AL CERVINO CINEMOUNTAIN LE GRANDI SFIDE ALLA DISABILITA´ AL CENTRO STORIE DI CORAGGIO E VOGLIA DI RISCATTO Stampa
Scritto da Administrator   
Venerdì 19 Luglio 2019 15:14

Tags: Antey | Cervinia | Cervino CineMountain | Chamois | Torgnon | Valtournenche

0a0The weight of water

I limiti sono solo nella mente. È questo il messaggio che accomuna 4 pellicole in concorso alla XXII edizione del Cervino CineMountain.

I limiti fisici sfidano i limiti mentali: vette, rapide, fatica o resistenza al freddo. Storie di grandi imprese ma soprattutto di riscatto, raccontate dai quattro film, tra un’anteprima mondiale e un’anteprima italiana, che saranno presentati al festival del cinema di montagna più alto d’Europa, in programma a Cervinia e Valtournenche, ma anche ad Antey, Chamois e Torgnon, dal 3 all’11 agosto.

In anteprima mondiale, al Cervino CineMountain arriva la prima assoluta di GAMBA IN SPALLA (https://vimeo.com/271519960), il lungometraggio italiano diretto da Romuald Desandré. Nato con l’intento di combattere il pregiudizio e realizzato grazie ad una campagna di crowdfunding, il film racconta una storia di diversabilità, quella di Francis Desandré che, rimasto mutilato a causa di un grave incidente sul lavoro nel 1989, ha deciso di rimettersi in gioco affrontando il Tor des Géants, uno dei più faticosi endurance trail del mondo, 330 km sui sentieri delle Alte Vie della Valle d’Aosta. Inizia l’allenamento in montagna, in piscina, in bicicletta, ma il suo sogno s’infrange prima ancora di iniziare, a causa di una mancanza di normativa che gli impedisce di iscriversi. Non si lascia abbattere, abituato com’è a lottare ogni giorno per dimostrare di essere all’altezza di qualsiasi cosa, e insieme al fratello consegna una petizione con 47.000 firme al Ministro delle politiche sociali della Repubblica Italiana. Nel 2018 arriva una svolta e Francis riesce a partecipare in staffetta al Totdret, un endurance trail di 130 km, con una squadra composta di soli atleti diversamente abili.

Erik Weihenmayer ha perso la vista all'inizio della sua vita, da allora sfidare i suoi limiti è diventato il suo “hobby”. THE WEIGHT OF WATER (https://vimeo.com/276085173), presentato per la prima volta in Italia al Cervino CineMountain, nella sezione Grand Prix, (Grand Prix / Banff Mountain Film And Book Festival) racconta l’emozionante avventura di ventuno giorni tra rapide pericolose, scorpioni e campeggi all'aperto, per affrontare uno dei tratti di acqua più estenuanti del mondo. Dopo aver scalato l’Everest, Weihenmayer sfida il terrore dell’apnea, del suono fragoroso delle cascate, della velocità del fiume che si insinua tra le curve del canion. Il regista Michael Brown trasmette l’intensità e la paura, la lotta per tenersi a galla, ma anche la bellezza del viaggio e le sfide emozionali del viaggio di Erik.
"È così difficile essere pienamente in questo momento, perché c'è troppa paura, c'è troppa ansia. Si finisce come a guardare un'esperienza attraverso una finestra aperta, piuttosto che esserne parte." – afferma Erik, descrivendo questa sua impresa alla ricerca della sensazione unica e preziosa di vivere fino in fondo l'istante presente.

Luca ha trovato un modo – il suo modo – per superare gli ostacoli interposti tra desideri e possibilità. Si è liberato dei pregiudizi e ha trasformato i suoi limiti in frontiere da oltrepassare. È il protagonista di DREAMING FOLK (https://www.youtube.com/watch?v=EDz-eKdKDUo) di Alessandro Stevanon, una storia di riscatto e riscoperta della propria identità: col tempo Luca ha smesso di definirsi attraverso le proprie mancanze e ha iniziato a identificarsi con il proprio talento e ha imparato a gestire la propria disabilità. È così che realizza il suo sogno di bambino, un sogno di musica e danze, di abiti folkloristici, di canti della sua terra.

L’ultima delle pellicole dedicate al tema della disabilità arriva dalla Polonia, diretta da Aleksandra Maciejczyk: CONNECTED (https://vimeo.com/299226363) racconta lo sfortunato ritorno sugli sci dopo dieci anni di Krzysztof, non vedente, accompagnato da Wiola, sua moglie e guida. Mentre salgono in seggiovia, accompagnandoci verso la cima della montagna come attraverso le loro vite, le condizioni meteorologiche cambiano e la foschia cala sulle piste. Raggiunta la cima, la coppia monta sui caschi degli apparecchi per tenersi in collegamento. Una volta connessi, scendono nel paesaggio invernale ormai avvolto in una fitta coltre di nebbia.

Tutte le info su:
www.cervinocinemountain.com
FB: @cervinocinemountainfilmfestival
Instagram: cervinocinemountainfestival

Nella foto un'immagine del film THE WEIGHT OF WATER