Contenuto Principale
Carola Digirolamo, da Miss Bologna a Miss Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabiana   
Giovedì 20 Dicembre 2012 23:01

Tags: Anna Valle | Carola Digirolamo | Critina Chiabotto | Miss Bologna 2012 | Miss Italia

Carola Digirolamo, Miss Bologna 2012, racconta a Seven Press la sua esperienza a Miss Italia, i suoi sogni e le sue ambizioni.

53015 10151428639639951 338838729 o

Prima di diventare Miss Bologna 2012 avevi partecipato ad altri concorsi di bellezza?

No, ho partecipato solo a Miss Italia. Ho tentato per due anni consecutivi: il primo anno, non avendo capito molto bene come funzionava, non mi ci ero impegnata troppo; il secondo anno, visto che se devo fare una cosa la faccio come si deve, l'ho presa con tutti gli impegni che implicava e mi è andata piuttosto bene.

Racconta ai nostri lettori la tua esperienza a Miss Italia. Quanto è grande l'emozione di sfilare a Montecatini Terme?

Miss Italia è un concorso che consiglierei ad ogni ragazza. Per quanto mi riguarda, è stata una bellissima esperienza, che forse ritenterò, molto impegnativa ma sempre fatta con cuore e divertimento. Non nego che per me non era solo un gioco, in quanto, sin da piccola ho sempre sognato di entrare nel mondo dello spettacolo ma siccome non è un mondo semplice, al momento preferisco basare il mio futuro su qualcosa di sicuro e Miss Italia era un'occasione per poter conciliare tutti i miei impegni senza rinunciare al mio sogno. Sfilare a Montecatini Terme è stato davvero molto emozionante, si conosce personaggi famosi, si hanno gli occhi puntati addosso; un'esperienza nuova e particolare e ho tanto sperato di arrivare nella fase successiva, la finale, ma purtroppo non è successo. Mi rimane comunque un ricordo molto piacevole. Molte dicono che partecipare a Miss Italia è stato stressante ma io l'ho trovato sempre entusiasmante e nonostante fosse faticoso l'ho sempre fatto con gioia e passione e penso che avrei retto i ritmi se fossi rimasta.

Il ricordo più bello e quello più brutto di questo concorso?

Di belli ne ho tanti, quindi partirei con quello più brutto del quale sono molto sicura. È stato quando ho scoperto di non essere passata alle fasi finali, non perchè avessi la presunzione che sarei passata ma sapevo che sarebbe stata l'unica occasione per avere ciò che ho sempre desiderato, cioè entrare nel mondo dello spettacolo. Arrivare alla finale non mi assicurava nulla, ma era sempre una stupenda vetrina. La cosa che mi è dispiaciuta di più è che credo che ne avessi fin troppo bisogno e penso di aver rovinato tutto io, durante i due passaggi in giuria, a causa di alcune affermazioni che ho fatto. Di bei ricordi ne ho fin troppi, dalle giornate passate a Montecatini Terme,  alla vittoria inaspettata che mi ha permesso di diventare la "madrina" della mia città, alla vittoria di Miss Sportiva Diadora Emilia Romagna che mi assicurava l'accesso alle pre finali Nazionali di Montecatini, alla vittoria della mia prima fascia, le risate e i momenti tra noi Miss, le sfilate in abiti da sposa e di alta moda.

0miss bologna simpatica

Con le altre concorrenti che rapporti hai instaurato?

Devo essere sincera. Il primo anno che partecipai, l'ambiente era molto più competitivo, non sempre una sana competizione e la cosa mi ha disturbata parecchio. Il secondo anno è stato davvero speciale, non dico che non ci fossero le ragazze "montate", ma erano davvero poche. Sono una ragazza socievole e ho istaurato dei bei rapporti con molte, speciali con alcune in particolare; la fortuna è che diverse sono di Bologna quindi mi è più facile sentirle e vederle. L'Emilia Romagna era molto unita come gruppo, rispetto anche alle altre regioni, avevamo un rapporto di complicità, ci siamo divertite moltissimo, ognuna faceva da sostegno all'altra, fantasticavamo sulle camerate che avremmo potuto formare una volta arrivate a Montecatini anche se ancora non avevamo vinto una fascia che ci permettesse di arrivare lì. Sono sicura che alcune amicizie continueranno e sono davvero grata di averle conosciute.

Nella vita di tutti i giorni chi è Carola?

Carola è una ragazza logorroica, responsabile, molto onesta in qualsiasi contesto come nell’università, nelle amicizie ed in amore, schietta, sincera, istintiva in contrapposizione con la razionalità, sensibile, molto dolce, solare anche se mi alterno con momenti di malinconia e tristezza. Mi reputo una ragazza di valori, mi abbatto ma trovo sempre la forza di venirne fuori e mi ritengo una ragazza sicura della propria intelligenza con tante possibilità ma al contempo insicura su tanti altri aspetti. Sono sbadata ma affidabile, socievole, pignola, maniacale per l'igiene, fedele, a volte troppo ingenua a credere nella buona fede degli altri, alla mano, attiva anche se mi alterno con momenti di pigrizia paurosa. Soffro molto la solitudine e do molto alle persone a cui voglio bene, ma se il mio peggior nemico mi chiedesse aiuto non so se riuscirei a dire di no. Sono complicata, passionale, ansiosa, ironica e mi fermo qui sennò vi annoierei troppo!! Frequento il corso di laurea di ingegneria edile - architettura a Bologna ed è sfiancante per la mole di studio e per gli orari imbarazzanti. Faccio pattinaggio artistico sincronizzato su rotelle nella polisportiva Sincro Roller Calderara, un altro impegno al quale dedico altrettanto molto del mio tempo. Sono single perchè so quello che voglio, ma non lo trovo. Vivo con mia mamma; da mio papà ho avuto un fratello e una sorella e con tutti, compresa la compagna di mio padre, ho un bellissimo rapporto. Ho diverse passioni che non riesco sempre a coltivare come vorrei per i troppi impegni. Non fumo, non bevo, non faccio uso di droghe ma al contempo non riesco ad avere una vita regolare, in particolar modo per gli orari poiché scambio facilmente il giorno con la notte; dormo poco e tutto ciò mi fa impazzire.

Il tuo sogno nel cassetto?

In campo lavorativo essere una "factotum" del mondo dello spettacolo. In campo affettivo trovare al più presto l'uomo che possa starmi accanto per tutta la vita, avere la favola che ho sempre desiderato, con il quale formare una famiglia con ne due figli, un maschio ed una femmina.

Progetti lavorativi in vista?

Mi dovrei impegnare di più a cercare qualche lavoretto da fare, ma purtroppo al momento sono sotterrata dal carico di studio che devo sostenere e dalla vita frenetica che vivo tutti i giorni. È una promessa però che mi sono fatta e che sono sicura riuscirò a mantenere. In vista nulla, ma le proposte, soprattutto se riguardano lo show business sono sempre ben accette!

620344 448652428489179 1576910573 o

Un tuo pregio ed un tuo difetto?

Difficile riassumere il tutto con due parole. Un mio difetto è l'essere troppo buona e la mia sensibilità che spesso la gente usa contro di me. Un mio pregio è l'onestà, non sempre mi ha giovato anche se sono convinta che l'onestà prima o poi ripaghi.

Cosa ti piace e non ti piace del tuo fisico?

Del mio fisico mi piacciono gli occhi, specialmente il colore particolare poiché ha tutti i colori possibili degli occhi, dopo il mio sorriso e la mia schiena. Non mi piace assolutamente il mio naso, rovinato dalle numerose botte prese, le occhiaie scavate e scure ed il colorito "verde del morto in decomposizione" invernale dovuti dall'anemia mediterranea che ho ereditato ed  il seno che preferirei più grande. Anche altre cose non mi piacciono, ma le accetto anche perché in fondo penso che complessivamente non mi manchi nulla e vada bene nonostante i miei numerosi difetti, che molte persone mi dicono che vedo solo io.

Cosa guardi per prima cosa in un uomo?

Immagino che la domanda si riferisca solo al lato estetico, quindi fisicamente mi piacciono gli occhi chiari, anche se i due morosi che ho avuto avevano entrambi gli occhi scuri, le mani, l'altezza, il sorriso e il fisico in generale che non deve essere pompato, (che non mi piace assolutamente, ma neanche non tenuto. Mentre l'aspetto fisico è messo in secondo piano, l'igiene personale è essenziale. Un ragazzo non deve necessariamente essere bello oggettivamente, ma devo provare un'attrazione fisica quindi mi deve piacere.

Descrivi il tuo uomo ideale!

Cercando di limitarmi nelle parole: affidabile, con la testa sulle spalle, socievole, responsabile, fedele, serio ma che al contempo mi faccia morire dalle risate, complice, poco geloso, non ossessivo e possessivo, comprensivo, che sappia ascoltare, intelligente, romantico, che mi sappia prendere e sorprendere, dolce, affettuoso, ambizioso, determinato, una persona da stimare. Deve essere anche il mio miglior amico, gli deve piacere viaggiare, un uomo con U maiuscola, con gli attributi, passionale, non tollero la bestemmia, educato, curato, alla mano. Insomma, credo che rimarrò single ancora per un po’!!!

427485 428193310557911 1330070150 n

La Miss Italia più bella di tutti i tempi?

Premettendo che non me le ricordo tutte, ne ho diverse che mi sono piaciute molto esteticamente tra cui Martina Colombari, Anna Valle, Cristina Chiabotto e Francesca Testasecca.

Sei una pattinatrice a livello agonistico, da quanto pratichi questo sport? Hai mai vinto medaglie?

Ho fatto circa due anni prima delle scuole medie nella categoria "singolo". Ho lasciato perché gli orari non coincidevano con la scuola che giustamente ho preferito privilegiare. Ho ripreso in un'altra polisportiva fine 2006 nei gruppi sincronizzato, precisamente nella categoria "precision". Fortunatamente mi trovo in una squadra molto competitiva anche a livello mondiale quindi di medaglie ne ho vinte parecchie. Con il "precision junior", nel quale ho pattinato fino a che i 19 anni mi hanno costretto a passare alla categoria "precision senior" cioè dal 2011, abbiamo vinto come primi classificati 4 titoli regionali, 4 titoli italiani, 3 titoli europei. I mondiali in questa categoria non sono ammessi, mentre nelle altre comunque siamo sempre arrivate sul podio come seconde o terze. Con il "precision senior", per ora, abbiamo vinto due titoli regionali, siamo vicecampionesse italiane 2 volte, un titolo europeo, una medaglia di bronzo ai mondiali. Ci tengo a specificare che ho parlato solo di quelle vittorie dove io ero in squadra, visto che entrambe le squadre hanno vinto molto nell'arco degli anni e perché mentre facevo parte di una squadra al contempo anche l'altra vinceva sempre qualcosa.

Ti piacerebbe di più lavorare nel mondo della moda o del cinema?

Assolutamente del cinema, ma se questo vuol dire partire anche dalla moda ben venga e comunque, la moda, la troverei un ottimo modo per arrotondare e la troverei conciliabile con gli studi a causa degli orari improponibili che ho.

io durante gli europei di pattinaggio 2011 a Gondomar in Portogallo

Saluta i nostri lettori!

Un bacio grande a tutti i lettori che si sono sorbiti la mia intervista e che ringrazio con affetto. Un saluto alle persone che mi hanno sempre sostenuta e a quelle che non hanno mai creduto in me con la speranza che prendano un bel palo nei denti!!!!

Fabiana Rebora

Ultimo aggiornamento Giovedì 20 Dicembre 2012 23:31
 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...