Home Altri sport Motori Longhi Campione europeo KZ e doppietta per i telai Birel Art

Longhi Campione europeo KZ e doppietta per i telai Birel Art

0
Riccardo Longhi - Birel Art Racing - European Championship, ADRIA (Foto © KSP Reportages)

Per il secondo anno consecutivo, Birel Art è Campione europeo FIA Karting nella categoria regina KZ. Sulla scia della sua brillante vittoria in Germania, Riccardo Longhi ha conquistato il titolo dopo un impegno costante e un perfetto lavoro di squadra. In Italia, il telaio Birel Art ha anche lasciato il segno con il team Charles Leclerc by Lennox Racing. Pedro Hiltbrand è arrivato secondo in finale davanti al suo compagno di squadra Viktor Gustavsson, mentre il giovane Laurens Van Hoepen conclude il Campionato europeo KZ2 al terzo posto.

L’evento europeo di Adria è stato difficile sotto vari punti di vista a causa del caldo estremo, ma anche per tutti i parametri sportivi e tecnici da gestire, a partire dal complesso, anche confuso, uso degli pneumatici. È nelle avversità che si riconosce la forza di una squadra e l’armata rossa, grazie alla sua determinazione, ha conquistato uno dei titoli più importanti della stagione: quello di Campione europeo KZ.

Festival di Birel Art-TM Racing nelle prime posizioni

Il team Charles Leclerc by Lennox Racing ha espresso una performance di alto livello durante le qualifiche, che si è conclusa con tre kart Birel Art-TM Racing nei primi quattro: Matteo Viganò, saldamente al comando con tre vittorie su tre nelle manche, Viktor Gustavsson terzo davanti a Pedro Hiltbrand. Nel frattempo, Riccardo Longhi e Marijn Kremers erano impegnati nella rimonta dopo delle prove cronometrate frustranti. “I treni di pneumatici che avevamo non erano così performanti come quelli usati nelle prove libere. È un peccato, soprattutto considerando che i nostri vicini del team Lennox Racing erano davvero competitivi con lo stesso pacchetto tecnico”, ha commentato Riccardo.

Longhi era tredicesimo sulla griglia della finale e ha fatto una partenza eccellente, finendo decimo al primo giro. Ha guadagnato altre posizioni durante i 24 giri della gara tagliando il traguardo in sesta posizione, risultato che lo ha portato a vincere il titolo di Campione europeo KZ dopo i 34 punti segnati a Wackersdorf. Questo risultato trionfale ha confermato l’estrema competitività del telaio Birel Art nella KZ, come ha ammesso Ronni Sala, il presidente della famosa fabbrica di Lissone… “La situazione delle prove cronometrate è stata difficile da accettare, ma non ci siamo arresi e abbiamo lavorato duramente. Riccardo Longhi merita davvero la sua vittoria e vorrei anche congratularmi con il team Lennox Racing per le prestazioni di tutti i suoi piloti.”
Infatti, Pedro Hiltbrand è arrivato secondo in finale e si è assicurato il titolo di vicecampione. Sul podio di Adria, Hiltbrand ha trovato Viktor Gustavsson, che è salito sul terzo gradino del podio dopo una gara solida e regolare in testa. Nella KZ2, Laurens Van Hoepen ha avuto la soddisfazione di finire il Campionato europeo in terza posizione per il suo primo anno completo in questa categoria.

Eroe del giorno in pista e felice team manager, Riccardo Longhi non ha nascosto la sua gioia dopo questo straordinario finale. “A livello personale sono ovviamente molto felice di questo titolo e vorrei ringraziare la squadra che mi ha sempre spinto e sostenuto, TM Racing per i loro formidabili motori e il mio compagno di squadra Marijn Kremers che mi ha aiutato durante il weekend. Naturalmente, sono deluso per Giuseppe Palomba. Nella KZ2, è partito in testa alla finale dopo aver vinto quattro manche. Ha avuto l’opportunità di vincere prima di una sfortunata collisione e ha dovuto accontentarsi del sesto posto in campionato. Abbiamo permesso ad altri quattro piloti di partecipare alla finale: Alessio Piccini (14°), David Liwinski (15°), Moritz Ebner (27°) e Marcus Funda (29°). Per quanto riguarda Thanapongpan Sutumno, ha fatto ulteriori progressi dopo Wackersdorf.”
Ora ci concentriamo per il Campionato del Mondo KZ e la International Super Cup KZ2 a Kristianstad, in Svezia.