GOVI, da “record” in TREBBIA Stampa
Scritto da Administrator   
Mercoledì 18 Giugno 2014 20:20

premiati trebbia

Pioggia, acqua fortemente velata, abbassamento delle temperature, queste le condizioni climatiche che hanno trovato i moschisti genovesi in Val Trebbia, la scorsa domenica 15 giugno, durante lo svolgimento della 3° prova del Campionato Provinciale della pesca a mosca.

32 gli Atleti suddivisi in due settori, per due manche di gara, mattino e pomeriggio. La manifestazione di pesca “no kill” su pesce naturale ha occupato buona parte di Trebbia, diviso in 32 box di 500 metri ciascuno e anche più, tracciatura ed organizzazione ottimamente riuscita a cura del Fly Club Genova, con il controllo del Giudice Federale Bruno Tacchini. Altissimo il numero di catture individuali, segno evidente della ricchezza di pesce naturale presente in Val Trebbia, per la cronaca “vietato da regolamento immissione di pesce adulto”, quindi solo merito della attenta gestione di questo bellissimo bacino e abilità tecnica dei partecipanti.
I PIAZZAMENTI di GARA: Vero “RECORD MEN” della manifestazione il giovane atleta FI.Ma Chiavari, VALERIO GOVI, che vince il settore con ben 43 trote, creando il nuovo “record” assoluto nella storia delle competizioni mosca ufficiali. Se fa clamore l’alto numero di catture inanellate da Valerio, ancora più risalto da il secondo di manche di Giancarlo Fasce (Fi.Ma) che pur catturando anche lui un numero impressionante di pesce, ben 42 trote, si vede con diritto superato dal giovane GOVI. Terzo posto di manche per Carlo Sciaguri (FLY GE) che si ferma, si fa per dire, a 32 pesci, l’unico che riesce ad inserirsi nel podio premi di manche. Quarto posto per Cristiano Pecchia (FI.MA) con 25 trote; e quinto Manrico Milone (Cicagnese) con 23 pesci.
Nella prova del pomeriggio, leggermente ridimensionato il numero di catture, ma pur sempre combattute le prime posizioni: Vince il settore Bruno Boni (FI.MA) con 31 trote, secondo il giovanissimo Stefano Circella (FI.MA) appena 18 enne con 26 pesci; terzo Giancarlo Gazzolo (FI.MA) con 20 trote; quarto Stefano De Martini (FLY GE) 19 pesci; quinto Riccardo Ghinetti (FLY GE) con 14 trote.
LA CLASSIFICA PROVVISORIA: dopo tre prove la classifica vede una variazione nelle posizioni di testa, ma con lo svolgimento della quarta prova andrà considerato lo scarto del peggior piazzamento previsto dal regolamento. In testa oggi troviamo Valerio Govi con 9 penalità (6+2+1); secondo posto assoluto per Carlo Sciaguri anche lui a 9 penalità (2+4+3); terzo posto per Stefano De Martini con 10 penalità (3+3+4); quarto Alberto Nicolini (FI.MA), che subendo un tratto di fiume con acqua molto velata si è caricato di penalità (giocherà la carta dello scarto); sale posizioni in classifica Giancarlo Gazzolo con 12 penalità come Giorgio Bertuccini (Fly); salito anche Giancarlo Fasce a 16 penalità come Carlo Casareto (FI.MA) che si trova nello stesso problema di Nicolini con acqua fortemente torbida; nono posto per Bruno Boni, salito in classifica con la meritata vittoria di questa prova; e decimo Riccardo Ghinetti (Fly) con 18 penalità. Questi i primi dieci posti di classifica che potranno giocarsi l’accesso alle qualificazioni zonali del 2015 con carte sufficientemente buone nell’ultima prova prevista sempre in Trebbia a metà luglio. Seguono altri 22 atleti e tra questi alcuni potranno raddrizzare la propria posizione se riusciranno a vincere o salire sul podio di manche nell’ultima prova. Per tutti sarà una grande lotta e la cosa si fa sempre più avvincente. (Umberto Righi)