Contenuto Principale
Tris per Palermo e Udinese, solo un brodino al Siena PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 07 Aprile 2013 16:26

Tags: Palermo | Sampdoria | Siena

CATANIA-CAGLIARI 0-0: lo spagnolo Keko nel tridente d'attacco con Bergessio e Castro mentre i sardi propongono un trio d'attacco con Sau al fianco di Pinilla e Ibarbo.

Equilibrio iniziale tra le due squadre con Conti che non sfrutta una punizione da una parte e Bergessio che la calcia alta da fuori area. Molto gioco in mezzo al campo ma poche emozioni. Le assenze di Lodi e Almiron tra i locali si fanno sentire parecchio. Pinilla cerca Sau in area che non ci arriva in spaccata per un soffio. Succede davvero poco tra le due squadre e l'emozione più forte sta tutta nell'infortunio di Pisano, sostituito da Cabrera. Quest'ultimo si mangia una rete al 41', ben servito da Ibarbo, calcia malamente da ottima posizione mandandola a fondo campo. Catania che ci prova con Marchese, Agazzi è bravo a deviare la palla in tuffo. E primo tempo che si chiude sul nulla di fatto.
Pericoloso il Cagliari all'inizio della ripresa con un tiro di Pinilla deviato da un difensore, palla di poco a fondo campo. Il Catania prova a prendere in mano la gara non riuscendo però a rendersi troppo pericoloso. Agazzi bravo nel frenare Spolli e Gomez in uscita. Sull'altro fronte transizione della squadra di Pulga e Lopez con Cabrera che va al tiro ma ancora una volta non appare preciso. Annullata quindi una rete a Bellusci per un fuorigioco precedente. Marchese dalla distanza cerca la porta, trova una deviazione che smorza la sfera che finisce tra le braccia di Agazzi. Al 36' bella azione di Pinilla che evita anche un elemento al limite dell'area, tiro strozzato, sfera di poco a fondo campo. Gara davvero di basso profilo tra due squadre paghe per il loro campionato ed in cui le assenze, soprattutto sponda etnea, sono pesate in maniera forte sull'economia della sfida.

SAMPDORIA-PALERMO 1-3: Munari sostituisce Krsticic nella formazione di Delio Rossi che si affida al duo Eder-Icardi in attacco. Rosa nero che cambiano il portiere rispetto alla squadra che ha sconfitto la Roma. Sorrentino non ce la fa ed al suo posto entra Benussi. All'ultimo istante Sannino decide di inserire Garcia al posto di Dossena. In avanti Miccoli assieme a Ilicic. Inizio positivo doriano con Icardi che prova subito l'incursione centrale non riuscendo però a penetrare in area avversaria. Palermo che prova un affondo con Miccoli cercando Ilicic ma non trovandolo. Al 10' testa di gastaldello, palla facilmente preda di Benussi. Azione partita da calcio d'angolo. Palermo che cerca di fare la gara anche se la difesa doriana chiude bene. Kurtic prova il cross trovando Romero bravo a bloccare la sfera mentre sul fronte opposto Icardi tenta il tiro ma Aronica lo ribatte positivamente. Clmorosa azione di contropiede per gli ospiti al 23'. Ilicic se ne va tutto solo palla al piede e, dalla trequarti doriana, allarga per Miccoli sulla sinistra che entra in area e calcia ma lo fa in maniera debole e Romero, allungandosi, blocca in due tempi. Incontro che è fatto prevalentemente dalla squadra di Sannino che,a quanto pare, ha più motivazioni rispetto ai locali. Icardi cerca la porta ma non la trova, sfera fuori. Alla mezzora Costa crossa per Icardi che colpisce di testa troppo centralmente, para Benussi. Lampi, ogni tanto, della Samp ma mai pericolosi. Al 35' Romero regala di fatto il gol a Von Bergen con un'uscita comica su un tiro cross di Miccoli che probabilmente il portiere argentino aveva battezzato fuori 1 a 0 siciliano. Nel momento migliore per i rosa nero, la Sampdoria pareggia con Munari di testa beffando di fatti una difesa alquanto ferma, 1 a 1. Il primo giallo è per Barreto per gioco scorretto. Senza recupero si chiude un equo primo tempo.
Si riparte senza cambi. Ilicic è ispirato e subito calcia addosso al portiere avversario, quindi ci prova Rios da fuori area, palla di poco a fondo campo. Al 5' la difesa blucerchiata fa la seconda frittata. Ilicic parte da centrocampo, evita quattro avversari che fanno le belle statuine, salta in dribbling un quinto uomo ed in diagonale batte un Romero questa volta incolpevole, 2 a 1. Eder calcia da fuori mancando la porta di poco alta. Sampdoria però assente dal campo ed il Palermo ne approfitta con il terzo gol all'11'. Angolo di Miccoli, salta di testa Garcia lasciato libero da Costa ed insacca, 3 a 1. Entra Sansone per Soriano, alquanto impalpabile, tra i genovesi. Miccoli sfiora quindi il gol in contropiede, palla di pochissimo a fondo campo. Palermo che domina e va vicino al poker ancora con super Ilicic che, saltati alcuni avversari, calcia sopra la traversa. Si fa male Gastaldello che deve lasciare il campo al suo posto Mustafi. Sannino invece toglie Miccoli inserendo Dybala. Eder, il migliore dei suoi, calcia da fuori ma la sfera è lontana dai pali della porta di Benussi. Esce quindi Garcia tra gli ospiti ed entra Nelson mentre Delio Rossi inserisce Maresca per Estigarribia. Kurtic dalla distanza cerca la porta ma colpendo male alza la mira di parecchio. Ammoniti quindi Palombo e Mustafi entrambi per gioco scorretto. Ilicic lascia la palla per Arevalo Rios che se la allunga permettendo la buona uscita di Romero. Ultimo cambio per Sannino che toglie uno stanchissimo Ilicic mandando in campo Fabbrini. Quattro i minuti di recupero in cui il Palermo tiene bene il campo portando a casa la prima vittoria esterna di questa stagione. Siciliani che non vincevano lontano dal Barbera da un anno. Sogno salvezza tornato molto forte in casa ospite. Davvero troppo brutta la Sampdoria per esser vera quella vista oggi al Ferraris.

SIENA-PARMA 0-0: Agra e Rosina dietro a Emeghara tra i toscani mentre Donadoni non rischia Valdes sostituendolo con Ninis mentre Benalouane viene sostituito da Rosi in difesa. Si parte in ritardo a causa della rete mal fissata nella porta di destra. Emiliani che partono meglio con Ninis che chiama Pegolo alla difficile parata in angolo quindi è Marchionni a cercare la porta in diagonale non trovandola. Siena un po' bloccato con Emeghara ben controllato dalla difesa avversaria. Sicuramente toscani molto prudenti. Non troppe emozioni, il Siena cresce ma non si rende troppo pericoloso, ritmo invece più basso per gli emiliani. L'ultima emozione del primo tempo è una discesa di Biabiany che poi scarica lateralmente a favore di Amari, tiro pronto, palla di poco a fondo campo.
Si riparte con il Siena che prova a stringere i tempi in attacco. Ma mancano le idee offensive e la difesa ducale tiene bene. Toscani che ci provano in tutti i modi. Al 19' l'azione più bella porta la firma di Emeghara che manca la porta da buona posizione. Iachini manda in campo anche Pozzi per provare a segnare un gol che sarebbe molto importante nella corsa salvezza. Tre minuti dopo Valdes calcia da fuori, vola Pegolo deviando la palla a terra. Esterno destro di Sansone alla mezzora, palla di un soffio a fondo campo. Pegolo ancora protagonista in uscita a chiudere Biabiany che non ci arriva per pochissimo. Toscani che non riescono a rendersi pericolosi. Non succede null'altro con i toscani che prendono un punto che li porta al pari di Palermo e Genoa. La lotta salvezza sarà sicuramente molto entusiasmante sino alla fine della stagione. Di certo gli emiliani non hanno regalato proprio nulla.

UDINESE-CHIEVO 3-1: Maicosuel partner di Di Natale nell'attacco friulano. C'è Papp nella difesa clivense mentre nella zona offensiva torna dal primo minuto Pellissier assieme a Paloschi. Primo tentativo di Pereyra, bene il portiere avversario Puggioni che blocca. Portiere veneto bravo poco dopo sulla conclusione dalla distanza di Allan. Al 20' la partita si sblocca. Puggioni in area, tutto solo, si impappina palla al piede, interviene Di Natale che la tocca quel che basta per mandarla in fondo al sacco, 1 a 0 ma clamorosa la papera del portiere giallo-blu. Cinque minuti dopo Pereyra lancia Di Natale sulla destra che calcia al volo di sinistro incrociando la palla alle spalle di Puggioni, 2 a 0. Gol davvero meraviglioso del napoletano. E' il 170esimo in serie A. Al 37' il Chievo accorcia le distanze. Testa di Papp sul palo, palla a Rigoni che crossa cadendo per il giocatore difensivo veneto che in qualche modo la tocca, Brkic si impapera facendosi passare la palla sotto la pancia, 2 a 1. E' l'ultima vera azione di una buona prima frazione di gioco.
Subito una grande chance per il Chievo con Pellissier che avrebbe la palla del pareggio tra i piedi ma la calcia direttamente contro Brkic. Occasione sprecata. Puggioni si rifà dell'errore sul primi gol friulano salvando alla grande sulla conclusione di Lazzari. Incontro piacevole con le due squadre che si affrontano a viso aperto. Pellissier cerca il gol del pareggio ma viene sempre frenato dalla difesa bianco nera. Vicino al tris Di Natale con un tocco di poco sopra la traversa, palla colpita dal dischetto del rigore. Muriel al volo trova Puggioni alla parata. Tiro comunque centrale seppur potente. Veneti che provano a rendersi pericolosi in attacco ma non pungono troppo nonostante una buona pressione. Thereau calcia da fuori ma Brkic è attento e blocca alla sua sinistra. Al 40' la gara si chiude con Di Natale che diventa assist man per Benatia che sul secondo palo, sbucando alle spalle della difesa, tocca il pallone in fondo al sacco, 3 a 1. E così la gara si chiude con la standing ovation per Di Natale.

franco avanzini

 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...