Home Altro Varie

Vetrine d’Artista a Savona, espongono Adriana Podestà e Giovanni Protti

Adriana Podestà
Adriana Podestà, Madonna con Bambino, omaggio a Batoni, 2020, olio su tela, cm. 50x40

Vetrine d’Artista, espongono Adriana Podestà e Giovanni Protti: sede Banca BPER ex Carige, corso Italia n. 10 a Savona.

Iniziativa: Vetrine d’artista – sede Banca BPER ex Carige, corso Italia, n. 10 a Savona
Espongono: Adriana Podestà – Giovanni Protti
Periodo: dal 5 giugno 2024 al 31 luglio 2024
Inaugurazione/apertura delle mostre: 5 giugno 2024, ore 10
Curatore: Dr.a Silvia Bottaro, presidente Associazione “Aiolfi” no profit, Savona e critico d’arte

Motivazione
La Banca BPER ha concesso, sempre gratuitamente, l’uso di n. 4 vetrine collocate nel Palazzo della sua sede centrale in Savona, corso Italia, 10, agli Artisti, associati “Aiolfi” che potranno esporre (in due vetrine per ogni Artista inserito nel programma annuale) per due mesi. Dal 5 giugno al 31 luglio 2024 si potranno osservare le opere di

Adriana Podestà. Artista genovese che dal 2002 inizia il suo percorso artistico figurativo, sempre in evoluzione e costante ricerca personale, con una ricca tavolozza di colori a volte smaglianti, oppure intensamente lirici. Ha preso parte a numerose mostre in Italia e all’estero (in Russia presso l’Università di Yeletz-Mosca ed in Bulgaria presso National TV e Radio Blagoevgrad). Passa dai temi più religiosi, guardando ai grandi Maestri come Pompeo Girolamo Batoni, con la sua tendenza al neoclassicismo “ricco d’istinto pittorico”: quest’ultimo la Nostra lo rende suo nella brillantezza del colore, nello studio della luce financo intrigante, coinvolgente e visionaria, nella pennellata chiara, facile e spedita. Spesso i suoi paesaggi sono sospesi tra una realtà indagata anche nei minimi particolari e una fase sognante, del tutto soggettiva e confidenziale.

Giovanni Protti. Il suo sguardo è rapito dalla presenza di tante specie di “abitanti” dei boschi del Savonese e non solo: nasce così la sua fotografia “vera” che indaga la Natura che circonda il mare ligure, appena dietro la città di Savona. Giovanni Protti ha fatto centinaia di scatti per fermare la bellezza effimera, fragile e magica al contempo. La farfalla simboleggia l’anima, la salvezza. Anche molti artisti hanno voluto dipingere le farfalle all’interno delle loro tele. Uno degli artisti che dipinse tantissime volte la farfalla fu, senza ombra di dubbio, Vincent Van Gogh che le raffigura al centro di paesaggi con fiori e piante. Protti usa la fotografa quasi per farci capire la necessità di conoscere questo insetto, così bello, colorato: conoscere per non passare come intruso nella Natura che troviamo a pochi passa dal cemento della Città. La sua fotografia diviene, così, “pittura” e straordinario documento, inventario, testimonianza della realtà da difendere.