Home Altro Varie

Wine&Sailing sul Lago di Garda: i vini di Tinazzi premiano i vincitori

Wine&Sailing
Tinazzi - Wine&Sailing

Lazise (Vr) – La brezza leggera del Lago di Garda e il gusto del territorio in un bicchiere: due importanti ambasciatori del veronese – il gruppo di cantine Tinazzi, con sede a Lazise, e il Circolo Nautico Brenzone a Castelletto sul Lago di Garda – rinnovano anche quest’anno la collaborazione iniziata 2019 per raccontare il binomio wine&sailing.

Da mercoledì 29 settembre a sabato 2 ottobre, Tinazzi si fa ambasciatrice della 51° Regata Internazionale Kielzugvogel attraverso i vini prodotti nelle zone del Lago di Garda e in Valpolicella: in particolare, ai velisti vincitori della gara internazionale saranno offerte le bottiglie delle linee Ca’ de’ Rocchi e, novità di quest’anno, Poderi Campopian, l’azienda agricola di proprietà di Tinazzi situata a Sant’Ambrogio di Valpolicella (Vr), che con i suoi 670 m slm rappresenta la più alta azienda agricola della zona.

«Rinnoviamo con piacere la partnership con un’eccellenza del territorio come il Circolo Nautico di Brenzone – ha commentato Gian Andrea Tinazzi, titolare della cantina –. Siamo onorati di presentare per la prima volta quest’anno agli ospiti e ai visitatori internazionali la nostra linea Poderi Campopian, prodotta in un territorio di forte attrattiva per i visitatori stranieri come quello del Valpolicella Classico».

Per suggellare la collaborazione Tinazzi ha organizzato mercoledì 29 settembre una wine dinner, che ha visto protagonisti i velisti tedeschi della Kielzugvogel. Per l’occasione Tinazzi ha offerto agli ospiti una degustazione dei propri vini, abbinati ai piatti realizzati dal ristorante del Circolo Nautico Brenzone.

Il fine settimana successivo, da venerdì 8 ottobre a domenica 10 ottobre, Tinazzi sarà presente con i propri vini in un altro wine&sailing, in un importante appuntamento del Circolo Nautico Brenzone: la Regata Internazionale Star 55° Trofeo Amicizia Memorial “Mascanzoni-Scala”, in cui la cantina di Lazise offrirà ai vincitori una selezione della migliore produzione delle linee Poderi Campopian e Ca’ de’ Rocchi.

TINAZZI – I Tinazzi, nell’antica tradizione veronese, erano recipienti simili a botti dove si metteva l’uva pigiata a fermentare: una famiglia legata al vino persino nell’origine del nome. Non può che cominciare con questo curioso aneddoto la storia di Tinazzi, che inizia alla fine degli anni Sessanta a Cavaion Veronese (Vr), grazie all’impegno e alla passione di Eugenio Tinazzi. Gian Andrea Tinazzi, figlio del fondatore, all’epoca ancora diciottenne, segue subito il padre nella conduzione dell’impresa e allarga progressivamente gli orizzonti dell’azienda sia in termini di produzione che di mercati. Animato da uno spirito vivace, intraprendente e proattivo, trasforma negli anni l’azienda di famiglia da una realtà locale, che vende vini veneti DOC a piccole realtà del lago di Garda, all’attuale importante Gruppo esteso tra Veneto e Puglia, regione di grande carattere e dalle crescenti potenzialità qualitative, in cui i Tinazzi sono presenti dal 2001. Sotto la sua guida il gruppo produce vini d’alta qualità, venduti in oltre 30 Paesi nel Mondo. Un’intuizione che ha portato l’azienda a diventare una delle più interessanti realtà della viticoltura italiana, con oltre 100 ettari di vigneti di proprietà e un’ampia proposta di iniziative legate alla cultura contadina e all’accoglienza. Gli importanti premi internazionali, come i riconoscimenti di rinomate riviste come Forbes, Wine Spectator, Wine Enthusiast e Decanter sono solo l’ultimo tassello della storia dei vini.