Home Altri sport Tennis Tavolo

Tennistavolo Sassari: sconfitta per la A2 e vittoria della B2 maschile

0

Troppo forte la primatista Bagnolese per il Tennistavolo Sassari. L’imbattuta capolista della A2 espugna il campo della Scuola Media col punteggio di 4-0. Attenzione però, non è stata una sconfitta così netta come sembra siggerire il punteggio, perché la squadra di Mario Santona ha fatto sudare sette camicie agli emiliani, già dal primo confronto. Basti dire che Ganiyu Ashimiyu ha costretto Luca Bressan (n° 19 del ranking) al quinto set, rimontando due volte lo svantaggio di un set.

Marco Bressan ha invece ceduto per 3-1 ad Alberto Margarone. Combattutissimo il confronto tra Marco Poma e Gabriele Piciulin, numero 12 in Italia. L’atleta del Tennistavolo Sassari è riuscito addirittura a portarsi in vantaggio per 2 set a 1 ma Piciulin ha rimontato con veemenza imponendosi poi nel quinto set.
Il derby della famiglia Bressan ha visto quindi imporsi Luca della bagnolese su Marco col punteggio di 3-1.

B2 maschile – Vittoria casalinga preziosa del Tennistavolo Sassari in quello che era una sorta di spareggio contro l’Eureka Roma che aveva gli stessi punti nella classifica del girone F della B2 maschile. I padroni di casa si sono imposti per 5-2 e ora tallonano il secondo posto.

Avvio deciso dei sassaresi con Tonino Pinna che ha battuto al quinto set Emanuele e Biasi (11-4 il punteggio del quinto set) e Segun Olawale che ha vinto 3-1 contro Wladimiro De Stefano. La squadra di Roma ha reagito con Zakaria Mercade che ha sconfitto 3-1 Luca Baraccani. Nuovo doppio vantaggio sassarese con Segun Olawale (3-1 se De Biasi) e di nuovo ha accorciato le distanze l’Eureka col solito Zakaria Mercade, che ha superato Tonino Pinna per 3-1.
A chiudere il discorso sono stati Luca Baraccani che ha battuto 3-2 De Stefano e Segun Olwale che ha piegato Zakaria Mercade per 3-1.

FOTO di Gianmichele Manca

Previous articleImperia, chiude dall’8 dicembre la piscina “Felice Cascione” per lavori
Next articleGenova, Innovation Workshop del “Genova Process” verso la Carta dei diritti degli Oceani