibeault – Pisani coppia centrale, Degradi e Yilmaz in banda con Poma libero. Lucchi, a sorpresa, risponde con Orro al palleggio in diagonale con Zanette, Berti e Danesi coppia centrale, Egonu-Guerra in banda con Spirito libero. Nel primo parziale Busto parte forte poi si fa subito recuperare ma il contro break è decisivo con le “farfalle” che spiccano il volo. Il Club Italia non riesce a rientrare in gara e la Uyba ne approfitta per prendere il largo e non lasciare mai la possibilità alle ospiti di rimettere in discussione le sorti del set. Le azzurrine si fanno vedere nel finale quando rialzano la testa con Piani al servizio che fa (0-6), ma i punti da recuperare sono troppi. Nel finale ci pensa Degradi prima e Lowe poi a chiudere i conti (25-18). Rammarico per le azzurrine di essersi svegliate troppo tardi a parziale ormai troppo compromesso. Nel secondo parziale dopo un avvio equilibrato sono le padrone di casa a trovare per prime il break (3-0). Quando le ragazze di Mencarelli sembrano voler prendere il largo ecco che le ospiti tirano fuori le unghie con il contro break che vale l’equilibrio in campo (9-9). Qualche errore di troppo sull’asse Orro – Danesi e il muro di Busto costringono le azzurrine a dover ancora rincorrere. Busto prende il largo lasciando le ospiti a guardare. Timido rientro nel finale ma non è abbastanza perché Lowe sale in cattedra e mette fine al parziale (25-20). La terza frazione si apre e si chiude all’insegna della Uyba che parte con il piede sull’acceleratore ma subisce una battuta di arresto con il ritorno delle ospiti. L’ingresso in campo di D’Odorico al posto di Guerra cambia volto alle azzurrine che giocano punto a punto. L’equilibrio è rotto da Lowe che sigla il break che lancia le ragazze di Mencarelli. Il Club Italia stacca ancora la spina ed è vita facile per Hagglund e compagne che prendono il volo. Nel finale è una passeggiata con Degradi che si prende la scena scrivendo la parola fine alla gara.

La Cronaca :

Unendo Yamamay Busto Arsizio : 2 Degradi, 7 Hagglund, 8 Thiibeault, 11 Lowe, 14 Yilmaz, 17 Pisani, 18 Poma (L). All. Mencarelli; 2° Musso

Club Italia: 7 Egonu, 8 Orro, 11 Danesi, 12 Guerra, 15 Berti, 18 Zanette, 5 Spirito (L). All. Lucchi, 2° Fanni.

Arbitri: Cappello - Pristerà

Primo set, Busto parte subito forte trovando il break 3-0 sull’errore di Orro. Le azzurrine rispondono subito ristabilendo la parità trascinate da Egonu (4-4). Le “farfalle” trovando ancora il break 4-0 sull’errore di Egonu (8-4). Alla ripresa dopo il time out sono le bianco-rosse a tirare le redini scappando a più sette sul doppio errore di Egonu (12-5). Le padrone di casa macinano punti gettando le ospiti a meno nove (16-7). Lucchi cambia la diagonale e si gioca le carte Piani e Malinov al posto di Orro e Zanette. Busto amministra il vantaggio fissando a più dieci il punteggio con Lucchi costretto a fermare il gioco (20-10). Con Piani al servizio le azzurre provano a sollevare la testa (0-4) con il doppio muro di Danesi e Mencarelli imita il collega fermando il gioco (20-14). Il filotto di Piani sembra non volersi arrestare fin quando il nastro decide di non far rotolare la palla al di la della rete (21-16). Nel finale il diagonale di Degradi sporcato da Berti vale sei set ball (24-18).Buona la prima con il mani out di Lowe che chiude i conti (25-18).

Secondo set, prime battute nel segno dell’equilibrio, fin quando è la Uyba a trovare il break sul doppio errore di Orro prima, e Zanette poi (6-3). Busto macina punti e prova a scappare con Degradi che firma il più quattro (9-5). Al rientro dopo lo stop discrezionale le ospiti, con Guerra al servizio, rispondono con il contro break che vale la parità in campo (9-9). Le bianco-rosse con Lowe fanno suonare la campanella (12-10). Le azzurrine rimangono in scia poi il secondo errore del parziale sull’asse Orro-Danesi fa scivolare a meno quattro e arriva il cambio con Malinov (16-12). Le padrone di casa mantengono la distanza di sicurezza con l’errore di Zanette che vale il più sei (20-14). Nel finale arriva una timida reazione ma non basta perché Lowe il lungolinea regala quattro set ball (24-20). Buona la prima con la stessa americana che chiude (25-20).

Terzo set, Malinov e Piani subito in campo restano ai box Zanette e Orro. Il Club Italia sente il colpo psicologico e crolla subito a meno quattro in avvio con l’ace di Pisani (4-0). Con Guerra in difficoltà, Lucchi, si gioca la carta D’Odorico. Le azzurre accorciano a una sola lunghezza sull’errore di Yilmaz (5-4). Proprio la neo entrata D’Odorico trova il diagonale che vale il vantaggio (6-7). L’equilibrio si rompe quando le padrone di casa trovano il break con la doppietta di Lowe (15-11). Le ospiti subiscono una battuta di arresto e il muro di Thibeault su Danesi vale cinque lunghezze di margine (17-12).Le “farfalle” spiccano il volo portandosi a otto lunghezze sull’errore di D’Odorico (21-13). Nel finale ci pensa il mani out di Degradi a regalare undici match ball per chiudere (24-13). Buona la prima con la stessa Degradi che scardina il muro scrivendo la parola fine all’incontro (25-13).

Roberto Bojeri

Ultimo aggiornamento Domenica 20 Dicembre 2015 22:35
 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...