Contenuto Principale
Super Sampdoria, Juventus ancora battuta, 3 a 2 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 19 Maggio 2013 01:16

Tags: Eder | Juventus | Sampdoria

Che Sampdoria! E' stata, alla fine di questo campionato, l'unica squadra italiana ad aver sconfitto per due volte, andata e ritorno, la Juventus, Campione d'Italia.

Una gara giocata sotto una fitta pioggia in cui i ragazzi di Delio Rossi sono andati sotto ma poi hanno saputo reagire ribaltando completamente la situazione. Nota di merito ad una squadra che chiude così togliendosi una grande soddisfazione. Per la Juventus è sfumata quindi la possibilità di eguagliare il record di punti in un torneo della nostra massima divisione. Possiamo dirlo: Sampdoria bestia nera della Juventus, almeno da qualche anno a Marassi ma anche in trasferta in questa stagione.

Confermato Da Costa in porta, Mustafi e Castellini sono i difensori assieme a Gastaldello mentre a centrocampo torna all'antico Palombo. In attacco la coppia gol è formata da Icardi (ultima con la casacca doriana prima del passaggio all'Inter) e Eder. Bianconeri con l'ex Storari in porta, Caceres sulla linea dei difensori con Chiellini e Bonucci mentre a centrocampo c'è Isla sulla fascia, con Padoin e Pirlo centrali. A sinistra gioca De Ceglie. Attacco a due con Quagliarella (un altro ex) e Giovinco. Gradinata Sud che presenta un buon colpo d'occhio con uno striscione dedicato al Verona ed ai suoi tifosi appena tornati in serie A dopo 11 anni.
L'inizio è davvero da ultima giornata, tanti passaggi poca profondità. La prima azione è per gli ospiti con Isla che crossa per Giovinco, la difesa libera in angolo. Sull'altro fronte Poli cerca Icardi in area di rigore che però viene frenato dai difensori avversari. Dopo undici minuti Quagliarella fa partire in tiro dal limite che Da Costa devia coi pugni. E' il primo tentativo verso una delle due porte della gara. Sale il ritmo juventino, Conte si sbraccia dalla panchina mentre Delio Rossi richiama spesso Icardi (fischiato dai suoi oramai quasi ex tifosi all'annuncio dello speaker del suo nome) che non aiuta troppo la squadra. Giovinco ci prova trovando la porta ma anche Da Costa che blocca. Portiere che si fa vedere anche al 18' bloccando la sfera a terra sulla conclusione di Giaccherini. Anche Chiellini cerca gloria in attacco, Gastaldello devia la sfera che poi Da Costa riesce a liberare coi piedi. E' un momento critico per la Sampdoria che rischia la capitolazione. Quagliarella da fuori calcia, porta non centrata, palla di poco sopra la traversa. Ancora Giaccherini pericoloso, supera Poli e calcia di potenza, Da Costa ci mette i pugni. E' un monologo bianconero cui i blucerchiati possono poco. Al 25' la rete, che era nell'aria, arriva puntuale. la segna l'ex Quagliarella che stoppa perfettamente un lancio perfetto di Pirlo per beffare il numero uno di casa, 1 a 0. Cinque minuti dopo Chiellini atterra Icardi in area, è rigore. Dal dischetto va Eder che non sbaglia, pronto dunque l'1 a 1 locale. Samp rinvigorita dal pareggio che mette a repentaglio la difesa ospite ancora con Eder che, saltato Bonucci, trova una deviazione di Chiellini che manda la sfera di pochissimo a fondo campo. E' un buon momento per i padroni di casa che insistono in attacco con Poli che cerca il tiro trovando però una deviazione. La Juventus pare aver rallentato il ritmo anche se torna in avanti sul finire di tempo. Prima Mustafi ribatte un tentativo di Giovinco quindi lo stesso difensore ribatte una conclusione di Quagliarella che aveva ripreso una palla respinta coi pugni da Da Costa. Al 42' Chiellini di testa devia un angolo battuto da Pirlo mandando la sfera sopra la traversa. Chiusura di prima parte di gara sempre sotto la pioggia e senza alcun minuto di recupero.

Si riparte senza cambi nelle due formazioni. Juventus che riparte all'attacco, Castellini e Obiang spazzano la propria area di rigore sul cross di Isla. Altro traversone, questa volta dalla sinistra, di De Ceglie, buona uscita di Da Costa ad anticipare Quagliarella. Ancora ospiti che si fanno sotto con Padoin che cerca Giovinco in area anticipato da Castellini. Sul fronte opposto è bravo Chiellini a sbrogliare una situazione pericolosa in area sul cross di Estigarribia. All'8' Quagliarella lanciato da Pirlo calcia, da Costa blocca a terra. Pericolosi gli ospiti con un cross di Giaccherini sul quale Quagliarella ci mette la punta del piede, sfera di un soffio a fondo campo. Pochi istanti dopo Padoin al volo chiama Da Costa alla parata in due tempi. Al 12' Storari è bravo sul tiro di Eder, sfera in angolo. dalla bandierina il pallone arriva sulla testa di de Silvestri che non sbaglia, 2 a 1. Torna avanti la Juventus per cercare il pareggio. Subito ci prova Chiellini, sfera deviata in angolo dalla difesa di casa. Al 20' Pirlo da fuori area, Da Costa c'è. Il primo cambio della sfida è doriano. Entra Munari per Palombo. Quagliarella cerca il gol del pareggio ma la conclusione è debole e per il numero dodici avversario non ci sono problemi. Al 27' Eder giù in area dopo un contatto con Caceres, l'arbitro in questo caso lascia proseguire. Doppio cambio per Conte: vanno dentro Bendtner e Lichtsteiner ed escono Giovinco e Padoin. Alla mezzora giunge anche la terza rete sampdoriana. La segna Maurito Icardi, già mattatore nella gara di andata. Contropiede di Estigarribia, palla al centravanti che a porta vuota non sbaglia, 3 a 1. Un attimo dopo rigore per la Juventus assegnato da Gervasoni per un fallo su Quaglairella, arbitro che poi torna sui suoi passi chiedendo scusa a tutti e riprendendo la gara con una palla scodellata in area. Rossi toglie quindi Eder ed al suo posto entra Sansone mentre arriva il momento anche per il terzo portiere della Juventus Rubinho (ex Genoa) al posto di Storari. Pirlo chiama ancora Da Costa alla parata a terra. Al 41' Bendtner cade male in area e si infortuna al braccio, cambi già tutti effettuati e costretta a chiudere la sfida con dieci uomini in campo. De Ceglie ci prova ancora con la punta ma Da Costa è insuperabile. Allo scadere dei novanta regolamentari, Giaccherini, di interno collo, non da scampo al portiere avversario, 3 a 2. Quattro i minuti di recupero nei quali Bonucci sfiora la palla che finisce a fondo campo di poco. Chiusura con i piemontesi tutti all'attacco seppure con un uomo in meno con brivido finale sulla punizione di Pirlo che Da Costa blocca a terra. Per la Samp un successo strepitoso!

franco avanzini

 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...