Contenuto Principale
UN FIRMAMENTO DI ATLETI TOP ALLA GARA DI SIERRE-ZINAL PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 09 Agosto 2019 09:43

Il quarto appuntamento della Golden Trail World Series 2019 di domenica 11 agosto, la famosa Sierre-Zinal nelle Alpi svizzere, sarà gremita di atleti top.

Tradizionalmente si tratta di un evento che attira corridori anche di altre discipline, grazie al suo percorso “corto” e “piatto” di 31 km, nonostante presenti 2.200 metri di dislivello dall'inizio, a Sierre, fino al
traguardo a Zinal. Ma l'edizione di quest'anno potrebbe andare oltre per la categoria dei talenti in
gara. A seconda delle condizioni, il record detenuto dal 2003 da Jonathan Wyatt potrebbe essere
a rischio. Il percorso mostra quattro picchi di 4.000 metri, rendendo la gara una delle più
spettacolari del mondo, anche se gli atleti potrebbero passare la mattinata a guardarsi alle spalle
e ad essere concentrati sulla loro performance piuttosto che sui panorami.
Il più famoso trail runner del pianeta, Kilian
Jornet, tornerà in gara alla ricerca della sua 7a
vittoria a Sierre-Zinal, dopo aver conquistato qui il
suo sesto titolo (record) l'anno scorso. L'atleta
spagnolo del Team Salomon ha gareggiato solo
una volta in questa stagione nella Golden Trail
World Series, vincendo la prima prova a Zegama in
modo convincente. Dopo Sierre-Zinal, più
precisamente due settimane dopo, sarà in gara
anche a Pikes Peak, in Colorado.
Prima di allora, Jornet avrà il suo bel da fare con rivali, da tutto il mondo, pronti a dare filo da
torcere. L'americano Jim Walmsley (Team Hoka), ha stabilito il record nella Western States 100 in
luglio, ma non ha mai gareggiato a Sierre-Zinal, tuttavia ha dichiarato il suo entusiasmo di correre
qui e potrebbe adattarsi molto bene alla partenza in salita e al percorso con il tratto finale in discesa.
L'uomo da battere negli ultimi tempi è l'azzurro Davide Magnini, che ha vinto la Marathon du
Mont Blanc e la Dolomyths Run, sempre in luglio. L'atleta 21enne del Team Salomon è a tutti gli
effetti una stella del trail: ha battuto atleti top in entrambe le gare e si è classificato 7° a SierreZinal l'anno scorso, a 5 minuti da Jornet. "Sierre Zinal è sempre una gara con una grande varietà
di atleti, dove runner forti incontrano skyrunner, ciclisti su strada e orienteer", ha dichiarato
questa settimana Jornet. “Questa edizione sarà epica. Penso che ci siano almeno 15 atleti che
lotteranno per la vittoria”.
L'italiano Nadir Maguet (Team La Sportiva) è arrivato 2°, dietro a Magnini, sia nella Marathon du
Mont Blanc sia alla Dolomyths Run, ed è un candidato al podio insieme ad altri due atleti del Team
Salomon: il polacco Bart Przedwojewski, l'attuale leader stagionale della Golden Trail World
Series, e il norvegese Stian Angermund-Vik, 3° in classifica generale.
Si aggiungono l’inglese Robbie Simpson (Team Adidas Terrex), una stella del road running che è
arrivato 2° dietro a Jornet qui l'anno scorso (e 2° nel 2017 e 2016), così come Robert Surum (Team
Run2gether), che si è aggiudicato il 3° posto nel 2018, l'italiano Francesco Puppi (Team Hoka),
che si è piazzato al 4° posto lo scorso anno, e il vincitore del 2016 Petro Mamu dall'Eritrea.
“Davide Magnini ha fatto un super inizio di stagione. Ha molto talento, fame di vittoria ed è uno
dei più forti scalatori di sempre”, ha detto Jornet. “I corridori come Robbie Simpson o Petro Mamu e
Andrew Douglas sono già stati molto competitivi qui a Sierre-Zinal. Geoffrey Ndungu, Robert
Surum sono i più veloci in pianura ma fortissimi anche in salita. Lo stesso vale per Andy Wacker o
Jim Walmsley. Giovani talenti come Jacob Adkin e Rémi Bonnet faranno di sicuro un ottimo lavoro,
e ce ne sono molti altri, quindi sicuramente sarà un grande spettacolo!”
Oltre agli atleti già citati, Marc Lauenstein farà il suo ritorno dopo un infortunio al piede che gli
è costato diversi mesi di stop. Lauenstein, che ha vinto Sierre-Zinal nel 2013, è un runner
esperto e di talento che conosce molto bene il percorso e la folla di casa sarà dalla sua parte.
Anche Max King (Team Salomon) disputerà la sua prima gara nella Golden Trail World Series
2019. Come Lauenstein, King si è ripreso da un infortunio.
Nella competizione femminile, Lucy Murigi, dal Kenya non è una concorrente della Golden Trail World
Series, ma ha vinto le ultime due edizioni di questa gara e torna di nuovo per ottenere una tripletta.
La neozelandese Ruth Croft (Team Scott) guida la Golden Trail World Series dopo la vittoria a
Chamonix ed un 2° posto alla Dolomyths Run. La campionessa in carica ha conquistato il 4° posto
a Sierre-Zinal nel 2018. Anche la svizzera Judith Wyder (Team Salomon) è da tenere d'occhio. Ha
iniziato la Golden Trail World Series con la Dolomyths Run e ha vinto, battendo il precedente
record. La svizzera Maude Mathys (Team Salomon), si è piazzata al 3° posto a Canazei dietro la
Wyder e la Croft. Il pubblico di casa la porterà alla vittoria a Sierre-Zinal?
La norvegese Eli Anne Dvergsdal (Team Salomon) ha avuto una dura giornata a Canazei, dove si è
sentita male durante la gara, ma è tornata. Ha vinto a Zegama ed è seconda in assoluto dietro a Ruth
Croft nella classifica a punti della stagione della Golden Trail World Series. La francese Amandine
Ferrato (Team Hoka) è attualmente al 3° posto assoluto in classifica. Dopo una gara impegnativa a
Canazei, dove si è infortunata con una distorsione alla caviglia, farà del suo meglio sulle Alpi svizzere.
L'italiana Silvia Rampazzo (Team Tornado) è sempre in lizza. È quinta nella Golden Trail World Series
dopo un ottimo secondo posto a Chamonix e un settimo posto alla Dolomyths Run.
Da tenere d'occhio anche la spagnola Gisela Carrion (Inverse Team Trail), che dopo il 4° posto a
Zegama, correrà la sua seconda gara nella Golden Trail World Series. Infine, la svizzera Simone
Troxler (Team Running Conseil) terza a Sierre-Zinal lo scorso anno.
LA GOLDEN TRAIL WORLD SERIES
I top runner della Golden Trail World Series stanno cercando di guadagnare punti per
ottenere un posto nella Grand Final, che si svolgerà in Nepal ad ottobre. Gli atleti devono
partecipare a tre delle sei gare della Series per poter partecipare alla Finale. I primi 10
uomini e donne con il maggior numero di punti nelle loro tre migliori gare guadagneranno
un viaggio per loro stessi e una persona a loro scelta per la Grand Final. La classifica
generale maschile e femminile della Golden Trail World Series sarà nuovamente determinata
dai tre migliori piazzamenti durante la stagione, oltre al risultato durante la Grand Final.

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Agosto 2019 21:15
 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...