Home Altro Varie Paola Gianotti: Bike4Tree, pedalando per il Pianeta

Paola Gianotti: Bike4Tree, pedalando per il Pianeta

0
Paola Gianotti
Paola Gianotti - Bike4Tree

Parte domani, 8 dicembre, il nuovo progetto dell’ultra-cyclist Paola Gianotti. Si chiama “Bike4Tree” e vuole essere un aiuto concreto al Pianeta, con l’obiettivo di piantumare 2022 alberi in tutta Italia, sia attraverso le sue pedalate, sia coinvolgendo fan, appassionati e non solo, ad adottare una pianta.

L’operazione si divide in due momenti distinti: un invito nell’immediato, in occasione delle festività, ad adottare un albero ed una pedalata, a febbraio 2022, che coinvolgerà dieci grandi comuni italiani impegnati a piantumare un congruo numero di piante. L’obbiettivo del progetto è arrivare a dare al nostro territorio almeno 2022 alberi nuovi; il tutto entro il 2022.

ADOTTIAMO UN ALBERO PER NATALE
Da domani collegandosi al link www.wownature.eu/bike4tree/ si potrà sostenere il progetto di Paola adottando o regalando uno o più alberi. L’atleta, in collaborazione con Wow Nature, partner tecnico di Bike4tree, ha identificato 2 aree dove verranno piantati gli alberi che saranno adottati: il Bosco di Fontaniva lungo le sponde del fiume Brenta e il Parco di San Colombano in provincia di Mantova.
Ogni albero sarà seguito per 5 anni dal momento della sua piantumazione e chi deciderà di adottare o regalare un albero riceverà una cartolina virtuale di ringraziamento firmata da Paola, con l’adozione del proprio albero.

PEDALANDO PER IL PIANETA
A seguire, a fine febbraio 2022, partirà la pedalata “Bike4Tree”: Paola percorrerà tutta l’Italia, da Catania a Milano, per un totale di circa 1.600 km che saranno divisi in dieci tappe. Coinvolgerà dieci importanti comuni italiani, uno per ogni tappa, che si impegneranno a piantare più alberi possibili, con l’obbiettivo di raggiungere i 2022 alberi entro la fine del prossimo anno. Sarà sempre l’associazione WOW NATURE a gestire fisicamente la piantumazione e a coordinare localmente le operazioni.

LA SICUREZZA DEI CICLISTI SULLE STRADE
In tutti paesi in cui Paola passerà e che aderiranno al progetto, l’atleta affiggerà anche i famosi cartelli del metro e mezzo. Quest’iniziativa, che Paola porta avanti da tanti anni, nasce con l’obbiettivo di sensibilizzare sulla sicurezza di chi pedala sulle nostre strade. I cartelli invitano gli autisti dei mezzi in carreggiata a rispettare la distanza minima di 1,50 m in fase di sorpasso di un ciclista.
Spiega Paola Gianotti: “Porto avanti da anni il tema a me molto caro sul Rispetto del ciclista sulla strada, coinvolgendo comuni, associazioni e cittadini, che si fanno portavoce per questo importante tema. Alla fine della mia pedalata di settembre, partita da Roma e arrivata a Milano allo Youth4Climate, in collaborazione con il Ministero della Transizione Ecologica, ho iniziato a ragionare ulteriormente sulla parola “Rispetto”. Mi sono resa conto ancora di più di quanto la bicicletta sia il mezzo di trasporto che maggiormente rispetta l’ambiente. Per questo ho deciso di mettermi in gioco pedalando per l’ambiente. Non voglio solo parlare di ambiente, voglio fare un’azione molto concreta, come quella della piantumazione degli alberi in Italia.

Noi ciclisti siamo a contatto con la natura più di tanti altri sportivi e godiamo della vista di boschi, foreste, del cambio delle stagioni, delle fioriture. Forse è proprio per questo che, quando ho pensato a cosa avrei potuto fare per aiutare il nostro pianeta, ho pensato subito agli alberi.

Siamo vicini a Natale e credo che un regalo importante da fare alle persone care possa proprio essere quello dell’adottare un albero. Siamo vivendo una fase storica della nostra vita e non possiamo essere indifferenti a ciò che accade ogni giorno al Pianeta, a causa dell’inquinamento atmosferico e del mancato rispetto della natura. Stiamo consapevolmente distruggendo ciò che di più bello ci è stato regalato. Per questo invito tutti ad adottare un proprio albero: è un piccolo gesto ma è un gesto importante. Sono consapevole del fatto che non è piantando un albero che si possa salvare il mondo, ma sono assolutamente certa che piccole azioni quotidiane possono sempre fare la differenza! “

Come sempre Paola ringrazia tutto il team KeepBrave, in particolare Cristina Doimo e Paolo Monzardo e i partner storici delle sue iniziative: Cinelli, Elastic Interface e Mail Up. Seguitela su https://www.facebook.com/keepbrave.paola

###

A proposito di Paola Gianotti
Classe 1981, laurea in Economia e Commercio, Paola Gianotti è una coach e speaker motivazionale, ultra-ciclista e 4 volte
Guinness World Record, tra cui quello della donna più veloce ad aver circumnavigato il globo in bici. L’atleta porta avanti da
anni una campagna per la sicurezza dei ciclisti sulle strade. Investita da un’auto nel 2014, durante il suo giro del mondo, Paola ha riportato la frattura della 5^ vertebra cervicale. Al suo rientro, anche in collaborazione con Maurizio Fondriest e Marco
Cavorso, che ha visto il figlio ciclista quattordicenne Tommy morire per un incidente stradale, ha fondato l’associazione “Io
Rispetto il Ciclista”. Pedalando sulle strade del nostro Paese (Giro d’Italia nel 2018 e nel 2019, Giro del Piemonte e Giro della Toscana nel 2020, Giro della Calabria e della Sicilia nel 2021) Paola ha cercato di coinvolgere tutti i comuni italiani a installare cartelli, che invitano a rispettare la distanza di 1,5m in fase di sorpasso di un ciclista. Ad oggi sono oltre 3.700 i cartelli sul territorio, installati in più di 400 città. Molte le iniziative a fini sociali o benefici, portate avanti dall’atleta fino ad oggi: da Bike The Nobel nel 2016, che l’ha vista pedalare da Milano a Oslo per candidare la bici per il Nobel per la pace, alla pedalata per regalare (104) biciclette alle donne Ugandesi, alla formazione di 35 meccanici di biciclette sempre in Uganda, fino al 2020 quando, in piena pandemia, ha pedalato per 12 ore sui rulli raccogliendo fondi per donare 10,600 mascherine agli ospedali Regina Margherita di Torino e Ospedale di Ivrea. È stata insignita del premio Don Puglisi, del premio Pulcheria, dell’Amelia Earhart ed ha avuto un riconoscimento al Premio Brera. Ha tre libri all’attivo (“Sognando l’Infinito” ed. Piemme, “In Fuga Controvento” ed. Bradipo Libri, “La Svolta” ed. Feltrinelli) in cui racconta delle sue imprese, dei suoi giri e delle sue esperienze di vita, motivando e spronando al cambiamento.

Previous article13^ Ronde di Sperlonga: a Fondi il “quartier generale”
Next articleFinalmente sta arrivando il Prealpi Master Show