Contenuto Principale
Champions League : Unendo Yamamy si inchina al quinto al set contro la Dinamo Mosca. PDF Stampa E-mail
Scritto da Roberto   
Mercoledì 21 Gennaio 2015 23:54

Tags: Dinamo Mosca | Unendo Yamamay

IMG 7683 - FINAL

La Unendo Yamamay, nel suo momento migliore della stagione, gioca una partita di carattere mettendo spesso in crisi le “zarine” delle Dinamo Mosca, capaci di vincere solo al quinto set. I giochi per la qualificazione rimangono aperti,  si deciderà tutto all'ultima giornata nella sfida contro Salo.

E’ una partita dai mille volti quella del PalaYamamay, con la squdra di casa che sfiora l'impresa. La squadra di Parisi è come un gatto dalle 7 vite, conferma il classico inizio con handicap, cedendo al potere russo nel primo parziale. Dopo lo schiaffo però, arriva la scossa, come contro la capolista, le “farfalle” vestono i panni del supereroe, aprono le ali e spiccano il volo lasciando attonite le avversarie con un netto 8-0. Poi ecco che qualche disattenzione di troppo lascia strada libera a Mosca, che senza farselo dire due volte, mette la freccia e sorpassa. Ma la Yamamay ha ancora qualche “vita” da giocarsi, nel quarto parziale le batterie si ricaricano, l’attacco torna a funzionare e cambia di nuovo la musica con Marcon e compagne che si assicurano almeno un punto. La lotteria finale propende per Mosca, ma non è tutto facile, perché la Yamamay fa di tutto per vendere cara la pelle, poi cede quando mancano due punti. Buone notizie in casa Busto arrivano soprattutto da Lyubushkina, 13 punti con 5 muri per lei, ormai ambientata a meraviglia gioca sempre concentrata e concerta per tutta la gara. La squadra di Parisi per continuare il suo cammino dovrà necessariamente vincere nella trasferta di Salo per accedere matematicamente alla fase successiva, senza preoccarsi di cosa accade tra Mosca e Dresden.

Nel primo parziale Busto parte con il piede giusto, ma arriva subito la reazione delle russe non appena la squadra di Parisi abbassa la guardia. Morozova al servizio che crea problemi alla retroguardia ospite e la Dinamo prova a prendere il largo. Le padrone di casa sbagliano molto in attacco e Parisi prova la carta Perry al posto di Havelkova (12%) in grande difficoltà. Nel finale Busto rialza la testa sotto la guida di Miss Murone Pisani, ma è troppo tardi perché Obmochaeva chiude i conti alla seconda occasione. Per la Yamamay, inutile una difesa che fa gli straordinari quando l’attacco risponde con 25 % di efficienza. La seconda frazione si apre nel segno di una Yamamay sprecona nelle prime battute, capace però di tornare subito in carreggiata. Le due compagini ingaggiano un bel botta e risposta che si protrae fino a quando è la formazione di casa a trovare il sonoro break 8-0 che innervosisce le avversarie. La Dinamo si impantana letteralmente sul punto numero 12 e non riesce ad uscirne con la Yamamay che può fare la passerella. Nel terzo set cambia la regia per le ospiti con Vetrova in campo al posto di Nazarenko. Le russe reagiscono alla scoppola imponendo il loro ritmo con Busto che non sembra reagire. Parisi decide di inserire Michel al posto di Pisani, l’inglese fa il suo dovere, ma Mosca alza il ritmo riportandosi a distanza di sicurezza. Il tecnico bianco-rosso prova una rivoluzione totale con Camera Perry e Degradi in campo al posto di Wolosz Havelkova e Diouf, la giovanissima azzurra si mette subito in luce firmando una tripletta. Obmochaeva, vera spina nel fianco (10 punti con 83%), nel finale tira fuori gli artigli e graffia la retroguardia bustocca mettendo fine al set. Nella quarta frazione Busto ripropone Degradi e Michel, le ragazze ripagano la fiducia contribuendo al sorpasso e controsorpasso iniziale. Le padrone di casa gestiscono bene fino a quando un fischio dubbio dell’arbitro getta nervosismo e errori con le russe di nuovo in partita. Nel finale le bianco-rosse accordano gli “strumenti” e suonano indisturbate la sinfonia scappando a sette lunghezze. Mosca non riesce a risorgere dalle ceneri e le padrone di casa allungano il match tie-break (25-20). Nel tie-break Mosca parte a mille trascinata da Obmochaeva, che ritrova concretezza in attacco. I giochi non sono fatti perché la Yamamay sa risollevarsi ancora rimettendo in discussione. Mosca trova lo spunto con Vetrova al giro di boa e Busto a testa bassa si mette ad inseguire. Marcon e compagne si portano ad una lunghezza poi succede il caos con il punteggio che schizza dal 11-13 al 13-13, confonde gli arbitri la gara prosegue fino al 14-15 in realtà 13-15, scattano le proteste russe e dopo minuti di consulto tra le parti si corregge il punteggio con la vittoria che va alla Dinamo grazie all’errore di Diouf.

La Cronaca :

Unendo Yamamay Busto Arsizio : 1 Lyubushkina, 7 Marcon, 8 Perry, 13 Diouf, 14 Wolosz, 16 Havelkova, 17 Pisani, 6 Leonardi (L). All. Carlo Parisi. Secondo allenatore : Marco Musso

Dinamo Mosca : 1 Morozova, 5 Markova, 6 Shcherban , 8 Obmochaeva , 10 Kosianenko, 17 Moroz, 3 Malova (L). All. Andrey Podkopaev

Primo set, Busto parte bene trovando per prima il break, con la “doppietta” di Lyubushkina è doppiaggio (6-3). Reazione immediata Dinamo, che ritrova subito contro-break e vantaggio sugli errori di Havelkova e Diouf (7-8). Yamamay abbassa la guardia e Morozova ne approfitta siglando l’ace che significa più quattro (9-13). Con Pisani al servizio le bianco-rosse riducono il gap, ma il muro di Moroz su Diouf manda le ospiti avanti allo stop (13-16). Al rientro in campo sono sempre le ospiti ad avere il pallino del gioco con Obmochaeva che firma il più quattro (15-19). Nel finale è inutile il tentativo di risalita guidato da Pisani perché Obmochaeva regala tre set ball, chiudendo poi alla seconda occasione (22-25).

Secondo set, Dinamo subito con il piede sull’acceleratore vola a più tre sull’ennesimo errore di Havelkova (1-4). Busto alza il ritmo firmando il contro break che ristabilisce parità e vantaggio (6-5). Le ospiti ritrovano la parità dando via al botta e risposta dal quale però la Yamamay prende il volo con un sonoro 8-0 che proietta le “farfalle” verso la conquista del set (20-12). Inutile il tentativo delle ospiti di rialzare la testa, ci pensa l’ace di Wolosz a regalare dieci set ball (24-14). Havelkova alla terza occasione mette la parola fine al set (25-16).

Terzo set, immediata reazione di Mosca che scappa a più quattro sull’invasione di Wolosz (1-5). Busto sembra subire il colpo e scivola a meno sei sull’ace di Morozova (5-11). Parisi prova la carta Michel al posto di Pisani e l’inglese pronti via fa doppietta costringendo Podkopaev al time-out (8-11). Risposta immediata di Obmochaeva che allunga nuovamente il margine (10-15). Parisi prova a rivoluzionare la formazione inserendo il trio Perry-Camera-Degradi, la giovanissima azzurrina fa bene firmando subito una tripletta (17-20). Nel finale un’invasione vista dal secondo arbitro regala quattro set ball alle ospiti, il secondo dei quali capitalizzato da Obmochaeva (20-25).

Quarto set, Yamamay sprint in avvio con Degradi al servizio è subito (3-0). Mosca non ci sta e ribalta sfruttando l’invasione di Michel (3-4). Busto mette la freccia e schiaccia sull’acceleratore firmando 4-0 con doppio muro di Lyubushkina (7-4). Altro pareggio e poi break Yamamay con le ospiti rispedite le a meno tre (14-11). Al rientro in campo dopo lo stop le “farfalle” spiccano il volo con il mani out di Marcon (19-12). Nel finale Busto marcia indisturbata trovando cinque set ball con il lungo linea di Alice Degradi (24-19). L’errore al servizio di Vetrova chiude alla seconda chance (25-20).

Quinto set, le russe reagiscono e provano la fuga con il doppio ace di Markova che vale il più quattro (0-4). La Dianamo stacca la spina e Busto si riporta in partita con il muro di Lyubushkina su Shcherban (5-6). Vetrova di seconda firma il break che vale il giro di boa (5-8). Le bianco-rosse inseguono a testa bassa accorciando a meno uno con Michel (9-10). Nel finale le “farafelle” provano a rimettere tutto in discussione, ma sono le ospiti a trovare il break e la vittoria grazie all’errore di Diouf, decretata solo dopo consulto arbitrale dopo che il punteggio era schizzato dal 11-13 al 13-13 e la gara si era protratta senza interruzione fino al 14-15 correttosi poi nel finale 13-15.

Roberto Bojeri

Ultimo aggiornamento Giovedì 22 Gennaio 2015 23:25
 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...