Contenuto Principale
Intervista alla giocatrice Nicole Zanetta pre Rapallo Pallanuoto vs Bogliasco Bene PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 24 Ottobre 2018 13:40

Tags: RAPALLO PALLANUOTO

Nicole Zanetta ss 2018 19

Dopo la pausa dovuta agli impegni del Setterosa, riparte il campionato di A1 femminile.

Prima partita casalinga per il Rapallo Pallanuoto e riflettori puntati sulla piscina del Poggiolino, che sabato prossimo, 27 ottobre (fischio d’inizio ore 15.30) ospiterà il Bogliasco Bene. Sarà derby, partita sempre affascinante e non solo sul piano agonistico: vuoi per i tanti “incroci” in campo e in panchina, vuoi perché le giocatrici si conoscono molto bene.

Tra le protagoniste del match, Nicole Zanetta. Rapallina doc, carriera iniziata nel vivaio rapallese e proseguita in calottina gialloblu, chiusa nel migliore dei modi l’avventura con le formazioni giovanili (con la vittoria del titolo italiano Under 19 davanti al pubblico di casa), Nicole è pronta a dare il massimo per traguardare nuovi obiettivi.

Nicole, sabato è derby con il Bogliasco. Il pronostico e il fatto di giocare in casa pesano a favore del Rapallo, ma il derby è sempre il derby…

Affrontare il Bogliasco è sempre un sfida: si sa,questa partita ha sempre un peso specifico maggiore rispetto alla altre. Nel derby è impossibile fare pronostici, con le avversarie  ci conosciamo a memoria ormai, ma quella di sabato per noi è un partita fondamentale.

Accesso alla Final Six di Coppa Italia e un punto importante nella difficile trasferta a Roma. Quali sono le tue impressioni sull’inizio della stagione e su quali aspetti pensi ci sia da lavorare maggiormente?

Siamo un bellissimo gruppo,molto giovane e con tanta voglia di fare.

Ci siamo rinforzate,abbiamo aggiunto diverse giocatrici alla squadra quindi bisogna lavorare sodo,tassello dopo tassello per poter arrivare in alto.

La scorsa stagione è stata per te quella delle conferme: Miglior Giocatrice alle finali Under 19, Top Scorer agli Europei U19 in Portogallo. Cosa significa per te aver ricevuto questi riconoscimenti? Quanto è difficile, per una ragazza di 19 anni, riuscire a conciliare studio, sport ad alti livelli e vita privata per conseguire questi risultati?

La pallanuoto è composta da emozioni, a partire dall'adrenalina prima di una partita arrivando alla stanchezza del dopo match, passando anche dalla tristezza, dalla felicità e tante altre. Noi sportivi viviamo di queste emozioni e quando arrivano questi risultati, magari dopo anni di fatica e sacrifici, ci si sente ripagati per tutti gli sforzi compiuti.

Ci vuole tanta passione, tanta voglia di fare ma anche un po’ di follia, lo ammetto!

Chiuso il capitolo con i campionati giovanili, per te si apre una nuova avventura, con nuove prospettive. Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro pallanuotistico?

Quest'anno, non dovendo giocare i campionati giovanili, posso concentrarmi ancora di più sull'A1. Siamo una grande squadra, non sarà facile riconfermarsi ma ce la metteremo tutta.

Per quello che accadrà più avanti, diciamo che non mi piace pensare troppo in grande ma a piccoli passi: vedrò cosa il futuro avrà in serbo per me anno dopo anno

 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...