Home Altri sport Susanna Mazzetti – Buona anche la seconda al “Rally degli Abeti”

Susanna Mazzetti – Buona anche la seconda al “Rally degli Abeti”

0
Susanna Mazzetti (Foto Simonelli)

Buona anche la seconda, è proprio il caso di dirlo, per Susanna Mazzetti tornata al ruolo di pilota dopo tre mesi di assenza, peraltro con una partecipazione di livello, al 38° Rally degli Abeti, sulla Montagna Pistoiese, terza prova della Coppa di VI zona, che la rallista pratese ha disputato con la Skoda Fabia R5 di Roger Tuning.

Una partecipazione quindi spessore, con di nuovo al fianco Alessio Santini, per quella che sarà la seconda esperienza con la supercar boema dopo quella dello scorso febbraio in pista ad Adria.

Si è decisamente alzata l’asticella, per la rallista pratese, una nuova sfida, soprattutto con se stessa, in un rally stavolta “vero”, dopo l’esperienza del rally in circuito nel Polesine, portata a termine con grande impegno e passione. Non vi era da ingaggiare alcuna sfida, solo di riprendere in mano l’argomento in una gara da rally classica, con tutte le insidie ed incognite del caso

Il rally pistoiese per Mazzetti, sempre con il supporto del partner Luilor e della scuderia Team Katori, ha dunque proseguito la “scuola”, per Mazzetti, che ha disputato l’impegno sulla Montagna Pistoiese in una netta progressione di sensazioni ed anche di riscontri cronometrici, andando peraltro a vincere anche la classifica femminile.

“Prevedevo uno scenario diverso e sensazioni diverse e così è stato – commenta Susanna Mazzetti – portare ad un livello di prestazioni solo che accettabile una vettura come la Fabia è decisamente difficile. Non siamo partiti per nessuna sfida, con Santini, solo per farmi capire cosa stessi facendo! Diciamo che in ampia parte ci siamo riusciti, pur se ci sono da migliorare molte cose. L’importante è aver “sentito” cosa facevo e capito dove si deve migliorare, la vittoria “rosa” in questo non la considero, la mia vettura era più potente di quelle a disposizione delle mie colleghe. La vettura è stata perfetta, decisamente performante portarla al limite per un pilota deve essere semplicemente esaltante. Spero di poterci salire di nuovo per applicare le migliorie di guida che abbiamo capito sono da rivedere. Ringrazio Alessio Santini per la tanta pazienza che ha avuto di nuovo e sicuramente anche per aver sopportato il “supplizio” di non poter guidare ma leggere solo le note oltre ad “accompagnarmi” proprio con la guida”.

 

Previous articleBuona la prima contro l’Agliana per la Tarros Spezia
Next article“Contro il tempo” (La Tosa Remix) la canzone di Simona Santin