Home Altro Varie VR46 E-MTB di Valentino Rossi – la nuova linea di mountain bike...

VR46 E-MTB di Valentino Rossi – la nuova linea di mountain bike elettriche in collaborazione con MT DISTRIBUTION

0
VR46
E-BIKE VR46

VR46 E-MTB di Valentino Rossi – la nuova linea di mountain bike elettriche in collaborazione con MT DISTRIBUTION

TERRA VR46, L’ANIMA DIETRO OGNI SFIDA

L’attenzione per i dettagli che non lascia nulla al caso è la sensazione che colpisce non appena si attraversa il cancello d’entrata del Ranch di Valentino Rossi a Tavullia. Diventato già un luogo sacro per il mondo dello sport e non solo, il Ranch ha una personalità dominante, ma pura e sincera, che non lascia margine di scelta al confronto con se stessi e gli altri. Dietro ogni curva e ogni rettilineo emerge lo spirito di competizione e il carattere VR|46, su uno sterrato che, pur mettendo alla prova le capacità di chi lo percorre, lascia spazio alla fantasia dei piloti, e che è ispirazione del progetto TERRA VR|46.

Il Progetto
TERRA VR46 è la prima e-mtb concepita tra Tavullia e Bologna ed è una e-bike da enduro bi-ammortizzata in grado di offrire una pedalata fluida ed un elevato controllo in discesa e in curva, attraverso l’attento studio nella progettazione e la scelta di soluzioni tecniche all ’avanguardia.
MT Distribution e VR|46, dopo l’annuncio all’Italian Bike Festival 2021 di Rimini, presentano ad EICMA 2021 una bici elettrica premium, pensata per soddisfare anche i bike rider più esigenti grazie alla qualità progettuale Made in Italy e alla cura nella scelta dei componenti, selezionati direttamente con le case madri
dei più importati e prestigiosi brand del settore ciclo attraverso i principali distributori europei. Al progetto partecipano infatti importanti player nella componentistica bike ed elettrica come Bosch, Pirelli, Sram/Rock Shox, Fulcrum, Ohlins, Crankbrothers, Technomousse e Ochain.
Il progetto è stato sviluppato dal team di ricerca e sviluppo di MT Distribution, che si è occupato dell’ingegnerizzazione e design del telaio e della bici, lavorando nella Motor Valley italiana, il distretto
industriale e culturale dell’Emilia-Romagna noto a livello internazionale come culla di alcuni dei marchi automotive più rinomati al mondo.

Il Telaio
l cuore del progetto è il telaio in alluminio idroformato 6061 – T6 interamente studiato e progettato in Italia, nato con lo scopo di unire ad un design unico scelte tecnologiche innovative.
Particolare attenzione è stata data alle quote geometriche e in particolare alla sella, progettata in posizione avanzata per garantire un’ottima posizione di guida anche con pendenze proibitive. Unita ad una quota di Reach importante, questa soluzione offre piena stabilità anche nelle discese più tecniche.
Performance ottimali in discesa oltre a grande stabilità e sostegno del rider sulle salite più ripide sono assicurate dallo studio, a livello cinematico, della curva di compressione. Inoltre, grazie al sistema flipchip posizionato sul fulcro inferiore dell’ammortizzatore, è possibile trasformare la geometria della bici, passando da una performante All-Mountain ad una competitiva E-Enduro. È infatti possibile variare l’angolo di sterzo da 65.5° a 64.5°, oltre ad abbassare il movimento centrale si abbassa di ben 12mm a tutto vantaggio delle performance in discesa.
Alcuni elementi del telaio, come la piastra attacco motore scatolata, sono stati studiati riprendendo soluzioni tipiche del mondo delle moto. È stato Inoltre scelto di utilizzare cuscinetti di grandi dimensioni insieme a perni passanti sovradimensionati a tutto vantaggio della rigidità torsionale di tutto il telaio.
Il passaggio cavi è completamente integrato per garantire protezione da possibili urti e non influire sul design della bici, a completamento delle scelte progettuali che rendono TERRA VR|46 un nuovo riferimento nel panorama delle moderne e-bike presenti sul mercato.

Il Design
La genesi del design di TERRA VR46 racconta la naturale transizione del brand VR46 verso un futuro high tech e sostenibile, oltre che ben ancorato a una storia irripetibile di successi sportivi e a un patrimonio umano di grande spessore.
Le forme del telaio e degli elementi sono protratte in avanti senza tuttavia risultare sfuggenti. La sezione del triangolo si contrae con forza in prossimità del tubo forcella, quasi a suggerire la sagoma minacciosa di un centauro pronto a scattare in avanti. L’allineamento del profilo del triangolo con il carro è percepibile nella sua interezza dal manubrio al mozzo ruota posteriore, grazie anche a un tubo sella eccezionalmente corto e attillato che contribuisce alla tensione generale delle linee.
L’allargamento del triangolo nella porzione a ridosso del canotto di sterzo è apprezzabile soprattutto se osservata dall’alto e quindi dal posto di guida, la posizione dove si provano le emozioni più grandi. La forma, ottenuta mediante un gioco spigoli e superfici, è una citazione della tipica forma del serbatoio motociclistico.
La biella è stata oggetto di particolare attenzione stilistica, il gioco di nervi tesi viene enfatizzato anche su questo elemento strutturale.
Il nero lucido, tecnologico e austero, è dominante soprattutto nella zona posteriore dove molta della raffinata meccanica è a vista, mentre nella zona più emozionale, contratta e pulsante, viene dominata dall’iconico giallo VR|46.

I Due Volti di TERRA VR|46
Nel 2022, TERRA VR|46 sarà lanciata sul mercato in due versioni:
TERRA VR|46 Limited Edition, produzione in 46 pezzi numerata e fornita con certificato esclusivo firmato da Valentino Rossi, assemblata con componenti wireless e in carbonio.
TERRA VR|46 Premium, assemblata con componenti di alto di gamma.
Si ringraziano per il lavoro e la collaborazione:

Cristian Trippa, E-bike Specialist Manager di MT Distribution, per il coordinamento e sviluppo del progetto;
Ing. Fabrizio Dragoni, per lo studio geometrico/3D del telaio
Dragoni Design Lab, per lo studio sul design del prodotto.

E i partner di componentistica:
Bosch, Pirelli, Sram/Rock Shox, Fulcrum, Ohlins, Crankbrothers, Technomousse e Ochain,

Previous articleTriennale Milano, incontro con il fotografo e regista Mario Del Curto
Next articleHP Sport RRT e “King Dragon” sul gradino più alto a Sarno