Home Sport acquatici Pesca Sportiva FI.MA/GARBOLINO SUBITO IN LUCE

FI.MA/GARBOLINO SUBITO IN LUCE

19
0
0a0arighi

0a0arighi

Trasferta in Val Brevenna, molto propizia x il neo gruppo di Atleti della FI.MA/Garbolino Chiavari specialità Trota Torrente, alla prima prova del Campionato Provinciale di Specialità organizzato domenica 1 marzo 2020 dalla ASD Valli Genovesi nel torrente Brevenna.

Anche se le piazze assolute sono andate alla Società organizzatrice Valli Genovesi, ben 5 atleti FIMA sulla rosa di 6 si sono aggiudicati ottimi piazzamenti se si considera che ogni settore era composto da non meno di 15 concorrenti, per cui le scelte del Presidente FIMA Umberto Righi, ancora una volta si sono dimostrate azzeccate, che in accordo con la Sezione FIPSAS di Genova ha puntato sulla scelta di ricominciare a disputare le gare di Trota Torrente acquisendo nel Team FIMA/Garbolino atleti provenienti da altre Società, e tra questi, ritorni di prestigio come Andrea Ardito, Robertino Solari e Gian Luca Attolini, allontanatisi da FIMA nel distante 2003.
Le classifiche generali dopo la prima prova con i primi cinque classificati di ogni serie:
In Serie A: 1° assoluto Nicholas Cervetto (Valli Genovesi) con 82 catture, 2° pari merito Romeo Gambino (FIMA/GARBOLINO) e Luca Folegnani (Valli Genovesi) con 65 pesci, 4° assoluto Paolo Zolla (FIMA/Garbolino) con 60 pesci, 5° Damiano Bosco (Valli Ge) con 55.
In Serie B: 1° assoluto Gianfranco Insacco (Valli Ge) 68 pesci, 2° assoluto Andrea Ardito (FIMA/Garbolino) con 66 pesci, 3° assoluto Aldo Ballestrero (ValliGe) con 43, 4° assoluto Robertino Solari (FIMA/Garbolino) con 41, 5° assoluto Gianluca Attolini (FIMA/Garbolino) con 39 trote.
Gara molto tecnica, taglia delle trote iridee immesse molto piccola (appena di misura) ma in quantità elevata, lo dimostra il numero dei pesci pesati (assoluto con 82 trote), considerando che chi ne aveva poche contava venti pesci, sino all’ultimo minuto c’è stata battaglia. Settori molto ampi hanno permesso di studiare al meglio la tecnica vincente, pur con livelli del Brevenna scarsi.

a cura di Umberto Righi (nella foto)