Home Altro Varie

The Script arrivano in Italia l’11 dicembre 2024 a Milano

The Script
The Script - Satellites World Tour

The Script arrivano in Italia con un imperdibile appuntamento l’11 dicembre 2024 al Fabrique di Milano. La band irlandese da 10 miliardi di stream arriva nel nostro paese dopo due anni con una data milanese che farà parte del “Satellites World Tour”, il tour dedicato al nuovo album “Satellites” in uscita il 16 agosto.

I biglietti saranno in vendita dalle ore 10:30 di venerdì 24 maggio su ticketmaster.it, ticketone.it e vivaticket.com.

I The Script oggi hanno rilasciato il nuovo singolo “Both Ways”, estratto dal prossimo lavoro in studio “Satellites”. Conosciuti in tutto il mondo, vantano brani di grandissimo successo tra cui “Hall Of Fame” (feat. Will.i.am), “The Man Who Can’t Be Moved”, “For The First Time”, “Superheroes”, “Breakeven”, “We Cry”, “Rain” e “I Want It All”.

THE SCRIPT
I The Script erano al settimo cielo, un settimo cielo glorioso e di portata globale. Con 10 miliardi di streaming in tutto il mondo, 12 milioni di album venduti, due singoli di platino negli Stati Uniti, sei album al numero uno nel Regno Unito e oltre tre milioni di biglietti venduti in tutto il mondo, la band irlandese era in tournée nel mondo con il suo greatest hits Tales From The Script. Era il 2022 e, 16 anni dopo che Danny O’Donoghue, Mark Sheehan e Glen Power avevano formato la band a Dublino, questo era il meritato giro di trionfo per un gruppo molto amato.

“Abbiamo sentito che era il momento giusto per farlo”, dice Danny. “Dopo il Covid, volevo solo tornare a fare le cose che amo fare. Dopo questa esperienza, tutti volevano tornare alla familiarità. Ed è stato uno dei nostri migliori tour mondiali. È stato come un grande incontro con i nostri fan – la famiglia Script”.

Quel tour era stato segnato, durante la prima tappa primaverile in Nord America, dall’assenza di Mark. Come Danny spiegò all’epoca del suo amico di 30 anni: “I suoi figli avevano bisogno di un padre e sua moglie di un marito”.

“È più o meno così”, ribadisce ora il frontman. “Aveva trascorso metà della sua vita dedicandosi alla band e mettendo sempre la band al primo posto. E mi ha detto: ‘Senti, ho bisogno di un po’ di tempo libero’. Aveva bisogno di ricaricare le batterie. Non è che non amasse quello che facevamo nella band, era il lavoro della sua vita. Ma ho capito da lui che la sua famiglia aveva davvero bisogno di lui, così Mark si è preso il tempo di cui aveva bisogno”.
Dopo una breve malattia, Mark è tragicamente morto. Come ogni famiglia in lutto, Danny sta facendo del suo meglio per la memoria del suo migliore amico e per la moglie e i figli del suo migliore amico.

“Lo conoscevo da 30 anni”, dice Danny con pacatezza, “ma non sono la sua famiglia. Quindi rispetto assolutamente il loro desiderio di privacy mentre sono in lutto, e so che i nostri fan sentono lo stesso”.

Un paio di mesi dopo, a Wolverhampton e a Blackpool, i The Script hanno tenuto due piccoli spettacoli dedicati al proprio fratello. Il pensiero, dice Danny, era: “Ne abbiamo bisogno. Per quanto volessi andare a piangere in una stanza per il resto dell’anno, ci siamo resi conto che la sua vita ha avuto un impatto positivo su molte persone. Non era un tributo, ma solo un modo per raggiungere un luogo e provare emozioni insieme. E ci è sembrato un luogo in cui i nostri fan potessero venire a mostrare il loro sostegno e a piangere insieme”.

C’è stato un altro momento di lutto collettivo e di comunione gioiosa in una serie di date del 2023 a supporto di P!nk. Poi, quel Natale, Danny tornò a casa a Dublino. Dopo una festosa riunione con i fratelli davanti a una o più Guinness, il cantante tornò a Londra con un nuovo proposito. Anzi, con diversi propositi. Aveva chiuso con l’alcol. Aveva smesso di passare ore senza pensieri a guardare contenuti senza pensieri online. Aveva chiuso con tutte le applicazioni del suo smartphone e con il telefono stesso.

“Ho preso un nuovo telefono davvero elementare! Mi sono sbarazzato anche di tutto ciò che non mi piaceva in casa mia. È stato un liberarsi di qualcosa. Anno nuovo, atteggiamento nuovo. L’anno scorso è stato uno degli anni più difficili, peggiori e strani della mia vita. Avevo bisogno di una nuova pelle, di un reset”.

Ha iniziato ad allenarsi quotidianamente in palestra. Ha ripreso la terapia. È andato in chiesa. E Danny O’Donoghue ha finalmente iniziato a scrivere. Il suo atteggiamento si può riassumere in: “Andiamo. Segnate una data in agenda, quella è la data di uscita dell’album. E lavoriamo per tornare indietro da quella data”.

Perché i The Script non avevano intenzione di non continuare. “Abbiamo costruito tutto questo insieme. E io dovrei distruggerlo perché Mark non c’è?”. Scuote la testa. “È un insulto alla sua memoria. È meglio portare avanti quello che abbiamo costruito insieme”.

Oppure, come dice Glen: “Mark non vorrebbe che dicessimo: ‘Adesso ci fermiamo, i The Script sono finiti’. La sensazione è che dobbiamo rialzarci, radunarci e tirare avanti. E non solo per noi stessi, ma per le migliaia e migliaia di fan che abbiamo là fuori. Siamo davvero fortunati con la fanbase che abbiamo: è davvero la famiglia degli Script”.

Così, a gennaio di quest’anno – sì, proprio di recente – Danny si è dato da fare. Ora, da solo nello studio che lui e Mark hanno costruito a Metropolis, nella zona ovest di Londra, si è dato da fare.

“Sono entrato in modalità sperimentazione. Ho preso un mucchio di 808 e ci ho pasticciato sopra. C’era una sessione trap al Metropolis, 30 artisti trap in stanze diverse. Così sono stato impegnato in quella sessione, con tutti questi beat e altre cose. Niente di tutto ciò è stato inserito nella versione finale del nuovo album, ma avevo bisogno di sperimentare un po’.

“Ma non pensavo che avrei potuto scrivere da solo, perché siamo sempre stati io e Mark”, continua. “E provare a sedermi in studio da solo sarebbe stata la cosa peggiore da fare. Ho sempre delle idee – ne scrivo tre al giorno – e ne avevo molte. Ma non potevo portarle a termine, per ovvie ragioni: la persona con cui normalmente le avrei portate a termine, il mio partner per i testi e la musica, non c’era”.

Così Danny ha rotto l’abitudine di una vita creativa: ha contattato un amico che conosce molti scrittori e produttori diversi. Il suo messaggio: “Penso che sia giunto il momento. Di andare in giro per il mondo e vedere come ci si sente a scrivere con altre persone”.

Una delle sue prime sessioni è stata con Steve Robson – un autore/produttore con, come dice Danny, “30 fottuti numeri uno” nella sua discografia, autore di successi per tutti, dai Take That a Olly Murs passando per i Rascal Flatts. La sua priorità: ottimismo, non abbattimento. “Dopo il periodo natalizio e dopo essere uscito con una nuova prospettiva, non potevo farlo, non potevo uscire con un album triste.

“Così ci siamo detti: divertiamoci un po’ e scriviamo una canzone piena di energia, che sia uptempo…”.

Lui e Steve hanno scritto gli incipit di una canzone che, a quanto pare, si sposava perfettamente con un’altra idea di canzone che Danny e Glen stavano scrivendo, intitolata Both Ways, con l’ulteriore contributo di un altro autore d’oro, Wayne Hector (One Direction, Nicki Minaj). “E abbiamo finito per prendere pezzi di quella canzone e trapiantarli in questa idea da urlo. Aveva un’atmosfera divertente, da Black Eyed Peas e Locked out of Heaven di Bruno Mars – guarda caso, i dischi e gli artisti preferiti di Mark. Ed era qualcosa che non ti saresti aspettato dai The Script”.

Poche settimane dopo Both Ways è, del tutto appropriatamente, il primo singolo del nuovo album dei The Script. Fedele alle intenzioni della band, Both Ways è un brano pop-funk dal ritmo incalzante. Secondo Glen, doveva essere così.

“Quel tipo di dolore che si abbatte su di te”, dice il batterista, “e che è stato così improvviso, per noi c’era solo un modo per uscirne, un modo per affrontarlo: entrare e fare musica come atto di sfida di fronte a una tale perdita. E creare musica che portasse positività nella situazione – una musica di cui Mark sarebbe stato orgoglioso”.

Both Ways, aggiunge, è pieno di “energia, e forse non è quello che la gente si aspetta da noi. Ma noi siamo i The Script e ora abbiamo qualcosa da dimostrare: che c’è vita e luce dopo l’oscurità. È per questo che stiamo arrivando in fretta e furia con questo disco”.

Un altro frutto delle sessioni di Robson: la tranquilla epopea di At Your Feet.

Spiegando le origini del testo, Danny ha detto: “Stavo guardando Match of the Day e uno degli opinionisti parlava di uno dei calciatori: ‘Gioca con il mondo sulle spalle quando dovrebbe essere ai suoi piedi…’. E io ho pensato: “Fantastico! Lo prendo io! Puoi assolutamente trasformarlo in una sorta di connotazione dell’amore: Preferisco toglierti il mondo dalle spalle e metterlo ai tuoi piedi. Il giorno dopo sono andato in studio con questa idea e in cinque minuti abbiamo composto il ritornello”.

Volete più velocità, più esuberanza? Unsaid è un’esplosione di due minuti di puro pop. “C’era un terzo ritornello, ma abbiamo fatto un montaggio in cui era veloce e stretto. E io pensavo: Non so se dobbiamo tornare a un altro ritornello. Sembrava davvero veloce e attuale. Mi è sembrato perfetto per questi tempi di attenzione ridotta”.

Se i The Script andavano veloci, ovviamente andavano anche in profondità. Home is Where the Hurt Is è un inno rock perfettamente calibrato per le arene e gli stadi che la band suonerà quest’anno, sia nel proprio tour che in quello con P!nk, dove si esibirà davanti a oltre due milioni di fan.

“È una canzone potente”, annuisce Danny. “Parla della mia educazione, di come le cose che ci spezzano ci rendono ciò che siamo”. Sottolinea il verso “Ohana ohana, no one left behind, we’re broken in pieces but the pieces are mine…”. Ohana, spiega, significa che nessuno viene lasciato indietro. “Ed è il nome del nostro gruppo Whatsapp di famiglia. Perché dopo tutta la merda che abbiamo passato nel nostro passato, è importante che la nostra famiglia resti unita”.

La più profonda di tutte è Gone. È il tributo di Danny al fratello scomparso. Decisamente celebrativa, è una canzone che aveva bisogno di scrivere. Per quanto dolorosa, era determinato a onorare Mark.

“Appena ho sentito il ritornello – ‘come una stella cadente nel cielo, in un secondo te ne sei andato’ – ho capito che avevo trovato qualcosa. Ma è della seconda metà del verso che sono più orgoglioso: “Perché le stelle che brillano il doppio bruciano solo per la metà del tempo?”. Morivo dalla voglia di fare qualcosa con questi due versi da quando è morto.

“Ricordo di aver detto ai ragazzi in studio: ‘Sentite, devo scrivere questa canzone perché deve essere scritta…’ Poi, finalmente, fu finita”. Quel giorno si stava recando allo studio di Steve Robson, vicino al cimitero dove si stava svolgendo il funerale di Mark, “e l’autista dell’Uber, invece di fare la solita strada da casa mia allo studio, ha fatto la strada del corteo funebre. È stato molto strano, ma anche opportuno”.

Poi, dopo la registrazione, Danny ne ha portato a casa una copia. “Avevo le cuffie, ho camminato sul ponte di Chiswick fino ad Hammersmith, ascoltandola in continuazione, e ho pianto per tutto il tragitto verso casa”.

Tutto questo, alla fine, ha dato il via a Satellites – il titolo dell’ottavo album dei The Script e anche il nome di una bellissima ballata dal sapore folk che, a proposito, è stata co-scritta da Mark. Perché una volta membro dei The Script, sempre membro dei The Script. Descrivendo la copertina dell’album, Danny O’Donoghue sottolinea con passione questa idea.

“L’immagine è costituita dalle sagome mia, di Glen e di Ben Sargeant, il nostro bassista, che è stato con noi fin dall’inizio. Poi abbiamo una sagoma incappucciata, perché l’aria di Mark è ancora presente. Ci sarà sempre, ma è anche un segno di apertura verso il futuro. Non sarà mai lo stesso Script. Stiamo solo cercando di andare avanti e di fare ciò che tutti noi riteniamo sia la prossima cosa giusta da fare, cioè continuare a fare altra grande musica”.