FINALE ARDUA PER L’ATLETICA ARCOBALENO SAVONA A ORVIETO STEFANIA BISCUOLA E FRANCESCO REBAGLIATI I LEADER DELLE DUE FORMAZIONI IN GARA Stampa
Scritto da Administrator   
Martedì 18 Giugno 2019 21:05

Tags: Atletica Arcobaleno Savona | Francesco Rebagliati | Stefania Biscuola

0Stefania Biscuola

Trasferta veramente difficoltosa in quel di Orvieto. Finale A – Bronzo che significa essere compresi tra le prime 40 società in Italia.

E le due formazioni Arcobaleno, presente sia al maschile che al femminile (unica formazione ligure in entrambe le finali, in virtù degli ottimi risultati conseguiti nelle due fasi di qualificazione), debbono anche pagare dazio agli impegni di stagione di molti degli atleti “titolari” (vedasi esami di maturità ed esami universitari).
I presenti si battono comunque con vigore, non si rilevano particolari controprestazioni e, anzi, alcuni trovano l’opportunità per esaltarsi e mettersi in buona evidenza.

Partendo dal femminile si inizia giocoforza da “sua maestà” Stefania Biscuola. La biellese arriva 3° al fotofinish sui 1500 (chiusi in 4.3859 al termine di una gara tattica), ma poi domina i suoi 800 portati a compimento in 2.09.83. Non paga “inventa” una 4° frazione “under 56” e porta le compagne di squadra Aurora Abbondanza, Marella Toblini e Ilaria Accame ad un’ottima 4° posizione in 3.59.97.
Arianna Pisano fornisce un’altra grande prova. In un pomeriggio torrido porta a casa un grande 2° posto nella 5 km di marcia chiudendo nel tempo di 26.29.20.
5° posto per la staffetta 4x100 schierata con Anna Riggio, Debora Nemin, Ilaria Accame e Marella Toblini, per un buon 48”46 all’arrivo.
Elisa Sacco è 6° nell’alto con 1,55 e 10° nel lungo con 5.02.
Sara Guerrucci dà il suo contributo salendo a 11.13 nel triplo, misura che le vale la 8° posizione.
In buona ripresa la sprinter Debora Nemin (100 corsi in 12.57) che però nei 200 lascia prudenzialmente spazio al giovane talento Marella Toblini (che non delude e giunge settima in 25.63).
Ed importante anche il contributo della indomita fondista Laila Hero (9° all’arrivo di un 5.000 chiuso in 19.59.97) e di chi, tra le giovani, ha patito molto l’emozione (è il caso delle ostacoliste Anna Auxilia e Benedetta Barroero e della lanciatrice Clara Degni).
La squadra termina all’ultimo posto in un contesto agonistico sicuramente di buon livello.
Ma già vivere una esperienza di questo tipo rappresenta per molte delle giovani oggi in gara un risultato più che positivo.

La squadra maschile termina in 11° posizione (rispetto ai 13 team schierati) e pesa oltremodo su questo piazzamento la rinuncia forzata dell’ultimo momento allo sprinter Luca Biancardi, costretto ai box da un febbrone rimediato alla vigilia della contesa.
Francesco Rebagliati prova a caricarsi la squadra sulle spalle. Vince con grinta i 400 ostacoli in  54.04 e si piazza 5° sui 110 ostacoli correndo in 15.85.
Fa il suo anche il giavellottista Denis Canepa (2° con lo stagionale di 60.86) mentre l’altro lanciatore Gioele Buzzanca limita i danni ma non riesce ad esprimersi al top.
Buona prova del giovane Marco Zunino che si aggiudica la sua batteria dei 400 correndo in 50 secondi netti. E cresce anche Paolo Giacobbe che chiude gli 800 in 1,56.07, nuovo primato personale e 7° posto.
Tra i saltatori il migliore risulta Francesco Girardi, 5° piazza per lui nel lungo con m. 6.55. Inoltre, l'ottimo 14.22 di Michele Marchiori nel salto triplo che gli è valso la 4a posizione.

E ora una grande spedizione ad Agropoli per i Campionati Nazionali Individuali Allievi/e. Arcobaleno che nel prossimo week end scenderà in campagna con una buona dozzina di atleti pronti a portare nuovi allori al team del Presidente Santino Berrino.

Nella foto Stefania Biscuola

Ultimo aggiornamento Mercoledì 19 Giugno 2019 09:08