Contenuto Principale
A.S.D. VALPOLCEVERA S.R. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 03 Febbraio 2014 19:46

Tags: VALPOLCEVERA

FALLITO L’APPELLO




VALPOLCEVERA S.R.: Giacinto, Peluttiero, Robbiano (75’ Guttuso), Abondi, Piquet, Pedemonte, Basso (46’ Canepa), Massa (46’ Mancuso) Calcagno, Tonelli, Pinasco. (A disposizione: Gadaleta, Aloi, Federico).

La Valpo va incontro ad un’altra giornata grigia come il colore delle maglie avversarie e perde due a zero in casa contro l’Alessandria fallendo l’ennesima prova d’appello. Successo meritato quello della formazione piemontese che non ha fatto nulla di trascendentale, ma ha lottato su ogni palla con grinta e determinazione capitalizzando al massimo gli unici due tiri nello specchio della porta nei novantaquattro minuti di gioco. Le padroni di casa invece la porta non l’hanno mai centrata ed è quindi lecito che i 3 punti vadano alla formazione ospite. Le premesse lasciavano presagire una prestazione diversa da parte della Valpo, ma il campo ha dato una risposta negativa. Poco da dire sul match: partita nervosa e spezzettata con palla mai a terra né da una parte né dall’altra, solo molto agonismo e pochissime azioni manovrate. La difesa alessandrina ha regolarmente avuto la meglio sugli attaccanti biancoblu e alla fine la differenza l’ha fatta il capitano Amandola, tecnica e scaltra, abilissima a sfruttare gli unici due momenti in cui è stata “persa” dai difensori della Valpo. Al 41’ del primo tempo e al 3’ della ripresa il numero dieci ospite si è inserito tra le maglie difensive e non ha dato scampo a Giacinto. Prima e dopo i due gol nulla da segnalare se non lunghi rinvii da una parte e dall’altra nella speranza che i rispettivi attaccanti fossero più lesti delle difese nell’andare a caccia del pallone. A dire il vero l’occasionissima per riaprire la gara è arrivata al quarto d’ora del secondo tempo quando Calcagno ha conquistato l’ennesimo rigore stagionale e il portiere dell’Alessandria è stato espulso dal direttore di gara. In porta va il difensore Minato, ma sul dischetto troppe giocatrici anche esperte preferiscono non assumersi la responsabilità di calciare e così tocca a Canepa l’incombenza di un penalty importantissimo: anziché piazzare la palla, Giada opta per un tiraccio di potenza che finisce alle stelle e annichilisce definitivamente la già sterile voglia di rimonta. L’Alessandria non correrà più pericoli e oltre al danno della sconfitta arriva anche la beffa dell’espulsione diretta di Calcagno che si prende un cartellino rosso diretto per un fallo plateale sotto gli occhi dell’arbitro. Poco dopo anche Mancuso (diffidata) la imita prendendosi un giallo che le costerà la squalifica. Unica nota lieta di giornata il ritorno in campo di Marta Basso all’esordio in campionato dopo l’infortunio al ginocchio che l’aveva tenuta per mesi in tribuna: confortanti i suoi 45 minuti, il suo apporto sarà sicuramente rilevante da qui a fine stagione.
Redazione Valpo

 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...