Home Altri sport Ok la “2 giorni” di Jasmine Paolini e Renzo Furlan alla Spezia

Ok la “2 giorni” di Jasmine Paolini e Renzo Furlan alla Spezia

0
Renzo Furlan

La Spezia – Tutti soddisfatti al Circolo Tennis Spezia all’indomani di quel paio di giorni che s’è allenata a San Venerio quella Jasmine Paolini, numero 96 del mondo secondo la classifica della Women Tennis Association, la quale all’indomani delle Olimpiadi si sta preparando all’ U.S. Open: dal circolo stesso, sempre onorato di accudire a personaggi d’un certo calibro, alla medesima Paolini e allo staff che la supporta.
<Siamo venuti qui – ha spiegato Jasmine che ha in bagaglio 8 successi in tornei del circuito Itf e di recente ha colto la prima vittoria “targata” Wta in Croazia a Bol – perché l’ambiente e le strutture sono buoni a cominciare da un campo duro e adeguato all’avvio della preparazione a New York. Tokyo? Un’esperienza indimenticabile>.
Non meno contento il suo coach, quel Renzo Furlan che molti ricorderanno con l’Italia in Coppa Davis, da giocatore. <
<Ricordo sempre volentieri La Spezia – ha affermato il veneto molto spesso di stanza a Marina di Massa – dove a lungo sono venuto a portare dei ragazzi di livello 15.000 e qualche anno fa sono capitato insieme a Diego Nargiso…una “location” come poche altre. Il tennis italiano? Sul versante maschile non è mai stato, storicamente, così bene mentre su quello femminile deve un po’ recuperare i tempi della Pennetta e compagnia (ma sta lavorando, eccome, in tal senso)>.
Per ultimo, ma non da ultimo, ecco quel Danilo Pizzorno, allenatore federale che con ogni probabilità è oggi il massimo esperto italiano in fatto di video-analisi applicata al tennis.
<Abbiamo lavorato in questi giorni – ha detto il torinese, il quale è il responsabile tecnico al Tennis Club “Bonacossa” a Milano e collabora anche lo Stampa Sporting Torino i l’Accademia Tennis Apuano, quest’ultima da anni gestore tecnico a S. Venerio – in particolare su servizio, risposta al servizio e diritto, tanto per cominciare con vista agli Stati Uniti; ma ciò non toglie che abbiamo impostato un lavoro che può essere ulteriormente sviluppato anche dopo>.
Per la cronaca hanno contribuito a questa “due giorni” spezzina della Paolini pure il migliarinese Alessandro Giannessi e il massese Lorenzo Vatteroni.

Previous articleTokyo 2020: i liguri in gara oggi
Next articleTokyo 2020: l’Italia arriva a 40 medaglie con il bronzo delle ‘farfalle’