Home Altro Varie Marco Rezzano è il nuovo presidente di Ais Liguria

Marco Rezzano è il nuovo presidente di Ais Liguria

0
Ais Liguria
Marco Rezzano (a sinistra) con Alex Molinari - Ais Liguria

Genova. Domenica 26 e lunedì 27 giugno 2022 si sono svolte in tutta Italia le elezioni per il rinnovo degli organi direttivi dell’Associazione Italiana Sommelier, sia a livello nazionale che per ogni sede regionale.

Dopo 12 anni, Alex Molinari, patron dello storico ristorante Lord Nelson di Chiavari, lascia la presidenza di Ais Liguria per cedere il posto al collega sommelier professionista Marco Rezzano, titolare del ristorante L’Agave di Framura, da anni facente parte della squadra dell’Associazione Italiana Sommelier Liguria, alla guida dell’area didattica prima e della delegazione di Genova poi.

«Per me è un immenso onore rappresentare Ais Liguria per il prossimo quadriennio e ricevere il testimone da un grande professionista come Alex Molinari – queste le prime parole del nuovo presidente di Ais Liguria Marco Rezzano – Grazie al grande lavoro fatto in questi ultimi anni, non sarà necessario stravolgere nulla ma solo proseguire, perfezionandolo, il lavoro di coinvolgimento dei soci e di vicinanza al mondo produttivo e istituzionale. Sarò fiero di portare avanti iniziative sempre più interessanti dedicate al meraviglioso mondo del vino ligure e non solo».

«Si è chiuso un capitolo molto importante della mia vita personale e professionale – spiega il presidente uscente Alex Molinari – Sono stato il presidente più “longevo” della storia di Ais Liguria ed è stato un grande privilegio per me ricoprire per così tanti anni questo ruolo prestigioso. Sono felice di lasciare il posto a un collega e amico come Marco Rezzano, da molti anni al mio fianco in Ais e punto di riferimento imprescindibile per la didattica e la formazione. La mia esperienza in Ais Liguria comunque non finisce qui, perché il nuovo presidente mi ha voluto con sé nel nuovo direttivo regionale per i prossimi quattro anni. Per me è un onore poterlo sostenere in quella che certamente sarà una grande presidenza».