Home Altri sport Ciclismo La Granfondo Terre dei Varano resta contro il doping

La Granfondo Terre dei Varano resta contro il doping

0
Granfondo Terre dei Varano
Granfondo Terre dei Varano

Camerino – Il Comitato Organizzatore della Granfondo Terre dei Varano rende pubblico quanto e come sta adoperandosi nei confronti del doping, piaga della vita e della passione per lo sport.

In data 16.09.2021 la Procura Nazionale Antidoping ha emesso la seguente sentenza:

“La Procura Nazionale Antidoping e il sig.* * (tesserato FCI) concordano la definizione del caso ai sensi dell’art. 11.8.1 CSA 2021 (art. 10.8.1 Codice WADA 2021) con l’applicazione di 3 anni di squalifica per la violazione degli artt. 2.1 e 2.2 del CSA, con decorrenza della sanzione dal 29.07.2021 (data del provvedimento di sospensione cautelare) e scadenza al 28.07.2024, oltre l’annullamento dei risultati sportivi conseguiti dalla data del prelievo (25.6.2021) e fino alla data del provvedimento di sospensione cautelare (29.7.2021), senza ulteriori sanzioni economiche e/o addebito di spese del procedimento.“

In virtù di detta sentenza, il sig.* *, primo classificato del percorso Marathon, è stato tolto dall’ordine di arrivo che è stato così modificato:

1° CINI FABIO (Capitani Minuteria Metalliche Cycling Team) 3:31:37

2° CARLINI ETTORE (Hair Gallery Cycling Team) 3:31:54

3° VIOLA MARCO (Asd Swatt Club) 3:36:32

Contemporaneamente a mezzo lettera raccomandata indirizzata al sig.* * e alla società di appartenenza dove risulta tesserato, è stata inoltrata richiesta di restituzione del Trofeo “Francesco Gentili” previsto per il vincitore del percorso Marathon, in quanto è venuto meno il requisito fondante l’assegnazione.

Successivamente la ASD Avis Frecce Azzurre ha sporto querela nei confronti del sig.* *, per il reato di falsa autocertificazione conseguente alla domanda d’iscrizione ad una competizione sportiva e di qualunque altro reato che si potrà configurare: infatti lo stesso inviò richiesta d’iscrizione alla gara ciclistica autocertificando, come espressamente previsto dal regolamento della manifestazione, “di non aver assunto – e di non assumere – sostanze inserite nella lista antidoping della World Antidoping Agency (WADA)” con la precisazione ed avviso, sempre contenuta nel regolamento della gara, che “la mendace autocertificazione sarà perseguita a norma di legge”.

La Granfondo Terre dei Varano proseguirà con determinazione nell’offrire una manifestazione ciclistica che continui a promuovere il senso dello stare insieme, condividendo una passione unica e stupenda come il ciclismo. Fare ciclismo oggi, sempre di più, non è solo pedalare nel piacere del gesto atletico in sé, ma contiene un messaggio potente di espansione di valori come il senso del limite, il rispetto dell’altro e delle regole, l’entusiasmo di sentirsi dentro una grande famiglia. Questi ripetuti episodi di atleti che tradiscono questo modo di vivere l’agonismo che attraversa le granfondo, non può essere sottaciuta a rango di episodi isolati, ma devono essere debitamente segnalati come terreno di una battaglia comune per rendere ancora più umana, veritiera e spontanea, l’adesione ad un modo più sereno ed apprezzabile di vivere lo sport ed il ciclismo.

Nessun dito puntato contro alcuno, ma decisa presa di distanza da pratiche sportive illecite e ostative nel promuovere la salute, i valori della vita e dell’individuo, come da sempre intendiamo trasmettere.

Pur isolati da altre manifestazioni ciclistiche che non condividono tale rigore, la Granfondo Terre dei Varano coerentemente con la propria natura ed i valori fondanti da cui ha avuto genesi, prosegue determinata nella lotta al doping.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.terredeivarano.it

Previous articleMonte Bianco, alpinista aveva trovato nel 2013 un tesoro in pietre preziose
Next articleTennistavolo Norbello – La Giornata Paralimpica nel Guilcer in tutte le sue sfumature