Home Calcio Calcio Femminile

Pietra Ligure: parla Lino Giacomello

“Non Il Pietra Ligure cambia timone. Torniamo a ritroso di qualche giorno, quando è arrivato il comunicato di solidarietà delle ragazze della prima squadra, in cui si dissociavano dalla decisione della società, dando totale appoggio al mister.
"Ho mantenuto un bel rapporto con le ragazze, le cose andavano bene, i risultati sono arrivati, ma è giusto che questo lo dicano gli altri – commenta l'ex tecnico Lino Giacomello -. La decisione è stata presa da una persona sola e con la società ho un ottimo rapporto e continuerò a lavorare per il Pietra Ligure maschile. Le ragazze, lo hanno confermato nel loro comunicato, erano con me al 99%. Ho 61 anni, di cui 23 da giocatore semiprofessionista, ho allenato sempre in campo maschile, anche in Eccellenza, per 27 stagioni, nella mia zona, la Brianza. Sono stato anche mister della prima squadra del Pietra Ligure, e quando mi arrivò la proposta di prendere in mano la squadra di calcio femminile mi sentivo snaturato, ma anche per la spinta dei dirigenti accettai di buon grado. Il problema non è l'esonero, preciso il primo in carriera, ma per quello che è stato detto. Sono state date le colpe alle ragazze, ma so benissimo che la decisione non è partita e nemmeno è stata appoggiata da loro. Non ho digerito come è stato deciso il mio allontanamento. E' stato tutto inventato. Rimango a disposizione del Pietra Ligure per allenare una qualsiasi squadra, qualora si presentasse l'occasione, anche a livello giovanile, senza interferire il lavoro altrui. Per un'eventuale altra esperienza nel calcio femminile è il caso di dire 'mai, dire mai'. Qualora arrivasse una richiesta seria, mi adeguerò alla proposta, poi valuterò. Deve essere un'ottima proposta, solida, fatta come si deve".

condividi
Translate »
Exit mobile version