Contenuto Principale
Arianna Montecucco: "Ho una gran voglia di tornare a giocare" PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 19 Ottobre 2012 00:25

Tags: Arianna Montecucco

arianna montecucco

Questa settimana spazio a uno dei talenti dell’Alessandria, Arianna Montecucco.


Arianna è nata nel 1995 ha giocato fino a 14 anni nel Libarna di Serravalle (maschile) poi è passata subito all'Alessandria.
Ha esordio con le grigie nella stagione 2009-2010 in casa contro il Tradate e mettendo a segno subito un gol.
Le sue eccellenti prestazioni le hanno fatto conquistare un posto in Nazionale Under 17 con la quale ha deputato in Macedonia le Qualificazioni per l’Europeo, mettendo a segno tre gol in due partite. L’anno scorso è arrivata anche la chiamata da parte di mister Corradini, CT della Nazionale Under 19 dove ha partecipato al Torneo La Manga.
Nella passata stagione con la maglia dell’Alessandria ha messo a segno 9 gol, quest’anno non è scesa ancora in campo in quanto sta recuperando da un brutto infortunio che la vede ferma dallo scorso maggio.


Com'è nata la passione per il calcio?
“La passione è nata grazie a mio zio e ai miei nonni che mi portavano sempre a giocare al campetto di fronte casa.”

A chi ti ispiri in campo?
“Non ho una persona in particolare, cerco di prendere ogni cosa positiva, soprattutto da chi ha più esperienza di me.”

Arianna raccontaci il tuo esordio con la maglia dell'Alessandria?
“Il mio esordio con la maglia dell'Alessandria non me lo dimenticherò mai. Speravo di far bene e così è stato, ho segnato, e le mie compagne di squadra mi hanno fatto sentire subito all'interno del gruppo.”

L'anno scorso è arrivata anche la chiamata della nazionale under 17, dove hai disputato le qualificazioni e mettendo a segno 3 gol, due con la Macedonia e il terzo con l'Irlanda. Cosa ti ricordi di quella esperienza che vi ha visto uscire per la differenza reti?
“E’ stata un'esperienza, anche se finita male, che mi ha fatto crescere, mi ha fatto amare ancora di più il calcio e ho condiviso con il gruppo sia la gioia del goal, della vittoria e della sconfitta.”

Si dice che mister Corradini chiede sempre di te. Cosa significa questo per Arianna?
“Sicuramente motivo d’orgoglio e motivo in più per impegnarmi ancora di più per essere disponibile il prima possibile sia per l'Alessandria che per una possibile convocazione in Nazionale.”


Non stai dando ancora il tuo contributo alla squadra perchè stai ancora recuperando da un brutto infortunio. Come ti senti?
“Non poter dare una mano alla squadra mi fa star male, da fuori si soffre quando la propria squadra è in difficoltà, ma siamo un bel gruppo e possiamo fare bene.”

L'Alessandria nelle prime tre partite ha totalizzato 5 punti frutto di due pareggi e della vittoria di domenica contro la Sarzanese. Come l'hai vista da fuori la squadra?
“La prima partita vista da fuori non è stata delle migliori, so che la squadra può dare di più, ma dalla seconda per poi arrivare alla terza vedo una squadra molto più grintosa e che esprime un buon calcio.”

Hai esordito con l’Alessandria, quando in panchina c’era Pino Primavera, chi tra lui e Fossati ti ha dato di più fino ad ora?
“Tutte e due mi hanno dato cose positive, ho cercato di prendere caratteristiche sia da uno che dell'altro.”

So che hai diversi soprannomi tra cui Allagatrice. Da dove nasce questo soprannome?
“Sembra un po' ridicolo ma quando eravamo in ritiro l'anno scorso, per un errore umano commesso da me ho allagato praticamente mezzo albergo e da qui il soprannome di allargatrice che mi ha accompagnato per tutta la stagione.”

Quando vedremo Arianna in campo?
“Spero tra dicembre e gennaio, il recupero sta andando bene.”

Parliamo del privato. Chi è Arianna fuori dal rettangolo verde?
“Sono una ragazza solare, che scherza molto, mi piace uscire e divertirmi insieme ai miei amici.”

Come riesci a conciliare studio e calcio?
“Non nascondo che mi sono trovata un paio di volte in difficoltà, ma in qualche modo riesco sempre a studiare e a conciliare studio e calcio.”

Obbiettivo personale e di squadra?
“Obbiettivo personale quello di riprendermi da questo brutto infortunio, fare bene e magari avere di nuovo una convocazione in nazionale, con la squadra sono scaramantica e non dico nulla .”

Sogno nel cassetto?
“Diciamo che in parte il mio sogno nel cassetto si è già avverato, perchè ho già indossato la maglia dell'Italia, quindi penso che il mio sogno in questo momento è di vincere qualcosa.”

Manda un messaggio alla tua squadra in virtù delle prossime partite.
“Dai grigie non si molla!! ORSE SBRANALE!!”


Arianna grazie mille per la disponibilità e in bocca al lupo per il tuo rientro.
“Figurati, è stato un piacere crepi il lupo!”

Isabella Lamberti

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...