Contenuto Principale
Roberta Antignozzi e...la società dei sogni PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 16 Giugno 2013 16:47

Tags: Alessandro Curioni | Antonello Frau | ASD Dreamers | Cornaredo | Inter | Luca Russo | Roberta Antignozzi

974940 10201335333496368 1566450108 n

Roberta Antignozzi al bivio. Dal calcio giocato da protagonista alla fondazione di una nuova società tutta rosa, per la crescita professionale e umana delle ragazze. Una grande professionista che ci racconta i dettagli di questa nuova avventura.

Lasci l'Inter una serie A2, ma soprattutto un gruppo di ragazzine che allenavi...

"Si è stato difficile lasciare le 'mie' ragazze perchè oltre ad essere un gruppo tecnicamente molto valido mi sono entrate nel cuore. E' come piantare un seme e veder nascere una pianta...che va curata con amore ogni giorno...e vederla crescere e diventare ogni giorno più forte. Sensazioni che solo vivendole si possono capire. Però nella vita ci sono decisioni da prendere, a volte difficili. E questa mia scelta di lasciarle è stata molto dura, ma in fondo io non le ho lasciate perchè per loro, per chi vorrà, ci sarò sempre".

Il calcio per te continua, come? Sarai anche in campo? E dietro le quinte, nella società delle 'sognatrici' che ruolo avrai?

"Il calcio per me continua e credo sarà cosi sempre. E' la mia passione e le passioni non muoiono mai. Sarò Presidente dell'Asd Dreamers, società di calcio femminile fondata da me e altre tre persone che mi hanno aiutata e mi sono molto vicini. Inoltre, sarò sempre e ancora sul campo sia come allenatrice sia come giocatrice. Finchè avrò energia per giocare continuerò, mentre per allenare beh, la mia energia sono le 'mie' ragazze, i loro occhi, la loro voglia di imparare, di lottare".

Come è nata l'idea? E quando? Cosa ha fatto scoccare la scintilla?

"L'idea era nella mia testa da tanto tempo perchè purtroppo chi è nel calcio femminile da tanto, come me, sa bene quali sono i limiti di questo sport. Ci sono pochissime società degne di chiamarsi tali...E alla fine della mia ultima esperienza, quando ho sentito dire che 'se vuoi altro devi cercarti una società che veda il calcio come te', mi sono caricata tantissimo, ancora di più perchè nessuno riuscirà mai a farmi abbassare la testa. Se ho un obiettivo in testa difficilmente mi fermo. Non posso più vedere certe cose. Viviamo in una società in cui va avanti il marcio, vengono proposti esempi negativi e le persone 'normali' quelle che vivono secondo sani principi, quelle educate, rispettose o timide vengono prese di mira e ormai si sentono diverse, in senso negativo però. Io credo che almeno lo sport debba insegnare ai giovani un corretto stile di vita, dei valori importanti che ormai sono andati quasi persi. Ed invece anche lo sport ormai è lo specchio della società. Ecco dove sta la scintilla. Io voglio offrire alle giovani la possibilità di crescere in un ambiente sano. L'importante non è la maglia che si indossa o segnare o vincere...la cosa che ritengo fondamentale è la crescita, in primis dal punto di vista caratteriale ed umano, poi calcistico. Prendere per mano una bambina ed accompagnarla finche diventi una donna...questa è una “visione” fantastica per me".

Quante tesserate conti di avere e da quale età?

"Partirò con due squadre o forse tre. Settore giovanile (scuola calcio) e prima squadra che militerà nel campionato di serie D".

 

phoca thumb l img 0262

La sede e il campo dove saranno?

"Saremo a Cornaredo, vicino a Milano, in un bellissimo centro sportivo".

Un progetto simile quanto costa in soldoni e sacrifici?

"Beh, diciamo che dormo tre ore a notte da molto ormai...sono presissima da mille cose. Non solo io, anche i miei tre collaboratori. Ci stiamo mettendo tanta passione e quando le cose si fanno con il cuore non pesano, anzi. Siamo felici, stanchissimi, ma molto felici. Per quanto riguarda i soldi… beh, per riuscire a realizzare 'tutto e subito', servono molte risorse, parliamo di decine di migliaia di euro. Attualmente stiamo lavorando su due fronti: da un lato le sponsorizzazioni per le attrezzature tecniche e sportive, dall’altro per quelle destinate alle attività di supporto. Un sponsor lo abbiamo trovato e questo ci garantisce la partenza, ma se qualcuno è 'in ascolto' oggi abbiamo bisogno di tutto".

Da quante persone sarà composto lo staff, fai dei nomi?

"Lo staff è composto da quattro persone:a parte me, che sarò il Presidente, c'è Alessandro Curioni come vicepresidente e poi due consiglieri, Luca Russo ed Antonello Frau. Persone fantastiche che ringrazierò sempre perchè hanno creduto in me e mi hanno aiutata ed incitata ad intraprendere questa strada. Senza di loro oggi le Dreamers non esisterebbero. Sono persone di quelle che ti donano il sorriso...hanno un grande cuore e un ottimismo contagioso".

Cosa intendi per fra crescere queste ragazze umanamente?

"Posso farti un esempio...io sono cresciuta, calcisticamente, vicino a grandissime giocatrici e cercavo di seguire le persone migliori, fuori dal campo, quelle che potevano farmi crescere umanamente. Quando una bambina impara a lottare con tutte le sue forze per ottenere qualcosa (giocare o imparare un gesto tecnico difficile), quando impara a rialzarsi dopo una brusca caduta, quando impara a condividere spazi, emozioni, dolori...quando una bambina imparerà tutto questo allora sarà diventata una donna, che affronterà la vita a testa alta, senza paura".

E per il supporto allo studio cosa conti di fare?

"Le ragazze, se le famiglie vorranno, saranno seguite da tutors. Potranno arrivare al campo prima dell'allenamento e studiare insieme alle compagne di squadra sotto la supervisione di persone preparate (ex docenti e volontari). In tal modo sarà più piacevole per le ragazze ed anche le famiglie possono avere un punto di riferimento per lo studio, offerto dalla società".

 

phoca thumb l sciccosa

Il ruolo dello psicologo nella società. Quanti saranno?

"Psicologo dell'età evolutiva e dello Sport. Formeranno tutto lo Staff perchè sarà fondamentale avere il giusto approccio con tutte le ragazze, dalla più piccola alla più grande. Saremo supportati sempre in questo!"

Chi ti ha aiutata nel progetto?

"Alessandro Curioni, che aveva in mente un progetto cosi, per aiutare i giovani ed il caso ha voluto che ci incontrassimo. Un uomo intelligente e disponibile. Luca Russo, anche lui voleva da tanto fare qualcosa per gli altri. Uomo di una sensibilità estrema, corretto e leale. Antonello Frau, era il mio dirigente ed abbiamo sempre condiviso le stesse idee sul calcio femminile. Mi diceva 'sei troppo avanti per questo sport' ed allora ora cammineremo insieme portando avanti le nostre idee. Siamo una 'squadra' molto unita, abbiamo lo stesso obiettivo e ci diamo da fare per raggiungerlo. Senza di loro non saprei come fare. Poi abbiamo la mascotte, Lucrezia Russo, la bambina più gioiosa e sorridente che io conosca. E' l'immagine della gioia e sarà la nostra piccola Dreamers".

E le istituzioni come hanno accettato questa idea?

"Per il momento i contatti sono stati positivi e puntiamo ad instaurare una proficua collaborazione soprattutto per le attività di sostegno e a sfondo sociale".

Gli sponsor come hanno risposto?

"I tempi sono difficili, ma le manifestazioni di interesse non mancano. Mi auguro che quanto prima si trasformino in segni concreti. Come ho già detto uno lo abbiamo, speriamo che sia il primo di una lunga serie".

Girerai le scuole o hai già preso accordi con il provveditorato?

"Questo è un punto molto impegnativo. Noi speriamo e crediamo che con la scuola si possa fare molto. Con l’attuale autonomia scolastica degli istituti faremo un lavoro 'porta a porta', presentando il nostro progetto e cercando possibili collaborazioni.

 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...