Contenuto Principale
Champions League PDF Stampa E-mail
Giovedì 15 Marzo 2012 01:13
Impresa Chelsea: Napoli eliminato

Il viaggio della speranza ha portato nella City oltre 5000 tifosi partenopei anche se solo 3000 potranno entrare a Stanford Bridge per il ritorno degli ottavi di Champions contro il Chelsea, sconfitto al San Paolo per 3-1.
Da allora molte cose sono cambiate, innanzitutto il Napoli ha messo insieme una striscia di 5 successi in campionato ed uno in coppa, i Blues di contro, esonerato Villas Boas e finiti sotto la guida di Di Matteo hanno ripreso a vincere e convincere.

La serata da incubo del MIlan contro l'Arsenal ha dato importanti insegnamenti a Mazzarri su come non affrontare le squadre inglesi in casa loro, ma il risultato più stretto concede anche minori margini di errore.
L'atmosfera che accoglie le squadre al loro ingresso in campo è da brividi, più del solito, neanche con Maradona in squadra il Napoli era arrivato così in alto....
Chelsea (4-2-3-1): Cech; Ivanovic, David Luiz, Terry (8' pts Bosingwa), A. Cole; Essien, Lampard; Sturridge (18' st Torres), Mata (5' pts Malouda), Ramires; Drogba. A disp.: Turnbull, Cahill, Mikel, Kalou. All.: Di Matteo
Napoli (3-4-1-2): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica (5' sts Vargas); Maggio (36' st Dossena), Gargano, Inler, Zuniga; Hamsik (1' sts Pandev); Lavezzi, Cavani. A disp.: Rosati, Britos, Fernandez, Dzemaili. All.: Mazzarri.
Arbitro: Brych (Germania)


 Il Napoli si assesta in campo con una difesa stretta e ordinata, centrocampo dinamico e punte libere di impazzare negli spazi che il Chelsea lascia fin dalle prime battute.
Al 5' sugli sviluppi di un fallo laterale Sturridge va al tiro da dentro l'area, si salva con una reattiva deviazione in corner De Sanctis, la reazione dei partenopei è pronta e pericolosa , ci prova Hamsik dal limite, si salva di piede Cech dopo una deviazione di un difensore.
In questo frangente c'è solo il Napoli in campo negli spazi invitanti si infilano come una lama nel burro gli avanti azzurri, Maggio arriva sul fondo e centra per Cavani che ci arriva un soffio in ritardo e mette fuori.
Il gol sembra nell'aria ma non arriva, Inler pesca Lavezzi oltre le linee, il fantasista arriva in area e calcia si salva con il corpo Cech, poco dopo è ancora Hamsik dal limite a costringere  Cech a salvarsi in tuffo, infine è Zuniga che al termine di una pregevole azione personale calcia alto.
E improvvisamente ed in modo del tutto inatteso però è il Chelsea a passare in vantaggio al 28' quando Ramires dalla fascia sinistra mette una palla in area su cui in volo d'angelo si avventa di testa Drogba che insacca alla destra di De Sanctis.
la rete di drogba

Il Napoli reagisce con Cavani che spreca una bella ripartenza con un tiro che si spegne a lato, ma adesso il Chelsea ci crede e si avvicina pericolosamente al raddoppio, prima salva in extremis Campagnaro su Drogba, poi è Sturridge di testa a mancare il bersaglio.
Gli azzurri sono sempre vivi, ma poco cinici, ci prova ancora Lavezzi che trova lo stinco d'un avversario e, all'ultimo minuto su un cross radente di David Luiz che supera DeSanctis, invano proteso in tuffo, ci pensa Cannavaro a salvare la barca partenopea con una scivolata miracola che sottrae la sfera dalla disponibilità del solito Drogba.
Basta un minuto della ripresa ai blues per azzerare lo svantaggio, corner battuto da Lampard e Terry cha va ad impattare di testa battendo De Sanctis, 2-0 e stadio in visibilio, la vecchia guardia colpisce dunque senza pietà!
la rete di terry

La reazione del Napoli è rabbiosa e veemente e dopo una serie di mischie sbrogliate per pura fortuna dai blues, al 54' su un cross dal fondo che Terry di testa libera, Inler si catapulta , stoppa di petto e colpisce di collo pieno tenendo la palla bassa e trovando l'angolo più lontano alla destra di Cech, che resta di sasso sul posto,  ad esplodere questa volta sono i 3000 fans italiani.
il gol di inler

Il Chelsea accusa il colpo, la partita si sposta a centrocampo con il Napoli che ritrova fiducia ed i blues che attaccano un po' confusamente, esce Sturridge per Torres e proprio da una sua azione insistita in area parte un tiro che De Sanctis vede all'ultimo istante riuscendo a respingere d'istinto puro, poco dopo, al 64', ancora il portiere azzurro vola a respingere in corner su una splendida intuizione di Drogba che calcia splendidamente dal limite.
Il Napoli soffre il veemente forcing inglese ma al 70' Zuniga ha la più facile delle palle gol , in piena area cincischia e tira esaltanto la reattività di Cech che respinge, e al 74' sull'ennesima mischia in area partenopea Dossena colpisce di mano e provoca l'inevitabile penalty che Lampard di potenza trasforma per il gol del 3-1 che ripete esattamente il punteggio dell'andata.
il rigore di lampard

Si accendono mischie da una parte e dall'altra ma non succede più nulla fino alla fine, si va dunque ai supplementari.
Si comincia con un occasione per parte prima ci prova di testa Ivanovic, poi di controbalzo Hamsik, ma nessuno dei due trova la porta.
Pasticcio pazzesco di De Sanctis al 99' con la sfera che rimbalza sul terreno ed il portiere che si lascia scioccamente superare, fortuna per lui ed il Napoli che Torres non è più quello di una volta e con la porta vuota riesce a mettere a lato e non di poco...
Le squadre sono stanchissime e gli errori iniziano a essere superiori rispetto alle grandi giocate.
E al 104' una splendida azione prolungata del Chelsea è conclusa da Ivanovic che tutto solo sul dischetto insacca battendo l'incolpevole De Sanctis, 4-1 e sorpasso effettuato!
la gioia di ivanovic

Il secondo supplementare se ne va tra falli, proteste e lamentale, il Napoli ci prova con scarsa lucidità e senza mai rendersi pericoloso davvero, i blues sfiorano un paio di volte il quinto gol.
Finisce in questa notte di fine inverno dunque il sogno del Napoli e nel modo più brutto ed inatteso , dopo una prima mezzora dominata in cui il migliore in campo è stato Cech gli azzurri si sono fatti bucare e da quel momento hanno perso certezze e sicurezze finendo per imbarcarsi, neppure la splendida rete di Inler è riuscita a raddrizzare matche e qualificazione.
Nei supplementari è mancata personalità ed attenzione ma il punto dolente sono state le palle inattive su cui i partenopei sono stati davvero inguardabili.
Passa il Chelsea che ci ha creduto fino in fondo, non si è abbattutto dopo il gol di Inler e poi alla lunga, trascinati dai suoi vecchi leoni è riuscito a prevalere, se con merito o meno dopo 210 minuti lascio a Voi dirlo, per me assolutamente NO, è stato il Napoli a buttare la qualificazione!
I migliori: nel Chelsea Cech e Drogba, nel Napoli INler e Hamsik.

Passa anche il Real Madrid che ha sconfitto, sempre per 4-1, il Cska Mosca.

giuseppe floriano bonanno

 

Collegati o registrati per inviare un commento

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...