Contenuto Principale
La rovesciata Ronaldo e gli applausi dello Stadium PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 29 Ottobre 2018 20:32

Tags: Cristiano Ronaldo | Juventus

cristiano-ronaldo-rovesciata

Molte volte dietro a una sconfitta può nascere anche una grande vittoria, come quando il 3 aprile del 2018 Il Real Madrid di Cristiano Ronaldo si appresta a giocare all'Allianz Stadium, l'andata dei quarti di finale di Champions League contro la Juventus.

La partita

Nella Juventus mancano Benatia e Pjanic, sostituiti da Barzagli e Bentancur. In attacco Allegri si affida a Dybala e Higuain, in appoggio alla coppia argentina Douglas Costa. Il Real si presenta a Torino con il centrocampo delle meraviglie, composto da Isco, Kroos e Modric e Casemiro, in attacco Cristiano Ronaldo e Benzema.

Per battere il Real Madrid campione in carica bisogna avere solidità difensiva, concretezza sotto porta e una bella dose di fortuna.

La prima frazione di gioco

Si parte e subito al 3° minuto il Real passa in vantaggio: la difesa con De Sciglio, Barzagli e Chiellini si dividono le colpe, con Isco che parte sulla fascia arriva sul fondo e confeziona un assist al bacio a Ronaldo. Tocco d'esterno destro e uno a zero per il Madrid.

Inizio da incubo, ma la Juve cerca subito di riprendere in mano la partita, e ogni volta che arriva al limite dell'area del Madrid sembra essere pericolosa, prima con Higuain che impegna ad una bella parata Navas e poi una punizione di Dybala, uscita di pochi centimetri, ma il risultato non cambia.

Il Real però non resta a guardare, il centrocampo blancos composto da Isco, Kroos e Modric è davvero una meraviglia, vedere come spostano il pallone, come al 36° Isco passa a kroos  che tira da venti metri colpendo la traversa.

Il secondo tempo

La Juventus cerca di trovare il pareggio, il Real di raddoppiare, ma l'evento che cambia la partita e anche la storia della Juventus, arriva al minuto 64°, quando Carvajal fa un cross dalla destra, a centro area ci sono tutte maglie bianconere e una sola del Real, quella di Cristiano Ronaldo, che invece di saltare di testa, gira le spalle alla porta, salta, sale in cielo e si coordina con una rovesciata, impattando di collo destro il pallone. De Sciglio e Barzagli guardano senza poter far niente, la palla colpita prende in controtempo Buffon infilandosi sulla sua sinistra.

Un goal meraviglioso, tutte le persone che si trovavano allo Stadium si sono resi conti del gesto atletico di Cristiano Ronaldo. Un goal che verrà ricordato nel tempo, uno dei goal più belli della Champions League; gli spettatori dello Stadium si alzano in piedi e applaudiscono la grande prodezza di Cristiano Ronaldo.

Due a zero per il Real, una partita che per la squadra bianconera sta diventando un incubo, e lo diventa dopo due minuti, con l'espulsione di Dybala, seconda ammonizione e giocatore sotto la doccia. Il Real trova anche il terzo goal con Marcelo al 72°: partita finita, bianconeri sconfitti 0-3 e qualificazione compromessa.

Ma di quella serata resta la standing ovation di tutto lo Stadium per il goal di Ronaldo in rovesciata.

ronaldo-juve

 

Un giorno giocherò nella Juve

Dopo la partita Cristiano Ronaldo confessa al suo manager Mendes che un giorno giocherà nella Juventus: la standing ovation che i tifosi bianconeri hanno dedicato al suo gesto atletico ha fatto breccia nel suo cuore, è rimasto davvero colpito.

Dopo 24 ore Jorge Mendes chiama Fabio Paratici e gli confessa che Cristano era rimasto colpito dal modo in cui era stato trattato dai tifosi bianconeri e che un giorno vorrebbe giocare nella Juve. Paratici sorridendo risponde al potente manager portoghese, dicendo che si fanno tanti sogni ma solo pochi si avverano. E invece...

Cristiano Ronaldo è della Juventus

Quando Mendes e Paratici si incontrano per definire l'acquisto del terzino portoghese Cancelo, l'agente riapre il discorso su Ronaldo e chiede a Paratici se la Juventus ci avesse pensato. Il dirigente bianconero risponde che non c'è nulla da pensare quando esiste l'opportunità di prendere un grande calciatore, il più forte al mondo, e se questo giocatore vuole giocare nella Juventus.

Paratici corre subito da Agnelli perchè per prendere CR7 bisogna far quadrare i conti. Dopo una riunione lampo Andrea Agnelli da il permesso a Fabio Paratici di sognare ed il dirigente bianconero sogna e farà sognare tutti i tifosi bianconeri.

Durante le fasi finali del Mondiale di Russia, Ronaldo, che era uscito con il suo Portogallo, atterra all'aeroporto di Caselle di Torino. Il colpo inatteso di mercato, per qualcuno il colpo del secolo, è andato a segno.

Tutto (forse) grazie ad un applauso che ha saputo trasformare una pesante sconfitta in una vittoria storica: Cristiano Ronaldo è della Juventus.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...