Contenuto Principale
Il posticipo PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 16 Gennaio 2012 23:39
Un rigore salva il Napoli
La XVIII giornata si chiude al San Paolo per il posticipo del lunedi tra i padroni di casa del Napoli ed il Bologna, i risultati di ieri, con le prime tre della classifica fermate più o meno pesantemente, danno nuova linfa ai partenopei che potrebbero avvicinarsi decisamente alle zone nobili.
Di contro i risultati di ieri, con due delle ultime tre della classe uscite vincenti, hanno messo nuova pressione, ma soprattutto, riavvicinato le sabbie mobili della lotta per la salvezza, ai felsinei.
Fa molto freddo a Napoli e, anche per questo, manca il pubblico delle grandi occasioni, i rossoblu presentano a sorpresa Taider, preferito a Ramirez, dietro le punte Acquafresca e Di Vaio, nel Napoli ancora fuori Lavezzi e trio d'attacco con Hamsik, Pandev e Cavani.
NAPOLI (3-4-2-1) De Sanctis; Campagnaro (11’st Zuniga), Cannavaro, Aronica; Maggio (37’st Vargas), Inler (44’st Lucarelli), Gargano, Dossena; Hamsik, Pandev; Cavani. A disp.: Rosati, Fernandez, Britos, Dzemaili. All.: Mazzarri.
BOLOGNA (3-5-2) Gillet; Raggi (27’st Crespo), Antonsson, Cherubin; Taider, Pulzetti (30’st Garics), Perez, Mudingayi, Morleo; Acquafresca (27’st Ramirez), Di Vaio. A disp.: Agliardi, Rubin, Krhin, Gimenez. All.: Pioli.
Arbitro: Brighi di Cesena
 
Si parte a buon ritmo con gli emiliani ben messi in campo che pressano in tutte le zone del campo con una determinazione ed un'aggressività fuori dall'ordinario, il Napoli fatica un attimo ad entrare nel match faticando a costruire azioni pericolose.
Ma già al 9' sulla prima percussione decisa Hamsik si ritrova, servito da una precisa torre di testa, tutto solo in area davanti a Gillet che è bravissimo prima a respingere e poi a controllare la sfera gettandosi tra i piedi del ceco.
Il Bologna non sta a guardare e prima ci prova da lontano con un tiro di Di Vaio che De Sanctis controlla agevolmente e, al 14' , passa in vantaggio, a seguito di un'azione insistita di Pulzetti sul lato destro dell'area quando il laterale riesce ad infilare la sfera oltre le linee, fallisce l'intervento in scivolata Aronica e per Acquafresa, solo davanti a De Sanctis, è fin troppo facile controllare e realizzare.
La reazione partenopea è confusa e disordinata, Taider non dà respiro a INler, le punte ricevono pochi rifornimenti, il Bologna si mantiene corto ed aggressivo continuando a pressare alto.
Il Napoli ci prova con Pandev lanciato verso la porta da Cavani, salva in uscita Gillet, poi solo conclusioni velleitarie da fuori prima di Hamsik con Antonnson che si immola deviando a fil di palo, poi di Gargano, infine di Cannavaro, più pericoloso è invece il tiro a giro di Pandev che cala troppo tardi.
Il Bologna fatica a ripartire e quando lo fa a fine tempo Brighi vannifica una potenziale occasione da rete fischiando in un inesistente fallo di mano a Morleo.
La ripresa comincia con il Napoli che accorcia le distanze tra reparti e prova ad assaltare l'area rossoblu, ma gli emiliani non perdono in intensità e difendono con attenzione tentando di ripartire sempre, anche se spesso sbagliano l'ultimo passaggio.
Al 9' sugli sviluppi di un corner toccato di testa da Cavani è Pandev quasi sulla linea di porta non riesce a ribadire in rete.
I rossoblu controbattono sempre con continuità ci prova Di Vaio che per un soffio non trova Acquafresca solo sul secondo palo.
Il Napoli ci prova ancora con  abnegazione e guadagna molti corner, si accendono mischie che vengono sbrogliate senza troppei patemi, ci prova Aronica da fuori vola a parare in plastico tuffo Gillet.
Al 26' si decide il match quando una confusa percussione partenopea chiusa con una palla sporca buttata verso l'area colpisce il braccio di Perez, l'arbitro Brighi prima assehna la punizione, poi su segnalazione del guardialinee il penalty, ma la volantarietà del difensore dov'era?
Batte Cavani, nullo per tutto il march, che insacca spiazzando Gillet e facendo esplodere il SanPaolo.
Il Napoli si getta tutto in avanti sospinto dall'urlo continuo dei sui tifosi, ma il finale fa recriminare solo i felsinei, prima è Ramirez a servire in area Di Vaio su cui salva miracolosamente Zuniga, infine ancora il centravanti bolognese colpisce al volo sotto misura impegnando severamente De Sanctis.
Finisce con un pari cha va stretto al Bologna e premia il Napoli oltre i suoi meriti, poco hanno fatto i parnenopei impensierendo la porta rossoblu severamente solo due volte e dimostrando di avere poche idee e neppure la solita carica agonistica che lo caratterizza da sempre.
Il Bologna disputa una gara splendida, concentrato e determinato, aggressivo ed intenso , mai domo e soprattutto sempre propositivo anche quando la fatica si è fatta maggiormente sentire.
I migliori: nel Napoli Pandev e Gargano, nel Bologna Taider e Antonnson.

giuseppe floriano bonanno
 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...