Home Altri sport Parolin torna vincente a Lonato

Parolin torna vincente a Lonato

0
Al Dhaheri Rashid, OK-Junior, PAROLIN, WSK Euro Series, LONATO (Foto: ©KSP Reportages)

Per il lancio della WSK Euro Series sul circuito di Lonato, l’asprezza della competizione, in particolare sotto la pioggia nelle fasi finali, ha reso il meeting particolarmente impegnativo per i piloti. Il ritorno di Al Dhaheri è stato sinonimo di vittoria nella OK-Junior per Parolin Motorsport, mentre le performance di Celenta nella KZ2, di Rinicella nella OK e di Costoya nella Mini sono una testimonianza della competitività del team in tutte le categorie. Parolin Racing Kart è stato il marchio di telaio più rappresentato nella Mini e ha occupato il secondo posto in tutte le categorie, mentre è stato il solo a essersi imposto in due categorie diverse a Lonato con Parolin Motorsport nella Junior e Baby Race Driver Academy nella Mini.

“Assente dalla WSK Super Master a Sarno, Rashid Al Dhaheri era molto motivato per il suo ritorno in pista a Lonato”, ha analizzato Marco Parolin. “Impressionante sotto la pioggia, è stato semplicemente imbattibile. Siamo molto contenti della sua vittoria. Ciò non deve far dimenticare lo straordinario debutto nel meeting di Guillaume Bouzar, e nemmeno la conferma di Enzo Deligny nelle manche. Kai Sorensen è tornato in piena forma e Anatoly Khavalkin si è rivelato eccellente per il suo ritorno con i nostri colori. Quest’anno abbiamo una formazione molto promettente nella OK-Junior. Francesco Celenta si dimostrato ancora una volta molto competitivo nella KZ2 come leader incontrastato di sabato. James Wharton ha continuato a migliorarsi anche sotto la pioggia mentre Slavik Putiatin ha progredito fino alla finale. Valerio Rinicella ha dimostrato il nostro valore nella OK con la sua rimonta nella Top-5 delle manche, mentre Jesse Alejandro Carrasquedo Parada e Arnur Shabdar hanno continuato a migliorarsi nel corso di tutta la prova. La nostra competitività nella Mini si è confermata in tutte le condizioni con Christian Costoya e Matias Orjuela. Il livello di performance attuale del nostro mezzo e del nostro team è molto interessante in tutte le categorie e ci aspettiamo molto dalle prossime gare”.

Ritorno vittorioso di Al Dhaheri nella Junior

La WSK Euro Series di Lonato è iniziata bene con il secondo tempo di Guillaume Bouzar nelle qualifiche e che poi ha inanellato tre buone manche. Sempre presente nella Top-3, Enzo Deligny ha vinto due manche e si posiziona in testa alla classifica sabato sera. Autore del tredicesimo tempo, Rashid Al Dhaheri si è dimostrato inattaccabile in occasione delle fasi finali sotto la pioggia. È rimontato di sette posizioni per poi imporsi nella prefinale vincendo con ampio margine in finale e conquistando ogni volta il giro più veloce in gara. Questo gli ha permesso di andare in testa al Campionato. Tornato con Parolin Motorsport, Anatoly Khavalkin nelle manche ha guadagnato venti posizioni e ha continuato la sua rimonta fino al sedicesimo posto nella finale nonostante una penalità per spoiler. Kai Sorensen ha ritrovato la sua forma fisica sin dalle prove cronometrate prima di effettuare tre belle manche, ma è stato ostacolato da una penalità.

Celenta al primo posto nella KZ2

Francesco Celenta è partito dalla seconda posizione nelle prove cronometrate e ha preso il comando al termine delle manche con due vittorie e un giro più veloce in gara. Ha tenuto il passo sotto la pioggia in prefinale, ma un incidente lo ha relegato sul fondo della griglia dal primo giro della finale impedendogli di sfruttare le sue reali possibilità di ottenere un buon risultato. James Wharton è rimontato nelle manche e ha confermato la sua progressione con un miglior tempo. Sfortunatamente, dopo una buona partenza in prefinale, una penalità gli ha impedito l’accesso in finale. Slavik Putiatin ha recuperato lo svantaggio durante le manche per poi riguadagnare altre sei posizioni classificandosi al 26° posto in finale.

Rinicella nella Top-5 della OK

Non avendo potuto correre a Sarno, il debutto in gara di Valerio Rinicella è stato straordinario. Dopo la sua decima posizione in qualifica, è rimontato al quinto posto nelle manche realizzando anche un giro più veloce in gara. Accidentalmente è incorso in un problema e non ha potuto prendere il via alla sua prefinale. Jesse Alejandro Carrasquedo Parada e Arnur Shabdar hanno continuato a progredire fino a raggiungere la finale e hanno terminato rispettivamente al 22° e al 24° posto.

Belle performance nella Mini

Christian Costoya ha realizzato una rimonta di diciannove posizioni fino a raggiungere la terza posizione nelle manche con una vittoria e un giro più veloce al suo attivo. In svantaggio nella prefinale, ha riguadagnato ancora venti posizioni nella finale fino a raggiungere l’ottavo posto. Matias Orjuela non si è risparmiato, assicurandosi anche lui una vittoria e un giro più veloce nelle manche. Meno a suo agio in occasione delle fasi finali, si è classificato diciottesimo nella finale. Oliver Kinmark ha ottenuto un quarto posto di tutto rispetto in una delle manche e si è qualificato per la finale nonostante una pista insidiosa, mentre Simas Baciuska non è riuscito a recuperare lo svantaggio accumulato nelle prove cronometrate.

parolinracing.com

Previous articleSerie B: piccolo passo in avanti dell’Empoli verso la A
Next articleSuzuki Rally Cup- A Sanremo vincono ancora Goldoni e le Suzuki Swift Sport Hybrid