Home Altri sport

Si entra nella settimana della Becca di Nona dei record

Becca di Nona
Becca di Nona 2024

Tre gare, altrettanti appuntamenti senza l’assillo del cronometro, un evento spalmato su cinque giornate che coinvolge tutti. Dal 17 al 21 luglio torna l’Aosta-Becca di Nona (presentata ieri all’interno del suggestivo Chiostro di Sant’Orso), nel tempo diventata autentica festa in cui lo sport si mescola al divertimento e alle tradizioni, senza tralasciare la solidarietà.

È l’edizione dei record e di numeri – ancora non definitivi – che mai erano stati raggiunti. Tra mercoledì e domenica saranno oltre 2.300 adulti, ragazzi e bambini che coloreranno i sentieri di Charvensod, parte della ciclabile di Aosta e il BeccaVillage di Plan Félinaz. Tutti con il pettorale indossato, ognuno con il proprio obiettivo da raggiungere.

Si parte mercoledì 17 con la grande novità, la BeccaNight che coinvolgerà 102 squadre che correranno sul sentiero “102” che dal BeccaVillage porta all’Eremo di San Grato. Si gareggia a coppie lungo il percorso di 7 chilometri (1.200 metri dislivello positivo), con partenza della prova a cronometro dalle 19.30.

Domenica 21 la giornata più attesa, con la celebre ascesa alla Becca di Nona e la partenza in massa, alle 8.30, dalla piazza centrale di Aosta. Gli occhi sono tutti puntati su Nadir Maguet, che si presenta in grande forma e va alla ricerca della prestazione cronometrica. Proveranno a insidiarlo e a tenere il suo passo Massimo Farcoz del team Cimalp (sponsor tecnico dell’evento), Andrea Rostan, il francese Julien Michelon, Mathieu Brunod, i gemelli Fabien e Sébastien Guichardaz e Jacques e Didier Chanoine. Nella gara femminile sono attese Corinna Ghirardi, Sabrina Bendotti, Francesca Travi, Lisa Borzani, Emilie Collomb, Gloriana Pellissier e Noemi Junod. Insieme all’Aosta-Becca di Nona partirà anche l’Aosta-Comboé, gara su una distanza inferiore in cui il maratoneta René Cunéaz tenterà subito la fuga, mentre il fresco vincitore del titolo iridato giovanile di skyrunning Marco Magistro cercherà un confronto di alto livello. Sempre domenica, con il via alle 8.45 dal capoluogo di Charvensod, la Montée des Gourmands che abbina sport, folklore e degustazione dei prodotti tipici valdostani.

Prima però, tanti altri appuntamenti: giovedì 18 (ore 18) “Festa dello Sport” al BeccaVillage, un momento in cui il Comune di Charvensod premierà gli sportivi e le associazioni del territorio. Alle 21 “Cinema sotto le stelle”, con la proiezione del film “Le otto montagne”.

Venerdì 19 serata in rosa, per la seconda edizione della BeccaPink che ha ricevuto molte più richieste rispetto ai pettorali previsti. Un evento tutto al femminile, con oltre 1.000 persone impegnate nella passeggiata non competitiva di 5 chilometri che partirà alle 19 dall’area verde Abbé Henry (località Tsamberlet di Aosta) e arriverà al BeccaVillage, dove la serata proseguirà con Viola Spritz Party e il concerto de L’Orage. L’intero ricavato è destinato all’Associazione V.I.O.L.A., che continuerà a raccogliere fondi durante tutto l’evento.

Protagonisti del sabato saranno i bambini, che si divertiranno al campo sportivo di Plan Félinaz (zona del Becca Village) nella BeccaKids. Saranno allestiti percorsi a ostacoli per i giovani nati tra il 2009 e il 2021. Una prova non competitiva organizzata in collaborazione con l’associazione Dynamo Camp Valle d’Aosta e con il sostegno del Panathlon Club du Val d’Aoste, aperta a un massimo di 300 bimbi.

Cinque giorni dunque ricchissimi di eventi e appuntamenti per tutti, grandi e piccini, sportivi, atleti agonisti e accompagnatori. Il BeccaVillage di Plan Félinaz sarà infatti il luogo ideale per ritrovarsi, condividere la passione per il trail e la montagna, festeggiare i vincitori e brindare a un evento in costante crescita. Da mercoledì a domenica animazioni, musica, area espositiva e attività di vario genere con buvette e ristorante aperti non solo durante le competizioni.

La manifestazione è organizzata dall’Asd Becca di Nona 3142 con il sostegno del Comune di Charvensod, del Comune di Aosta e dell’Office Régional du Tourisme, oltre alla collaborazione di enti e associazioni del territorio e di diverse realtà private.