Home Sport squadra Pallavolo Finale scudetto : Busto crolla in gara 2, match point scudetto per...

Finale scudetto : Busto crolla in gara 2, match point scudetto per Piacenza sabato al PalaYamamay.

13
0

Dopo una gara 1 in cui Busto aveva saputo dare fastidio alla schiacciasassi Piacenza, in gara 2 sembra tutto facile per le Campionesse d’Italia in carica, che trascinate da una straripante Bosetti chiudono i giochi con un netto 3-0, che concede la possibilità di giocarsi sabato sera al PalaYamamay il primo match point scudetto.

Busto parte subito male, disattenta in retroguardia e poco efficace in attacco, Piacenza non sbaglia nulla a partire da una gestione perfetta di Ferretti, che sa ridare fiducia alle sue bocche di fuoco anche quando queste sono in difficoltà, passando per  una battuta sempre molto incisiva con il tris delle meraviglie Meijners-Van Hecke-Bosetti, per arrivare proprio all’albizzatese, vera e propria spina nel fianco di Busto, soprattutto nei momenti difficili per le sue compagne. La Yamamay non trova mai la giusta quadratura giusta e paga molto una battuta totalmente inefficacie, qualche disattenzione di troppo nella coordinazione muro difesa, oltre che uno scarso contrattacco, limiti che si pagano caro quando hai di fronte una squadra organizzata come quella di Caprara. In un PalaYamamay che registra da giorni il sold out, evento più venduto della settimana di Ticketone, si giocherà gara 3, in cui la squadra di Parisi che sempre ha fatto bene tra le mura amiche proverà a mettere i bastoni tra le ruote alle Campionesse d’Italia in carica, provando a ripetere la grande gara di campionato dove prevalse proprio la Yamamay. Dalla parte opposta della rete si presenterà sicuramente una Piacenza con la pressione dalla sua parte, ma allo stesso tempo con il morale alto per la consapevolezza delle proprie capacità e la voglia di riconfermare il tricolore sulla maglia, mettendo a segno un fantastico triplete in stagione. 

La Cronaca

Rebecchi Nordmeccanica Piacenza: 4 Leggeri, 5 De Kruijf, 6 Van Hecke, 7 Meijners, 10 Ferretti, 16 Bosetti, 11 Sansonna (L). All. Giovanni Caprara. Secondo allenatore Stefano Saja.

Unendo Yamamay Busto Arsizio: 1 Ortolani, 5 Michel, 7 Marcon, 11 Buijs, 13 Arrighetti, 14 Wolosz, 6 Leonardi (L). All. Carlo Parisi. Secondo allenatore Massimo Dagioni.

In avvio entrambi gli allenatori ripropongono i sestetti visti in gara 1, Caprara si schiera con Ferretti al palleggio in diagonale con Van Hecke, Meijners-Bosetti in banda, Leggeri-De Kruijf al centro con Sansonna libero. Parisi risponde con Wolosz al palleggio opposta ad Ortolani, Marcon-Buijs in banda, Arrighetti-Michel al centro con Leonardi libero.

Nel primo parziale Busto va subito in difficoltà a causa di qualche distrazione difensiva di troppo sul gioco in pallonetto di Piacenza. La squadra di casa mette il piede sull’acceleratore con Meijners (12-8), costringendo poi Parisi a fermare il gioco quando le lunghezze da recuperare salgono a cinque. Nel finale la Yamamay prova a rialzare la testa accorciando il gap grazie alla coppia Buijs-Ortolani (19-16). La rimonta termina quando Meijners mette a terra la palla che regala cinque set ball alle proprie compagne, che non falliscono alla prima occasione utile chiudono grazie all’errore di Ortolani (25-19). Strepitoso parziale per Van Hecke che chiude con un importante 60% in attacco.

Nella seconda frazione, inizio ancora da incubo per le bianco-rosse che sono costrette ad inseguire quattro lunghezze (8-4). Le ragazze di Parisi si riorganizzano e con maggiore grinta e concretezza si riportano sotto mettendo un po’ di pressione alle padrone di casa. Le bianco-azzurre non ci stanno e allungano nuovamente sfruttando gli errori avversari, che regalano per ben tre volte consecutive con l’errore in fast di Arrighetti (18-12). Piacenza gestisce la partita con tranquillità, senza che Busto trovi la scossa decisiva, nonostante il doppio time-out tecnico. Nel finale il monologo di Lucia Bosetti, che mette a segno quattro punti consecutivi, pone la parola fine al parziale (25-16).

Il terzo parziale sembra regalare qualche emozione in più con le “farfalle” che finalmente sembrano essere entrate in partita, portandosi avanti di quattro lunghezze in avvio, con Piacenza che incomincia a sbagliare in attacco con Leggeri (3-7). Sul 5-9 la squadra di Parisi stacca la spina e le padrone di casa sul turno di servizio di Van Hecke mettono a segno un incredibile break di 6-0. Parisi prova a giocarsi le carte Garzaro e Petrucci al posto di Wolosz, appena recuperata dai problemi influenzali e Arrighetti in difficoltà. Busto mantiene il ritmo fino a quando sale in cattedra Bosetti che determina il nuovo allungo, prima della risposta confezionata da Michel, con due attacchi e un muro (18-18) Si arriva alla volata finale in parità, ma ad avere la meglio sono le ragazze di Caprara che si affidano, ancora una volta, alla loro punta di diamante, Bosetti, che nei momenti decisivi mette a terra i palloni decisivi per concedersi due match ball. Chiude definitivamente il match il muro di Leggeri (25-22).

I numeri dicono di una Yamamay inefficiente in attacco con un 33% complessivo e la sola Buijs ad andare in doppia cifra (15 punti,36%). Altrettanto vale per la retroguardia che chiude con 36% di perfette a cui non ci ha abituato spesso la coppia Marcon-Leonardi. Piacenza risponde con un 40% complessivo in attacco e 47% in difesa con 12 muri messi a segno contro i soli 5 di Busto.

Roberto Bojeri