Contenuto Principale
Varie


ALLERTA SICCITA’ PDF Stampa E-mail
Scritto da Massimo Tagliabue   
Lunedì 09 Luglio 2012 16:14

La pioggia si fa desiderare, ed il caldo torrido di queste settimane ha prosciugato in modo evidente il letto di molti torrenti nel Levante, che sommato al prelievo di acquedotti, irrigazione e industrie, generano anche l’abbassamento della falda sotterranea. Per tale motivo, se non piove in questi giorni, si assisterà con sempre maggior frequenza all’improvvisa scomparsa dello scorrimento superficiale con il prosciugamento delle pozze che accolgono i pesci.
Questo in breve quanto sta succedendo e quanto accadrà se persiste questo clima, e la cosa non è nuova, anzi si ripete ogni anno con puntualità, bastano poche settimane senza pioggia per iniziare a preoccuparsi e veder morire senza poter fare nulla interi km di torrente, compreso buona parte di fauna ittica, novellame e quanto vive normalmente nel ed intorno al corso d’acqua. Il novellame nato da poche settimane è il primo che subisce il ritirarsi delle acque, rimanendo imprigionato nelle piccole pozze che si asciugano nel volgere di poche ore (recuperarlo è impossibile, troppo piccolo e delicato). I riproduttori, gli adulti avvertendo il pericolo si concentrano nelle pozze più grandi e profonde, sperando di non subire la sorte dei “neonati” (per questi si riesce ad intervenire recuperandoli in buona parte trasferendoli in zone che restano allagate)
PRIMO INTERVENTO - Il Petronio, che vive di portate idriche superficiali  sempre scarse, eccetto in inverno con le piogge, pare sia sempre il primo a far scattare la macchina dei soccorsi, con i recuperi del pesce che altrimenti morirebbe  in poche ore.
L’allerta è scattata grazie ai pescatori locali, presso Casarza Ligure e Bargonasco, sono state segnalate pozze di acqua che vistosamente si prosciugavano, dove annaspavano già allo stremo, molte trote, barbi, cavedani e vaironi.
Avvisato l’Ufficio Pesca della Provincia, alcuni Agenti Guardiapesca FIPSAS, si sono portati nel luogo delle segnalazioni e con retini e strumenti appositi, aiutati dai pescatori locali hanno recuperato oltre 30 kg di pesce, immediatamente trasportato alcuni chilometri a monte con gerle e mezzi a motore.
Torrente LAVAGNA, sorvegliato speciale - Altro sorvegliato speciale il Torrente Lavagna da Coreglia (Calvari) a valle sino a Carasco, dove risulta non meno problematico l’intervento, sia per i pochi accessi all’alveo, sia per la grande quantità di pesce che si concentra nelle pozze. Il monitoraggio dei livelli idrici, o del prosciugamento proseguirà per i prossimi giorni e settimane,  ad opera della vigilanza volontaria FIPSAS e Polizia Provinciale, durante i  normali turni di pattugliamento nell’intero Levante. Se non piove saranno giorni faticosi per molti volontari e addetti, pare ormai inutile sperare che gli acquedotti pompino meno, anche di fronte a disastrose morie di pesce, come è successo qualche anno fa in molti torrenti della provinca di Genova ed in particolare nel Lavagna proprio nelle zone di Calvari e S. Colombano Certenoli.
GIACOPIANE,  rilascio idrico giornaliero – Se in alcune valli del Levante, in questo mese manca l’acqua, fortunatamente il torrente Sturla e fiume Entella, con tutti gli acquedotti che pompano nelle sue falde acquifere, non risentono di alcun problema proprio per il rilascio quotidiano dell’acqua raccolta nel lago di Giacopiane, che oggi si presenta colmo quasi allo sfioro e garantirà senza problemi il mantenimento delle falde acquifere per l’intera estate e periodi siccitosi.
Umberto Righi

 
Confartigianato Liguria firma il protocollo anticrisi PDF Stampa E-mail
Scritto da Massimo Tagliabue   
Lunedì 09 Luglio 2012 16:13

Confartigianato Liguria ha aderito all’iniziativa promossa dalla Regione Liguria per avviare una serie di interventi a favore delle imprese colpite dalla crisi economica. In tale ambito ha sottoscritto il protocollo d’intesa anticrisi con Regione, Agenzia delle entrate, Equitalia, ABI e Unioncamere Liguria. «Apprezziamo l’impegno della Regione Liguria – commenta Luca Costi, segretario regionale di Confartigianato Liguria – e auspichiamo che l'iniziativa possa costituire un valido strumento, fornendo risposte concrete e veloci ai problemi che le imprese affrontano ogni giorno nello svolgimento delle proprie attività. La difficoltà di accesso al credito è sicuramente oggi l’elemento centrale per ogni microimpresa: il sistema bancario deve e può fare di più per stare vicino al nostro tessuto produttivo. Dall’altra parte si devono trovare soluzioni rapide per la riduzione dei tempi di pagamento da parte della Pa: ben venga quindi l’impegno della Regione a intervenire per rivedere anche il patto di stabilità, che sta creando problemi a livello di enti territoriali».
Nel contesto dell'intesa firmata in Regione, Confartigianato Liguria promuove la realizzazione di “Dialogo con l’impresa”, uno sportello di ascolto nelle sedi sul territorio e un nuovo canale di comunicazione con le imprese, attraverso un semplice form che consentirà un contatto immediato e una risposta rapida alle questioni sollevate. «Lo sportello “Dialogo con l’impresa” – dice Costi – ha il compito di dare risposte concrete ai problemi che le imprese affrontano quotidianamente nel corso della loro attività e, in prospettiva, non solo collegate alla crisi economica. Con questa iniziativa Confartigianato si farà portavoce e “megafono” dei problemi delle nostre imprese, amplificando nelle sedi titolate le segnalazioni fatte».

 
Della Bianca (Riformisti Italiani) PDF Stampa E-mail
Scritto da Massimo Tagliabue   
Lunedì 09 Luglio 2012 16:12

“Attraverso una segnalazione - spiega Della Bianca - sono venuta a conoscenza che presso il Dipartimento ARPAL di La Spezia, l’ex Direttore Dott. F. P. si è recato più volte presso gli uffici dello staff U.O. Gestionale.  Questo comportamento non solo è condannabile ma illegale, in quanto l’accesso agli Uffici deve essere limitato alla parte riservata al pubblico”.
Il consigliere sottolinea come il Dott. F.P., essendo ora un privato cittadino, non possa  più accedere agli atti, se non solamente dietro presentazione di istanza motivata ai sensi della L. 15/2005.
“Tale situazione - dice Della Bianca - risulta  incresciosa per i dipendenti e dirigenti attuali del Dipartimento ARPAL, in ragione dei documenti riservati e sensibili che si trovano negli uffici dell’Agenzia, inclusa la documentazione relativa ai contenziosi legali in essere”.
Per questo motivo, il consigliere dei Riformisti Italiani ha presentato un’interrogazione a risposta scritta, per sapere se Regione Liguria intenda attivarsi per tutelare le informazioni sensibili che riguardano il Dipartimento ARPAL di La Spezia, affinché le procedure d’accesso siano correttamente rispettate da tutti.

 
Formazione per Estetiste PDF Stampa E-mail
Scritto da Massimo Tagliabue   
Lunedì 09 Luglio 2012 15:58

Si è svolto ieri, presso la sede della Scuola di Formazione per estetiste “Estetica e'” di Via O.R.O. 8 ad Arma di Taggia - il primo evento di consegna dei diplomi alle allieve che hanno frequentato e superato gli esami di qualifica.

Nel corso dell’evento si e' parlato di quanto siano importanti i corsi di Formazione Riconosciuti nel contesto di potenziare la professionalita' ed ottenere contratti di assunzione.

La direttrice della scuola Mara Zeloni, entusiasta della riuscita della manifestazione, e' stata gratificata dalla presenza di tutti i genitori delle allieve, dei collaboratori e di una figura istituzionale come il dott. Gabriele Cascino, assessore Regionale allo Sport, il quale e' intervenuto complimentandosi con le allieve del risultato ottenuto e portando i saluti dell’Assessore Regionale alla Formazione,  dr Pippo Rossetti.

Oltre ai docenti presenti e' intervenuto l'operatore shiatsu e reflessologo Orlando Volpe, che da piu' di un anno collabora con la scuola per affiancare le allieve nel percorso integrativo e di

specializzazione di Reflex corporea.

Ora la scuola si appresta ad intraprendere il 3° anno per la qualificazione che permette alle allieve di lavorare in maniera autonoma e di aprire un’attività indipendente.

Sono aperte le iscrizioni per tutti i corsi, per ulteriori informazioni consultare il sito www.esteticae.com.

 
MISSIONE GAZA 2012 PDF Stampa E-mail
Scritto da Massimo Tagliabue   
Lunedì 09 Luglio 2012 14:41

Eccovi il resoconto dell’ingresso di Stefano, Sonia, Valentina e Fabio nella Striscia di Gaza. Si può seguire la missione iscrivendosi e cliccando “Mi Piace” alla pagina di facebook http://www.facebook.com/#!/pages/MUSIC-FOR-PEACE-CREATIVI-DELLA-NOTTE/250125084193

Grazie e buona giornata

13° GIORNO DI MISSIONE

“El Arish – Egitto / Rafah – Striscia di Gaza”

Noi ragazze abbiamo dormito un paio d’ore. Nonostante il sonno devastante non siamo riuscite ad addormentarci velocemente per il semplice fatto che la sicurezza del luogo è minima. Il Sinai è una delle zone a più alto rischio. Ogni rumore, ogni passo dietro alla porta è stato un sussulto. La voglia di dormire ha sopraffatto, verso le 4:00, il disagio. Alle 6:30 la sveglia suona. La gioia di poter rientrare in Gaza permette a tutti e quattro di alzarsi immediatamente dal letto. Chiudiamo gli zaini. Siamo nella hall dell’albergo. Attendiamo il Dott. Omar, della Mezza Luna Rossa Egiziana e la macchina che ci condurrà finalmente al border. Carichiamo gli zaini nella vettura. Si parte. La strada è deserta…in tutti i sensi. Pensiamo a quanto potrà accadere durante la mattinata. Riflettiamo sui possibili ulteriori blocchi; rivediamo nella mente le lunghe attese; ricordiamo gli interrogatori con i Mukabarat, le risposte non date...questi sono stati, negli anni, i trattamenti riservati ai convogli umanitari di Music for Peace destinati ai civili di Gaza. Passiamo tutti i check-point senza essere fermati…stranissimo. Siamo stupiti, ma anche preoccupati di questo comportamento. Ad ogni blocco le guardie parlano con Omar…e proseguiamo all’alzata di mano degli uomini in divisa. Sono le 8:40. I cancelli del border sono davanti a noi. Pelle d’oca. Sensazioni e sentimenti si susseguono accelerate dentro al cuore. Silenzio tra noi. Quando si entra in Gaza non ci sono molte parole, ma solo sensazioni da condividere inizialmente solo con se stessi. Le macchine si fermano. Stiamo per aprire le portiere. Omar ci bussa al finestrino e ci comunica di rimanere dentro. Corrucciamo la fronte. Dopo pochi minuti si aprono i cancelli e fanno cenno di passare. VARCHIAMO IL CANCELLO DEL BORDER IN MACCHINA CON UN ATTESA DI CIRCA DUE MINUTI. I commenti non ci sono. Siamo basiti. Arrivati al varco egiziano scendiamo. Prendiamo i bagagli. Omar ci scorta all’interno. Prende i nostri passaporti. Trascorrono dieci minuti. Vogliono vedere se i nostri volti corrispondono alle foto dei documenti. Ci scrutano. Riconsegnano tutto a Omar. Proseguiamo. Arriviamo al lato palestinese. I passaporti vengono stampati. E’ fatta. Omar ci conduce sino alla carovana. Prende i documenti della dogana e le fatture proforma e si allontana. Trascorrono circa trenta minuti. Torna. Possiamo avviare le operazioni di carico sui mezzi palestinesi. La collaborazione con la Mezza Luna Egiziana è stata fondamentale. La nostra resistenza di anni anche. Noi saliamo su una macchina. Scendiamo dopo alcuni metri e troviamo davanti a noi un dispiegamento di macchine fotografiche e telecamere. Circa 20 giornalisti ci attendono. Le associazioni con cui collaboreremo quest’anno hanno organizzato un’importantissima conferenza stampa. Veniamo accolti da moltissime personalità di Gaza: Ing. Abed – Almonen; Consulente del Consiglio dei Ministri Dott. Issa Nashar; Deputato del Ministero delle Politiche Sociali Dott. Omar Al Derbi. La stampa presente: Al Aqsa Channel; Palastine today; Al Quds Channel; Palestina Tv; Maan News; Safa News; Al Quds net; Shebab News; Donia Al Wattan News. Le personalità politiche introducono il nostro lavoro, dopodiché è il turno di Stefano, il quale anche non essendo un ottimo oratore, ha tenuto occupato il microfono per circa 30 minuti ottenendo una conclusione accompagnata da applausi sentiti e sinceri da parte dei presenti. Terminata la conferenza risaliamo in macchina e usciamo dall’ultimo cancello, seguiti dal convoglio. Siamo in terra di Palestina, siamo in Striscia di Gaza. Siamo noi 4 più uno: Vik ci stai aprendo la strada. La prima tappa è il magazzino in cui verranno posizionati i contenitori. I camion prendono posto, il resto lo compie la gru. Lo scarico è stato studiato in maniera tale da poter ricreare, domani, il magazzino di Genova. E’ necessario ordine e spazio per ottimizzare il lavoro e procedere nel migliore dei modi. Sono ormai le 18:00. Veniamo accompagnati nel luogo in cui pernotteremo fino alla fine delle distribuzioni. Siamo a casa di un amico, in Rafah. Ceniamo. Ci riuniamo, con alcuni referenti delle associazioni con cui abbiamo stretto i paternariati di quest’anno. E’ necessario organizzare il lavoro per domani. Dalle 21:00 in poi si susseguono tantissimi visite da parte di amici che ci attendono da un anno. Sono felicissimi, lo siamo tanto anche noi. Trascorriamo una serata infinita, con una stanchezza pesantissima sulle spalle, ma è tra i momenti più belli della nostra vita. Occhi che si guardano, lunghi sorrisi, abbracci, strette di mano, bicchieri di thè e caffè turco che girano tra le mani, sigarette, risate, caldo, l’elettricità che ovviamente manca…tanto calore umano e tanta voglia di libertà. Domani quando inizieremo lo scarico del materiale non sentiremo poi tanto la stanchezza… siamo ormai caricati di una forza speciale…Free Palestine

Cittadini del Mondo

 
<< Inizio < Prec. 11031 11032 11033 11034 11035 11036 11037 11038 11039 11040 Succ. > Fine >>

Pagina 11038 di 11311

Calcio

Tutte le notizie su Professionisti, Dilettanti, Giovanili, Calcio a 5, Calcio Femminile

Sport Acquatici

sportacquatici

Tutte le notizie su Canottaggio, Canoa, Nuoto, Pallanuoto, Pesca Sportiva...

Sport da Combattimento

Tutte le notizie su F.i.j.l.k.a.m., Pugilato e Scherma

    Sport di Squadra

    Tutte le notizie su Basebal, Basket, Football, Hockey, Pallavolo, Rugby...