Home Altro Varie

“L’ombra del lupo grigio”, il nuovo noir di Alessandro Vizzino e Simone Pavanelli

L’ombra del lupo grigio
L’ombra del lupo grigio di Vizzino-Pavanelli

In libreria dal 27 ottobre “L’ombra del lupo grigio” (Mursia, pagg. 312, Euro 17,00) il nuovo noir di Alessandro Vizzino e Simone Pavanelli pubblicato nella collana Giungla Gialla di Mursia che incanta il lettore con una trama potente e originale. A fare da sfondo a un intricato caso che potrebbe riscrivere la storia della Seconda guerra mondiale, una Roma vestita di sole e di riverberi sgargianti, che ne esaltano le suggestioni ma ne amplificano anche gli spazi d’ombra nelle sue anse più scure.

LA TRAMA – 2 agosto 1980. Alcuni boati spaccano il silenzio di una mattinata torrida, non soltanto a Bologna. Nella periferia di Roma, tre colpi di pistola segnano la fine di un noto gioielliere.

Luglio 2019. Valentino Mastro deve indagare su un cold case di quasi quarant’anni prima. L’uomo che lo assolda, Francesco Tatarelli, vuole che la memoria del padre ottenga la giustizia che ancora non gli è stata concessa. Mastro riceve un baule con una serie di oggetti della Seconda guerra: vecchie fotografie, un’uniforme nazista e un diario sbiadito che potrebbe far riscrivere la storia del Secondo conflitto mondiale.

«Berlino, 1938. Solo ora poso scrivere questo diario e raccontare quello che s’è successo e quello che succede dopo. Spero di non gnire scoperto altrimenti paso dei guai. Il mio nome è Ennio Reami e sono italiano. Vivevo in Veneto e non g’ho fatto altro in tutta la mia vita che lavorare la terra e taiare l’erba nei fossi… Sei mesi fa s’è successa una cosa che mi ha cambiato la vita. Dei tosi sono pasati in rassegna nei campi guardandoci tutti. Ci hanno fatto metere in fila osservandoci come se eravamo animali in vendita. Alla fine, quello che me sembrava il capo, mi ha indicato, g’ha dato dei soldi al padrone e mi ha portato via.», inizia così il diario di D26 che porta alla scoperta di una incredibile verità che ribalta le ipotesi sulla fine del Führer.

Anche Rachele Furlan, investigatrice rodigina, è interessata allo stesso delitto, all’epoca sottovalutato dalla Polizia. Tuttavia, i pezzi non combaciano. Valentino e Rachele dovranno scavare tra dati storici inediti, informazioni secretate e bugie mai rivelate. A Roma, sotto la canicola di luglio e un cielo brillante di porcellana cobalto, si addensa minacciosa l’ombra del lupo grigio.

 

Alessandro Vizzino (Latina, 1971) è scrittore, editore ed editor professionista. Ha al suo attivo sette romanzi, oltre a racconti, poesie e quasi quaranta riconoscimenti letterari, nazionali e internazionali. Il suo repertorio narrativo è un continuo movimento di generi, ambientazioni, epoche e stili. Con Mursia ha pubblicato La zanzara dagli occhi di vetro (2022).

Simone Pavanelli (Torino, 1976) è un operaio metalmeccanico. Suona il basso e recensisce libri per il blog GialloeCucina. Da grande lettore, nel 2007 scopre la scrittura e da allora non riesce più a farne a meno. Vincitore di alcuni premi letterari, ha all’attivo otto romanzi. Con Mursia ha pubblicato La leggenda di Marinella (2022).