Contenuto Principale
Varazze. Da lunedì presidio permanente dei lavoratori Baglietto sotto il comune PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 03 Agosto 2013 10:33

Tags: Cantieri Baglietto

Varazze.12.03.2013 corteo lavoratori Baglietto

Con l‘allegato comunicato stampa l’assemblea dei lavoratori dei Cantieri Baglietto di Varazze informa della decisione presa di allestire dalle ore 10 di lunedì 4 agosto “un presidio permanente sotto il comune”.

L’iniziativa, spiegano, è finalizzata a rendere maggiormente visibile la loro “protesta contro l’inspiegabile atteggiamento dilatorio del comune” che, con l’atteggiamento di rinvio adottato nei confronti di una trattativa già fin troppo dilatata nei contenuti e prolungata nel tempo, complica a dismisura una situazione che giorno dopo giorno si ingarbuglia sempre più e rischia d’impantanarsi in una “selva oscura” tra una miriade di leggi e regolamenti, ma anche di sviste e umani peccati che, forse, con un poco di attenzione in più, potevano essere evitati.

Questa nuova iniziativa otterrà gli sperati risultati? In tre anni di periodiche proteste, sfilate, sit-in e tavoli di trattativa non ci sono riusciti; auguriamo loro che questa sia la volta buona.

Comunicato stampa dell’assemblea dei lavoratori dei Cantieri Baglietto di Varazze:

La grande porcata.

Ormai è chiaro che la firma del sindaco di Varazze Delfino, del presidente della provincia di Savona Vaccarezza e del presidente della regione Burlando sul protocollo di intesa con la Azimut Benetti del 16 maggio condanna i lavoratori ad un limbo incerto e senza prospettive. Infatti il protocollo prevede che la concessione del piazzale del cantiere, e la conseguente assunzione dei lavoratori, avvenga contestualmente all’allungamento della concessione del porto alla Marina di Varazze. Di fatto, sottovalutando questo impegno che dalle parole del comune sembrava essere una formalità rapidamente superabile, il futuro dei lavoratori non è più legato al sito produttivo ma alla concessione della Marina di Varazze.

Ad aggravare la situazione, il Comune, vista la proroga della cassa integrazione fino al 31/12/2013, ha pensato bene di accettare la richiesta di Azimut dilatando i tempi per decidere definitivamente il futuro della concessione del piazzale del cantiere. Infatti, con comunicato del 12 luglio 2013, abbiamo appreso che il dirigente preposto ha deciso di prendersi 60 giorni per avere pareri legali da parte degli avvocati riguardo alla procedura di revoca della concessione del piazzale.

Oltre a sprecare in inutili attese il tempo concesso dall’ultimo ammortizzatore sociale disponibile, con questo atteggiamento il comune sta di fatto bloccando qualsiasi ipotesi alternativa ad Azimut poiché, senza certezze sulla disponibilità del piazzale, nessun investitore interessato potrà mai farsi avanti.

I lavoratori, esasperati anche dai ritardi nel pagamento della cassa integrazione (ad oggi sono stati pagati solo i mesi di Gennaio e Febbraio), lunedì dalle ore 10 allestiranno un presidio permanente sotto il comune per protestare contro questo inspiegabile atteggiamento dilatorio del comune. Varazze, 01/08/2013. (L’assemblea dei lavoratori dei Cantieri Baglietto di Varazze)

 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...