Contenuto Principale
IL VILLAGGIO DEL RAGAZZO DURANTE L’EMERGENZA CORONAVIRUS NEL RACCONTO DEL PRESIDENTE PRETE RINALDO ROCCA PDF Stampa E-mail
Giovedì 09 Aprile 2020 16:59

Tags: Rinaldo Rocca | Villaggio del Ragazzo

Dopo oltre un mese di emergenza sanitaria, ecco cosa essa ha significato per il Villaggio del Ragazzo nel commosso racconto del presidente prete Rinaldo Rocca

«Cari amici del Villaggio del Ragazzo, sono contento di poter comunicare con voi in questo momento di fatica per tutti. Per un po’ di tempo abbiamo fatto silenzio, perché, quando ci si trova in situazioni come queste, non c’è che da ascoltare e cercare di capire.
Certamente c’è chi sta peggio di noi, e portiamo tutti nel cuore queste persone in sofferenza come da sempre accade al Villaggio, il quale è nato proprio per andare incontro alle necessità primarie e fondamentali della gente. L’emergenza coronavirus ci ha costretto prima di tutto a chiudere alcune attività e ci ha permesso di continuare le altre con molte attenzioni.
In sintesi, il Centro San Salvatore di Cogorno è completamente chiuso da oltre 20 giorni, ma la cosa buona è che, mentre altre attività legate alla scuola sono praticamente ferme, la formazione professionale del Centro San Salvatore, del CFP Spinelli di Genova e dell’Accademia del Turismo di Lavagna, continuano on-line con una soddisfacente partecipazione dei ragazzi. Quasi tutti riescono a collegarsi alle lezioni a distanza e si sono dimostrati molto interessati, pur non potendo fare i laboratori, che costituiscono il punto di forza della nostra offerta formativa e allo stesso tempo la parte di insegnamento che agli allievi piace di più, la didattica on-line sta funzionando per quanto è possibile. Vogliamo confidare che si potrà recuperare al più presto quella parte laboratoriale che è fondamentale per la preparazione dei ragazzi.
Per quanto riguarda l’Area Socio Sanitaria, al Centro Benedetto Acquarone di Chiavari sono state sospese le attività diurne perché diventava pericoloso entrare e uscire dal Centro, sia per le persone disabili, che per gli anziani e i giovani. Anche l’Informagiovani Chiavari è provvisoriamente chiuso, così come le palestre e tutte le altre attività sportive.
È aperta invece la Comunità Educativa Assistenziale “La casetta”, l’area della disabilità e l’area anziani residenziali, così come continuano, dislocati in vari luoghi del territorio diocesano, i servizi di accoglienza per i migranti e i rifugiati.
Al Centro Franco Chiarella di Chiavari sono aperte la comunità alloggio per utenti psichiatrici e la comunità terapeutica per le dipendenze, mentre abbiamo dovuto chiudere il dormitorio per i senza dimora perché diventava rischioso dal punto di vista del contagio accogliere nuove persone.
Al Centro Costa Zenoglio di Castiglione Chiavarese continua regolarmente tutta l’attività: gli ospiti vivono con particolare intensità questi momenti, e cercano di farsi coraggio, di stare insieme e di darsi delle motivazioni.
In tutto questo ci tengo a sottolineare che gli operatori sono favolosi, sia dal punto di vista organizzativo e professionale che umano. Lavorano con tutte le cautele e prevenzioni necessarie ed è davvero bello vedere le squadre di operatori che con elevatissima responsabilità si fanno carico della salute propria e dei nostri ospiti. Oso dire che, forse, è in parte anche grazie a quest’impegno, se finora non abbiamo avuto alcun caso di positività al coronavirus.
È un dono di don Nando? Io credo che certamente anch’egli ci metta la sua parte, ma c’è davvero una grande professionalità, che ha portato anche a preparare in anticipo un piccolo reparto per eventualmente essere pronti a isolare e a custodire persone in quarantena se si manifestassero delle positività al Covid-19.
È bello vedere la dedizione insieme alla professionalità dei nostri operatori.
Nessuno era preparato a questo momento, ma la maturata capacità di affrontare bene le cose di tutti i giorni, ha fatto sì che nel momento del bisogno e della necessità straordinaria, sia venuta fuori una squadra davvero competente, molto coesa, che si incontra videoconferenza praticamente tutti i giorni per confrontarsi e aggiornare le procedure momento per momento, per seguire le leggi e i decreti che si evolvono, e molto altro.
Grazie davvero a questi operatori che mi sono di esempio, così come dico grazie agli operatori della formazione professionale che continuano le lezioni a distanza con precisione e dedizione!
Si meritano davvero tutto il nostro ringraziamento, che speriamo poi di concretizzare in modo più sostanzioso. Sono profondamente contento del loro impegno: questo è lo spirito del Villaggio del Ragazzo, che in fin dei conti è lo spirito cristiano. Grazie di cuore!
Per quanto invece riguarda l’emergenza sanitaria, siamo lieti del “contagio nel bene” e della gara di generosità di volontariato e di offerte a cui partecipiamo a favore delle urgenze sanitarie e alimentari. Nei momenti di bisogno viene fuori il meglio della nostra umanità e si riscopre la fratellanza.
In verità, il Villaggio abitualmente riceve da tanti sostenitori le offerte che ci permettono di offrire servizi alle persone che non sono supportati da alcun contributo pubblico. I giorni a venire saranno difficili per tutti, anche per l’Opera del Villaggio ci sarà bisogno di tanto aiuto per sostenere le nostre attività.
Confidiamo che sarete in molti sempre al nostro fianco per permetterci di continuare, e se possibile incrementare, le risposte alle tante necessità delle persone fragili del nostro territorio. In questo momento straordinario si comprende ancor più l’importanza di ciò che facciamo ogni giorno con dedizione e continuità.
MAI COME OGGI ABBIAMO BISOGNO DEL SOSTEGNO DI TUTTI.
Ringrazio in anticipo tutti coloro che ci faranno pervenire il loro obolo, segno di condivisione e aiuto indispensabile.
Siamo anche certi che, nonostante tutto, sarà una Pasqua più vera, più consapevole. Il Risorto vive! La risurrezione è già all’opera in noi e sconfiggerà ogni male. Buona Pasqua!»

Link al video messaggio https://youtu.be/pan0jYK7dOI

SOSTENETE IL VILLAGGIO DEL RAGAZZO
Attraverso l’Associazione don Nando Negri ONLUS è possibile sostenere le attività del Villaggio del Ragazzo:
•    CONTO CORRENTE BANCARIO IT17K0503431950000000000050
•    CONTO CORRENTE POSTALE IT52A0760101400000086651981

www.villaggio.org

 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...